La nostra pizza

1 teglia
Media
3 ore

Ingredienti

  • 600 g di farina O
  • 4/5 g di lievito di birra
  • 350/400 ml di acqua circa
  • 1-2 cucchiai di olio extravergine
  • 1 cucchiaio raso di sale

­Procedimento

  • Se mi aiutano le bambine mettiamo la farina in una ciotolona, aggiungiamo l’acqua con il lievito e iniziamo a muovere le manine dentro. Aggiungiamo poi l’olio e il sale e cerchiamo di formare una palla morbida che continueremo a lavorare sul piano di lavoro.
  • Quando non si attaccherà più, mettiamo la pasta unta in superficie nella ciotola grande e la riponiamo in frigo. Il giorno seguente, due o tre ore prima del suo utilizzo la tiriamo fuori e la lasciamo ritornare a temperatura ambiente.
  • Poi piano piano la “scaravoltiamo” sul piano infarinato con la semola, adagio, senza sgonfiare (qui quando posso il lavoro lo faccio solo io), divido il panetto in due e da sotto con le mani comincio ad allargare l’impasto fino alla misura della mia teglia sempre aiutandomi con la semola.
  • Adagio la pizza così stesa (sottile) sulla carta da forno e la metto in teglia a riposare una mezz’oretta prima di essere condita e di infornarla alla massima temperatura.
  • Il condimento classico è con il pomodoro, origano e olio, poi a 5 minuti dalla fine della cottura tolgo dal forno e cospargo la mozzarella.
  • Nella versione, chiamiamola espressa, preparo due tre ore prima l’impasto con il lievito di pasta acida, metto a lievitare in un luogo riparato da correnti fredde e poi procedo dopo lievitazione avvenuta come sopra.
  • Non usiamo il mattarello, abbiamo atteso tanto tempo per avere una pasta piena di bollicine che andarle a schiacciare tutte è un “sacrilegio”, stendendo la pasta con le mani delicatamente prendendo l’impasto dal bordo e lavorandolo da sotto manterremo il tutto più soffice e vedremo a cottura ultimata il nostro bel lavoro nell’impasto con le nostre bolle.
  • Non sono una maestra pizzaiola ma così la nostra pizza ci piace, è digeribile e croccante proprio come la vogliamo noi!
Stampa