Dove osano le mamme!

Ci provate anche voi , tanto lo so, dobbiamo farlo, perché sappiamo che è per il bene dei nostri figli, perché abbiamo una grande responsabilità (tanto per cambiare) è da noi che loro ricevono oltre al nutrimento del cuore anche quello per crescere sani e forti.
Io poi ho un marito che, meno male (?), ne approfitta sempre per ricordarmelo!
Domenica sera ad esempio, la tentazione di preparare una bella pappa al formaggino stava prendendo il sopravvento, era stanca e distrutta così, quasi quasi…

-Cosa prepari alle bimbe per cena? La volpe aveva visto le scatolette fuori dal frigo -Via, lungi da me , Roberto stai tranquillo non volevo usare questi formaggini che per altro ho comprato al super perchè Laura voleva l’astuccio di Minnie, li guardavo perché, ecco, non so cosa farne, forse al cane, che dici?-
Un bel brodino vegetale con zucchine e patate (lava sbuccia taglia, cuoci…) ha sostituito i miei progetti “maligni”.

Così, il lunedì la brava e riposata mamma, per guadagnare un po’ di punti e di stima, in fondo ormai anche in famiglia ha una reputazione da difendere, prepara una pietanza ,con tanto amore, che farà tanto bene ai suoi cari, perché ricca di fibre, verdure,vitamine  niente carne, che porterà in tavola con il sorriso, orgogliosa di quello che ha fatto sicura di aver agito per il bene delle sue pargole, e …voilà

-Oggi ho preparato questa profumata (forse questa definizione non è proprio indicata, meno uno in partenza), ehm, saporita (esagerata, e siamo a meno due!), coccolosa (ci può stare con queste temperature, recupero!) terrina di riso integrale con verdure (meglio rimanere vaghi).!
L’aspetto è ottimo, vedo facce soddisfatte, è fatta!
-Nooo, che puzza! ,io non la mangio! Lauretta, lei la mia bimba dolce con le treccine si sta trasformando in una capobanda, ora si rivolteranno tutte, no, Laura non me lo dovevi fare, sei sempre così carina con la mamma, sei una bimba sorridente, accomodante, disposta sempre a riflettere sulle cose, curiosa e amante del sapere.
Guardo mio marito, in cerca di un aiuto, ecco vedi io le faccio le cose come le vuoi tu, adesso però intervieni, convincile tu che sei il dottore di casa.
Ecco che Roberto comincia, Silvia (la più grande) non vuole nemmeno sentirlo, ha detto che non lo mangerà e così sarà, Elisa fa una confusione, anzi è lei talmente confusa dalla fame che alla fine cede e ne mangia metà, non capisco con che opinione, Laura giusto perché fa bene ne mangia un po’, ve lo avevo detto che è fantastica e le perdono il fatto di aver iniziato l’insurrezione, ma udite udite, Chiara la critica Chiara, lo trova insieme a noi ,ovviamente, fantastico, ne mangia, ne rimangia e lo rivuole ancora!
In parte l’ho “svangata” diciamo che in fondo è andata bene, ho osato e non potevo desiderare di più!

Ciao osate anche voi , un po di imprevedibilità fa bene alla vita!  Io mi sono presa anche un bel bacio dal marito eh, eh, eh)

Tante novità e comincio un po’ per volta:

La prima è che anche le mamme (amiche, nonne, zie, cugine, papà fratelli etc..) di Firenze e dintorni potranno acquistare per se e per altri (Natale è alle porte ci avete pensato?) il libro Ricette x gioco in un bellissimo Multistore, ristorante, libreria e bazar del centro:

LA GABBIA Via Isola delle Stinche 9r, Firenze

Visitatelo e non ve ne pentirete!

Terrina di riso integrale con cavolo e formaggio

6 Persone
Facile
10 minuti
20 minuti

Ingredienti

  • 300 g di riso integrale
  • 600-800 g di latte
  • 30-40 g di farina
  • 2 cucchiai di olio
  • 150 g di formaggio ( tra parmigiano e fontina)
  • 600 g di cavolo bianco
  • sale
  • pepe
  • pan grattato (per formare un po' di crosticina)

­Procedimento

  • Lessate il riso. Lessate il cavolfiore tagliato a cimette in acqua salata.
  • Preparate la besciamella con l'olio (versate l'olio in una pentola, aggiungete quando sarà caldo la farina, girate bene e unite il latte caldo, salate e cuocete per circa 10 minuti).
  • Amalgamate il riso alla besciamella con circa la metà dose di formaggio, poi ungete una pirofila,spolverate di pan grattato e distribuire metà del composto, farcire con il cavolo e la metà del formaggio rimasto, ricoprite con il restante riso, compattate bene con il dorso di un cucchiaio.
  • Distribuite il restante formaggio mescolato con un po' di pan grattato (in questo modo avrete una bellissima crosticina che sarà ancora più buona se la “infiocchetterete” con un po' di burro).
  • Mettete in forno caldo per circa 20 minuti fino a quando non si sarà formata la doratura.

Note

Potete prepararla anche il giorno prima e infornarla al momento del bisogno come ho fatto io il giorno dopo per Chiara, la prima foto qui è la sua porzione prima della cottura.
Vuoi condividere questa ricetta?

formaggio, integrale, Ricette veloci, riso, Vegetariane


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (17)

  • Ma dai!!!
    Mercoledì Chiara è rimasta da mia mamma, che le ha fatto il cavolo con la besciamella… e lei lo ha richiesto anche per la volta sucessiva, così il venerdì, al mercato del contadino mia mamma ha fatto mincetta di cavolo.

    Io invece oggi provo con cavolo nero e patate: che ne dici, la svangherò anch’io? 8)

    Buona settimana 🙂

  • mmmm slurp, io adoro il cavolo e cerco di farlo mangiare anche al mio fidanzato, che invece odia…chissa fatto cosi come nella tua ricetta che possa riuscirci una seconda volta a farli mangiare la verdura “del cavolo” che fa tanto tanto bene??!!! speriamo

  • Quando 5 su 6 ci sono, direi che è un successone.
    Mi fa sorridere il fatto che proprio Silvia abbia detto no, mai! Da piccoli bisogna spiegare e da grandi? Lasciare che ci arrivino da soli. La fase più dura per un genitore, si trema un po’. Ti prende la paura di non esserti spiegata bene prima, quando le parole avevano un peso e un abbraccio comprendeva un mondo.
    Sempre ammesso che non a tutti deve per forza piacere il Cavolo!!
    Ci sarebbe stata bene anche una grattugiata di tartufo, ma ahimè quest’anno niente Eataly, niente Torino, niente Artissima.

  • certo che il cavolo è un po’ particolare, come sapore…
    ho giusto due cavolfiori che mi aspettano in frigo
    ma non ho il marito amante della corretta alimentazione (potrebbe rappresentare degnamente l’antitesi, della corretta alimentazione, a dire il vero)
    se il cavolo lesso non me lo mangiano proverò anche questa, grazie.

  • ahahaha anche a casa mia succedono di queste cose..credo succeda in ogni casa!! Con la differenza che quella salutista son io però nessuno mi ascolta perchè non son un medico!

  • Che belle terrinette…. Noi siamo nella fase “cibo nuovo = non mi piace”, ma per fortuna il cavolfiore è tra le top 10 dei cibi più amati dai mei mostriciattoli duenni! Mi sa che è un paradiso che dura poco, eh?
    Solo che lo mangiano solo se è bollito e scondito.
    Insomma, non esattamente dei buongustai….

    hai provato mai a fare il purè di patate con metà patate e metà cavolfiori? ottimo, delicato, e … non si capisce qual’è l’ingrediente “segreto” 😉

  • Ciao Natalia,
    ti seguo sempre con tanto affetto, fin dalla prova del cuoco.
    Ricordo che in una puntata avevi dato come consiglio di mescolare cibi che non piacciono con altri, in modo da mitigarne il sapore e così ho fatto oggi: ho mescolato cavolfiori e patate precedentemente cotti e poi mescolati insieme a formaggio grattuggiato, uovo e pan grattato per farne delle polpette, ed è stato un successone, Francesco, il mio bambino, si è leccato persino il piatto!

  • Natalia che ridere, a me il cavolo piace, al maritoinvece schifa e la piccola non ha ancora avuto l’onore. posso sfruttare tuo marito per chiedere con quale frequenza si dovrebbe mangiare carne? io quando cucinavo solo x me e il marito non la facevo spesso, ma adesso che c’e’ la piccola ho paura di toglierle delle proteine importanti quindi a la faccio piu’ spesso alternata coni legumi che fortunatamente adora.

    ps. oggi sono stata da Artioli ed ho acquistato il tuo libro: non ho ancora avuto modo di leggerlo attentamente pero’ devo dire che e’ proprio carino (uso carino solo perche’ piccino di formato 😉 ) complimenti!!!

  • Anche io faccio il gateau di cavolfiore e lo mangiano tutti senza colpo ferire oppure ci faccio le crocchette con il cuore filante…non ne rimane neanche una!!!Sono trucchetti che solo noi mamme (e mogli!!!) conosciamo!!Bacio

  • Mi fai troppo ridere…mi sembra di essere a tavola con voi anch’io (che bello)… perfetta telecronaca in diertta e com’è ovvio mi ci rivedo in pieno con i bimbi che dopo tutto il mio sfornellare mi chiedono pane e olio, oppure assaggiano con la boccuccia a cuore, tutta striminzita…ma io non mollo e ritento…
    Proverò anche con questo bianchissimo, lattigginoso e invitante piattino.

    Buona giornata a te e company ^_^

  • Urca il cavolfiore…!!
    ma io sono fortunata la mia bimba ama gli alberetti, adesso proviamo questi bianchi, stile neve di babbo natale…proviamo érché cambino gusto come i vestiti a questa etá..mannaggia.
    Un abbraccio

  • e hai fatto bene a osare….ti confesso che a vederle così, anche io me ne sarei mangiata volentieri una porzione!!!!

    PS un suggerimento per quando sei stanca e la volpe adocchia i famigerati formaggini! l’ho già anche postata sul blo, se vuoi dare un’occhiata è uno dei primi post….
    fai bollira l’acqua, poi metti a pioggia del pangrattato (quello che prepari con gli avanzi del pane secco!), un po’ di dado bimby, mescoli, porti a ebollizione, poi aggiungi un uovo e continui a mescolare……
    il gioco è fatto, ed è buonissima!!! baci

  • Naty capiti a “fagiuolo”.. o meglio dire a cavolo!
    Ho un cavolo di mio suocero che mi guarda da sabato, l’anno scorso mia figlia era piccola e per me era più facile farle mangiare quello che volevo… ora comincia a fare domande… troppe domande… su quello che ha nel piatto. Per fortuna ce la caviamo quasi sempre bene, lei mangia praticamente tutto… volevo provare col cavolo, l’anno scorso lo mangiava… ma questo sarebbe il primo cavolo dell’inverno 2010…
    Non ho il riso integrale (promesso che lo compro!) ma per una volta si può usare anche quello normale no?
    E allora via.. mi faccio coraggio e sta sera ci provo.. domani ti so dire come è andata!
    Un bacio e grazie
    Pat

  • @Monica:) – qui cil cavolo a volta va e a volte non va! vallo a capire!!!

    @Francesca – secondo me se non gli dici niente….

    @Mannu – tu la conosci Silvia… il tartufo del nonno, quanto mi manca!

    @Claudia-cipi – a volte i mariti amanti della buona alimentazione…rompono !! soprattutto quando cerchi di fare sempre le cose per bene e ogni tanto ti vuoi concedere uno “sfizietto”…

    @Cleare – fatti valere !!!

    @Bea- non saranno degli intenditori ma è un modo molto sano di mangiare le verdure. le mie bimbe lo fanno con i fagiolini, ne mangiano uno dietro l’altro senza condirli e …con le mani!!!
    Ottimo consiglio, patete e cavoli, lo voglio fare! grazie 🙂

    @Amalia – buonissime le polpette di cavolfiore, ottimo buongustaio Francesco! grazie dei complimenti!!

    @Elena – mio marito dice di mangiare la carne rossa non più di due volte alla settimana, alternare pesce e carni bianche, aumentare le dosi di frutta e verdura! prima o poi gli farò spiegare ben bene le cose, appena lo becco disponibile gli faccio fare una bella chiacchierata qui sul blog!
    grazie per aver acquistato il libro 🙂

    @Ambra – che meraviglia il gateaux , l’unico neo del cavolo è che non si presenta bene con il suo profumino!!!!

    @letiziando – hai visto che il libro è in vendita a firenze??? penso che in tutte le case dove ci sono bambine le scene si ripetano in questo modo!! che pazienza!!!

    @Glu.fri – i gusti cabiano aimè, ricordo che Silvia, la mia grande, faceva abbuffate anche di cavoletti di bruxelles, ora manco li vuole vedere da lontano!!! ci sarà un ritorno alle origini? solo il tempo lo dirà….

    @annarita – giusto!!! ottima considerazione

    @maetta – la voglio provare dve essere davvero buona! grazie del consiglio, non me la ricordavo!!!

    @Patrizia – scusa se non ti ho risposto in tempo! certo che il riso normale va bene uguale! quello integrale è da puristi/vittime/mariti/naturalisti/ e chi ne ha più ne metta, però devo dire una cosa, a noi il riso integrale ….Piace!

Rispondi a Elena Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency