Thai, thai, pollo thai…No, non è una canzone!

Dai che ogni tanto è bello “farlo strano”, cucinare sempre le stesse cose, sempre allo stesso modo, che noia che barba, questi esperimenti rompono la monotonia dei nostri pranzi e delle nostre cene  e secondo me vale le pena prepararli anche solo per non “imbruttirci” troppo in cucina. Non garantisco pieni voti, no, questa volta no, anche se da me ci siamo divertite molto con le bacchettine  e in bocca, a forza di tentativi sono finite anche le tagliatelle con i broccoli,  forse più per il gioco dei bastoncini,  per fare a gara a chi di noi riusciva ad essere più abile, che per il gusto di questo piatto pieno di verdure in bella vista.

Certo dipende anche dal momento in cui avete deciso di portarlo in tavola : una serata speciale dedicata al cibo orientale,mostrando fotografie di bambini cinesi e giapponesi che mangiano nella tazza con queste strane posate, oppure facendo notare che anche kung fu panda mangiava queste cose e per questo riusciva a fare tutte quelle mosse, beh, sono sicura che potreste anche rimanere stupite dall’insolita curiosità  dei vostri pargoli di assaggiare le tagliatelle di riso con pollo thai e broccoli. Fatevi aiutare a preparare questa ricetta per fare magari una sorpresa a papà che, quando tornerà a casa stanco ed affamato pensando di trovare tutto pronto e sedere comodamente a tavola, dovrà (invece, come ha fatto il nostro) continuare a lavorare per dimostrare ancora una volta di sapersela cavare e usare le bacchettine per mangiare questo bel piatto di pasta….o a lui vogliamo dare le posate? – Le vuoi Roberto le posate, in fondo sei stanco!!!-

Se volete vedere il video della ricetta realizzata in trasmissione andate qui

ENGLISH VERSION
Thai, thai, thai chicken…no, it’s not a song!
Everyone knows that sometimes “strange is better”; always cooking the same things, always in the same way, is so boring. These experiments break the routine of our meals and I think they’re worth making even if it’s just so we don’t “become ugly” in the kitchen. I’m not guaranteeing first class honors, not this time, even though we did have lots of fun with chopsticks and, after many attempts, even the noodles and broccoli ended up being eaten, maybe more thanks to the game that chopsticks offer, seeing who was better at using them, than thanks to the taste of this meal where all the vegetables are within sight.
Of course a lot depends on the moment you choose to serve it: a special evening dedicated to oriental food, showing your children photos of Chinese and Japanese children eating from a bowl with this strange cutlery, or reminding them that also kung fu panda ate these things and, thanks to this kind of food, was able to make all those moves. Well, I’m sure you might be surprised by the unusual interest your little ones will have in trying these rice noodles with Thai chicken and broccoli. Get them to help you make this recipe, maybe to surprise dad who, when he’ll get back home tired and hungry expecting to sit down at a table and all the food being ready and served, will have to (as ours did) keep working to show once more that he’s capable and use the chopsticks to eat this lovely plate of noodles…or shall we give him a knife and fork? – Do you want a fork, Roberto, you are tired after all!-

For a video of this recipe made during the programme go here.

Il pollo thai

8 Porzioni
Facile

Ingredienti

Ingredienti:

  • 700 g di broccoli siciliani
  • 400 g di petto di pollo
  • il succo di mezzo limone
  • 2 cucchiai di olio extravergine
  • 2 cm di radice di zenzero
  • 170 g di spaghetti di riso (noodles misura large)
  • 3 uova
  • 1 porro

Ingredients: (serves 6/8 people)

  • 700 g of Sicilian broccoli
  • 400 g of chicken breast
  • the juice of half a lemon
  • 2 spoonfuls of olive oil
  • 2 cm of ginger root
  • 170 g of large noodles
  • 3 eggs
  • 1 leek

­Procedimento

Istruzioni:

  • Tagliate il pollo a striscioline sottili , fatelo marinare con il limone, l’olio, l’aglio e lo zenzero.
  • Fate rinvenire gli spaghetti di riso in acqua calda seguendo le istruzioni della confezione acquistata.
  • Togliete le foglie esterne dei broccoli, pulite il gambo e sbollentateli per qualche minuto in acqua e sale, scolateli e divideteli a cimette.
  • Preparate con le tre uova tre frittatine sottili e tagliatele poi a striscioline.
  • In un capiente wok o padella antiaderente cuocete il pollo aggiungendo un filo d’olio e salare.
  • Una volta cotto mettetelo da parte. Nella stessa padella mettete il porro tagliato a fettine, cuocetelo e aggiungete i broccoli, lasciate insaporire, unite gli spaghetti, l’uovo e il pollo.
  • Mescolate bene e servite dentro a ciotoline con le bacchette...

Instructions:

  • Cut the chicken into thin slices, let it marinate with the lemon, oil, garlic and ginger.
  • Cook the noodles in boiling water following the instructions on the box.
  • Take away the external leaves of the broccoli, clean the stem and boil them for a few minutes in salted water, drain them and divide into smaller pieces.
  • With the three eggs, prepare three thin omelettes and cut them into small slices.
  • In a big wok or frying pan cook the chicken adding a little oil and a pinch of salt.
  • Once cooked, put aside. In the same pan put the leek, cut up into slices, cook it and add the broccoli. Leave it to flavor, add the noodles, egg and chicken.
  • Mix well and serve in small bowls with chopsticks…
Vuoi condividere questa ricetta?

broccoli, Carne, pollo, riso, spaghetti, verdure, videoricette


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (14)

  • Natalia… questi esperimenti mi piacciono e sono proprio d’accordo con te! A volte rompere la monotonia servie sia a noi che cuciniamo che ai nostri bimbi… anzi, soprattutto a loro, che incuriositi dalla novità ripuliscono il piatto senza accorgersene… e noi rimaniamo lì come sceme a chiederci come mai non ci avevamo pensato prima…
    Brava!
    P.S. Ma dove le hai prese quelle ciotoline colorate? Sono proprio graziose!

  • Secondo me, le mie picolette si mangiano tutto!
    Adorano la cucina cinese, io faccio il pollo alle 5 spezie e loro ingurgitano senza storie. Vermicelli cinesi croccanti e non, sono graditisdsimi… vuoi vedere che con tutta questa messa in scena riesco a far mangiare loro anche i broccoli !
    Beh, inurile dirlo vero?
    Il problema sarà il Comandante… però anche lui con le bacchette se la cava bene 🙂

    Devo dire grazie ad un documentario su dei bambini coreani, se ora Chiara mangia l’insalata… la mamma coreana aveva trovato un giochino grazioso che a mia figlia era piaciuto molto, così l’ho riproposto a tavola e: magia, Chiara, la mia Chiara, ora mangia l’insalata… non solo, me la chiede anche!!!
    A volte la tv serve 😀

    Complimeti come sempre,
    a prestissimo!!!!!

  • ottimo mix di sapori per una bella serata all’ orientale! Sarà divertente per tutta la famiglia questa gara di abilità “con le bacchette”. Chi sarà il più abile?

  • ciao zia!!!! oggi la mamma ha preparato questo buonissimo piatto!!! è veramente squisito.. io, carlo e vitti speriamo che lo rifaccia presto !!! ciao un bacione.. a sabato in TV!!!:D

  • Ciao cala amica…il tuo melaviglioso pollo thai ci piace tanto.
    e poi è ploplio sano con tutti quei bloccoletti…
    hai semple idee nuove ed intelligenti…
    a plesto
    Chiala

  • @maria -si, è una ricetta riproposta con sapori più vicini a noi.

    @letizia – beh, magari con le bacchettine ci farebbe di tutto meno che mangiare!!! ognuno conosce i propri “polli”

    @barbara – carine vero? facevano parte di una vecchia collezione di Ikea, chissà se le trovi ancora?

    @monica:) – che bello monica oggi, anche se per un “pelo”. dalla mannu sono andate a ruba!!! provare per farmi sapere, ciao e grazie di tutto, buonissimo il dolce un attentato alla mia golosità e alla mia bilancia.

    @alem – è bello cambiare ogni tanto menù

    @elga – allora…via libera!

    @mannu – so già come è andata! promosso anche li da te vero?

    @lucy – da noi qualcuno si è arreso, ma le forchette erano a portata di mano!

    @enza – ciaooo, come va, la piccolina è bellissima, tu anche, insomma siete forti! allora vai con il pollo thai e i broccoli, ricetta veloce e divertente, lo zenzero c’è ma non si sente molto!

    @elena – grazie ely, che bello sentirti anche qui e che onore!!! allora sono contenta che vi sia piaciuto perchè sennò mi sentivo in colpa, la mamma è una “copiona” delle mie ricette e se ne sbaglio una ci rimettete voi!!! baci a tutti

    @chiara – grazie chiara, fra un po’ inizieranno le belle giornate e sarà il momento di incontrarci vero? ti farò sapere quando torniamo a san nicola, ci dobbiamo raccontare un sacco di cose!

  • @estrellazul – a noi è piaciuto molto, le bimbe si sono divertite e le ragazze hanno apprezzato molto. segui bene l’indicazione di “cottura” delle tagliatelle di riso, quelle che ha usato mia sorella dovevano essere messe in acqua bollente per tre minuti, le mie che ho acquistato in un negozio specializzato in prodotti stranieri (castroni) potevano essere messe semplicemente a bagno in acqua calda o a temperatura ambiente. buon pranzo thai, e tu chissà che belle ricette che fanno da quelle parti, mi piacerebbe impararne qualcuna, se vuoi e se hai tempo potresti mandarmi alcune idee? potremmo anche eseguirle insieme e scambiarci i link adesso vado a sbirciare da te e vedere se trovo già qualcosa da fare!!! ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency