Per la Vigilia di Natale possiamo anche fare questi: bombolotti di mais…fritti, yeah!!!

Tutti abbiamo le nostre tradizioni per i giorni di festa, e se non sono tradizioni sono quei piatti che ci piacciono di più, che facciamo solo in giorni particolari, che i nostri famigliari aspettano da tempo. E se invece siamo aperte alle novità, se decidiamo di provare cose nuove, sapori diversi, magari che vengono da lontano, molto lontano?

Ecco allora questi bombolotti di mais e farina di polenta, croccanti, saporiti, morbidi dentro , leggeri, che si fanno mangiare in un sol boccone, furbi perché, ho fatto la prova, fidatevi, si possono preparare prima (anche il giorno prima), poi con un bel forno caldo e sotto al calore del grill riprendono la loro croccantezza e il loro aspetto originale. Mi hanno davvero entusiasmato, la ricetta l’ho avuta da Victoria, l’insegnante di inglese (americana) che l’anno scorso veniva a fare conversazione prima con Laura, poi , alla fine ha continuato con me. Si in effetti la bambina si era stancata e visto che mi ero presa l’impegno, ho continuato io, non vi dico la fatica, anche se per capire il significato dei nostri dialoghi me la cavavo abbastanza bene, ma la crisi profonda l’ho avuta quando dovevo tirar fuori dalla bocca due parole. Victoria mi incoraggiava, ma …che fatica. Durante le nostre conversazioni si parlava del più e del meno, ma soprattutto di cucina. Lei diceva di non essere una gran cuoca (così mi pare di aver capito) infatti avevo un po’ paura ad addentrarmi in una sua ricetta, invece…chissà se ho capito bene gli ingredienti, queste frittelline di mais sono proprio buone. Quindi ho pensato di proporvele perché alle mie bimbe sono piaciute molto e si prestano per essere anche offerte come aperitivo in queste serate con gli amici.

Frittelle di mais

50 Pezzi
Facile

Ingredienti

  • 150 gr di farina di mais tipo fioretto
  • 70 gr di farina bianca
  • 1 cucchiaino da te di lievito per torte salate o baking powder
  • 220 ml di latticello (se non potete procurarlo potete anche fare metà latte e metà yogurt bianco)
  • 2 uova
  • 1 tazza (250 gr di mais)
  • 1 cipollina fresca (facoltativa)
  • 150 gr di formaggio (tipo gouda o asiago)
  • olio per friggere (arachide)

­Procedimento

  • Mescolate le due farine con il lievito, in una ciotola unite il latticello, le uova, aggiungere il composto di farine, il formaggio, il mais e la cipollina tagliata a pezzettini piccoli.
  • Preparare un pentolino con abbondante olio (olio profondo), raggiungete la temperatura controllando con uno stecchino immerso nell'olio, se si formano delle bollicine intorno al bastoncino l'olio è pronto.
  • Aiutandovi con due cuchiaini fate scendere mucchietti di impasto, cuocete alcuni minuti rigirando bene, poi toglieteli e fateli asciugare bene con carta assorbente.

Note

Penso che possa diventare un ottima base per frittelle, provate anche voi a variare il contenuto, verranno fuori dei bombolotti veramente speciali...Buon we!!!
Vuoi condividere questa ricetta?

Feste, fritti, Natale, verdure


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (9)

  • Non so se ho capito bene, rileggo attentamente poi ti chiamo. Ma che sapore hanno?
    La foto ha la stessa energia di una creazione di Agatha Ruiz de la Prada, legata a un’infanzia piena di colore, fantasia, libertà e genio!

  • Che belle! Pensa che poco tempo fa avevo provato delle specie di sgonfiotti con la farina normale, stracchino e dadini di prosciutto cotto, sempre da friggere… erano venuti proprio uno schifo! Quasi quasi ci riprovo adattando la tua ricetta…
    Ma lo sai che tempo fa ho chiamato una giovane mamma di madrelingua spagnola che da gennaio verrà a giocare con Gaia… ovviamente nella sua lingua! Quante cose abbiamo in comune!
    Bella ricetta, te la copio sicuramente! Grazie ancora e alla prossima!!!

  • La ragazza canadese che veniva a giocare e a far conversazione con Chiara ed Anna era di origini italiane e impazziva per imparare le nostre ricette… quindi non mi ha lasciato nulla in eredità… la metterò alle strette la prox estate 😉
    Queste le faccio in collaborazione con la mia mamma: io faccio l’impasto e lei frigge!
    Però la prox settimana perchè ora son con la schiena bloccata 🙁
    Il dottore aveva detto: fai tutto ciò che vuoi ma non correre! Naturalmente, dopo 5 anni di inattività io ho pensato: vado a correre, pianin pianino… sembrava tutto ok, un giorno sì e uno no… fino a 25min di corsa e poi… crack, giorno no!
    Lunedì: punture di ozono 🙁
    Non è che potresti mandarmi un paio di bombolotti via mail?

  • molto molto intrigante questa ricettina fritta. il fatto poi che la si può prepare anche il giorno prima la rende ancora più interessante!, la trova giusta giusta co n l’aperitivo.

  • @daniela M -grazie , un caro saluto anche a te!

    @mannu – sanno di buono anzi, buonissimo con quel acidulo dato dal latticello…mmmh, na squisitezza. Grazie per la foto, colore, colore colore, is my life!!!

    @barbara – secondo me ci starebbero benissimo anche questi tuoi ingredienti, l’impasto è soffice e gustoso…che voglia barbara di rifarli!!!

    @monica:) -ma possibile che non riesci mai a stare ferma? quindi saresti anche un’atleta, corri? e poi? mammamia quanta energia monica… però stai attenta, con la schiena non si scherza, dai speriamo che passi presto, per le feste devi rimetterti in piedi , speriamo che le punture di ozono facciano bene il loro lavoro!!! povera monica, ti penso tanto!!! le punture però le fai solo tu,, se c’è una cosa che proprio non gradisco sono le punture, di qualsiasi tipo, unica eccezzione da ragazza mi facevo punzecchiare per mandar via la cellulite con la mesoterapia…che dolore…non le rifarei più però…

    @lucy – e fcciamolo questo aperitivo!!

    @Mara – dai , mi fai montare la testa così…

    @alem – auguri anche a te e alla tua bella famiglia, mi mancherete in questi giorni di festa ma i nostri discorsi riprenderanno subito dopo, come i nostri lavori…baci a presto

Rispondi a DanielaM Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency