Il tempo passa ed io odio pulire #angoliocurve

Quando voglio avere delle conferme su come io sia cambiata nel tempo mi basta pensare a come consideravo l’argomento delle pulizie . Avete voglia di saperlo?

C’era una volta una Natalia che appena sposata, amava preoccuparsi personalmente della pulizia e del riordino di casa, aveva una persona che la aiutava , ma solo una volta alla settimana perchè questo le permetteva di stare ancora più tranquilla sull’igiene della propria casa: pulizia del pavimento tutti i giorni, bagni sempre impeccabili, lenzuola profumate e pulite, camice ben stirate, ah quello si che le dava tanta soddisfazione, potersi dedicare a quel nido d’amore occupandosi di tutto.
Poi un grande avvenimento sconvolse quella tranquilla e soddisfatta padrona di casa, anzi va, facciamo 4 grossi avvenimenti più uno.
La famiglia nel giro di 10 anni triplicò paurosamente, non c’erano più solo lei e lui ma ben 4 figlie un cane da gestire e una casa raddoppiata come grandezza.
Aiuto!!!La poveretta provò a tener testa a quella situazione, ma più puliva metteva in ordine igienizzava e più si esauriva, si arrabbiava, si stancava…
Tra le altre cose aveva finalmente anche esaudito un sogno, portare avanti la passione di cucinare che le dava tanta soddisfazione ma che ahimè contribuiva a creare montagne di piatti da lavare e fornelli da sgrassare. Ecco, più cucinava e fotografava e più anche lei metteva in disordine e creava caos. No non era possibile pretendere di avere tutto a posto e allora che fare?
Il trascorrere del tempo l’aveva resa più saggia e consapevole e presto arrivò così a prendere una decisione : occorreva darsi delle priorità da portare avanti e il resto , ciò che non riusciva a fare lo poteva lasciare indietro senza rancore.
Per assolvere in modo soddisfacente al problema delle pulizie bastarono solo un po’ più di astuzie accortezze ed organizzazione non senza l’aiuto di qualche elettrodomestico in più ,di quelli che la tecnologia moderna ci offre proprio per renderle più veloci semplici e meno faticose ,perfetti quelli  di ultima generazione  come i robot aspira polveri ad esempio e il problema si risolse senza fare tanti drammi e senza mai dimenticarsi di ripetere sempre più spesso il motto di “si fa quel che si può!.

Alla fine di questa storia vi potrei anche confessare  che ora non piace nemmeno più pulire: non mi rilassa, non mi gratifica mi stanca da morire e praticamente lo faccio solo per dovere, ecco l’ho detta, la fregatura è che mi piace stare nel pulito, così mi faccio venire in aiuto dagli elettrodomestici e più sono nuovi più sono autonomi. Quando c’è pulito non ho nulla in contrario nei confronti di  un sano e ben dosato disordine, mi fa stare in allenamento con la testa quando devo  ricordarmi dove sono state messe le cose, una ginnastica che ormai da tempo pratico in continuazione eh, cosa volete il tempo passa….

E voi , cosa ne pensate , fare le pulizie è un piacere?

Questo post è offerto da LG Hom-bot Square
Con Hom-bot Square, LG ha creato un robot aspirapolvere su misura per la tua casa…
…perchè la pulizia non è curve, ma angoli!
Scopri tutte le storie di #angoliocurve su Blogmamma 

Vuoi condividere questa ricetta?

sponsored post


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (11)

  • Oddio, questo post casca a fagiolo.. sto riordinando e pulendo casa da giorni, da settimane.. faccio un po’ per volta per non avere ansia, a casa voglio sentirmi in relax, si, ma anche nel pulito e nell’ordine. Sono una maniaca. Ma ho imparato ad accettare che se non è tutto a posto posso vivere lo stesso (tanto sono sempre a casa da sola ahah). Ho rifornimenti per 10 anni di detersivi, ognuno specifico per qualcosa, altri doppioni che non sia mai finisca qualcosa. 3 aspirapolvere: il robottino, il folletto e un dyson specifico per i peli di animali.. e ripeto che praticamente abito da sola con un cane, eppure non riesco a capire come faccio a produrre tutto sto caos.. dev’essere perché sono sempre di corsa! 🙁

    Natti ma a te le bambine piccole non aiutano a riordinare? A loro ancora puoi far credere che sia una cosa divertente! 😛

  • Anche io ero più maniaca delle pulizie, ora invece, mi piace sempre l’ordine e la pulizia però se non è tutto a posto me ne sono fatta una ragione!!! 🙂
    Bye e Baci!

  • A me piace pulire ma cn due nanetti in giro che dopo 5 minuti di ordine tutto e’ cm prima…bhe ho imparato a chiudere un po’ gli occhi, ma che fatica! Divento maniaca qnd so che deve venire qlcuno! Odio le improvvisste ah ah! Wow che idea qst robot nuovo ma mi sono fatta regalare solo un anno fa un pezzo di un aspirapolvere famoso che lava tappeti e pavimento, quindi x un po’ devo stare tranquilla su qst fronte! Baci ciao ciao

  • Rivivo le stesse cose a casa mia. Dopo un mezzo esaurimento mi sono quasi rassegnata… E ora che avevo raggiunto un “quasi” equilibrio Giorgio ha cominciato a camminare per cui è di nuovo CAOS INFERNALE!
    Consiglio a tutti di visitare il sito dello sponsor per vedere il corto sul batuffolino di polvere… meraviglioso! Sinceramente però mi ha messo dei sensi di colpa…

  • Io dico solo: W la tecnologia e tutto ciò che ne possiamo ricavarne!!!!
    Anch’io subito dopo sposata ero tutta un lucida e lava, ma ora le priorità sono cambiate…per fortuna!!!

  • Ciao Natalia, anch’io ero un po’ come te all’inizio, sempre a lustrare e pulire, ma con l’arrivo del tato tutto è cambiato … anche se a volte per le pulizie di primavera l’aiuto di un’altra persona sarebbe utile … ma non me lo posso permettere! 🙂
    Un caro saluto.
    Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency