I tre fratelli “melmosi”

Ovvero come convincere le proprie figlie a mangiare una crema di spinaci dal colore triste e poco invitante.

50 + 30 + 30min, non sono numeri a caso, ma quelli che corrispondono all’incirca alle calorie di questa crema di spinaci e al tempo della sua preparazione. Togo (trad. dal sassolese -forte-) vero!
Dopo tutto quel che abbiamo mangiato nei giorni scorsi ci voleva proprio. Così mi sono messa in cucina e ho cotto due cipolle in forno con un cucchiaino di zucchero di canna, nel mentre in una pentola ho messo degli spinaci, due patate a dadini piccoli e acqua . Dopo mezz’ora ho aggiunto la cipolla caramellata , ho frullato tutto , un po’ di parmigiano ed ero contenta perché la crema era molto appetitosa senza aggiunta di olio e altri condimenti ed avevo accumulato solo all’incirca 50 cal a porzione.

Però c’era un fatto , il suo colore non era per niente invitante, e mi son detta – come posso farla mangiare alle bimbe, una minestra dal colore della melma, loro conoscono la storia dell’uomo delle paludi, beh, quando proprio non ne vogliono sapere di fare le brave interviene questo omone che riemerge dalle paludi e se non smettono le ricopre tutte tutte di melma puzzolente e le porta via…Sono esagerata, lo so, mia sorella me lo dice sempre, ma loro vogliono sentire queste storie, io poi, non vedo l’ora di mettere in pratica le mie esperienze teatrali e di doppiaggio (da ragazza ho fatto anche questo) ed allora porto in scena spettacoli terrificanti (ma divertenti tranquille!) l’unica cosa è che a forza di spaventarle, le mie piccole non hanno più paura di niente … Ecco allora che ho pensato di rendere questa crema più accattivante friggendo pochi spaghettini di mais (le 30 cal che seguono alle 50 ) che sono diventati dei biondi capelli particolarmente gustosi, con una spruzzatina di formaggio philadelphia ho fatto occhi e bocca ed ecco qua i tre fratelli melmosi pronti a finire nelle nostre bocche!!!! Beh, così la crema di spinaci è tutta un’altra cosa, che dite?

A proposito, voi come li spaventate i vostri figli!!!!Scherzavo naturalmente…..

ENGLISH VERSION
The three “Slimy” brothers…
Or how to convince your kids into eating spinach cream with its sad and uninviting color.
50 + 30 + 30min, aren’t random numbers, but those that coincide with the calories of this spinach cream and with its preparation time. Really cool!
After everything we’ve been eating the past few days we really needed this. So I got myself in the kitchen and cooked two onions in the oven with a spoonful of cane sugar, while in a saucepan I put some spinach, two potatoes cut into small cubes and water. After half an hour I added the candied onions, I whisked everything adding a little parmesan and I was happy because the cream was very appetizing without having to add oil or other condiments and I had built up only around 50 cal per portion.
The only problem was, its color wasn’t inviting at all, and I told myself, “how can I get my girls to eat this, a soup that’s the color of mud, they know the story of the swamp man, well, when they really don’t want to be good this big man comes out of the swamps and if they don’t stop he’ll cover them with smelly mud and take them away…I exaggerate, I know, my sister always tells me, but they want to hear these stories, and I can’t wait to use my acting and dubbing experiences (as a girl I did this as well) and so I stage terrifying (but fun, don’t worry!) shows. The only problem is that by constantly scaring them, my babies aren’t scared of anything anymore… So here I think that I’d make this soup more inviting by frying a few maize spaghetti (the 30 cal following the first 50) and making them into particularly tasty blond hair, and with a little Philadelphia cheese I made eyes and mouth and here are the three slimy brothers ready to end up in your mouths!! Well, this makes the spinach cream into something completely different, don’t you think?

By the way, how do you scare your children? Just joking…

La crema di spinaci

6 Porzioni
Facile

Ingredienti

Ingredienti:

  • 350 g di spinaci freschi puliti
  • 2 patate medie
  • 2 cipolle
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna
  • 30-40 g di parmigiano
  • 1 pugnetto di spaghetti di mais
  • 100 ml di olio di semi per friggere
  • 2 cucchiai di formaggio cremoso

Ingredients:

  • 350 g of fresh spinach
  • 2 medium-sized potatoes
  • 2 onions
  • 1 tsp of cane sugar
  • 30-40 g of parmesan
  • a fistful of maize spaghetti
  • 100 ml of vegetable oil
  • 2 spoonfuls of creamy cheese

­Procedimento

Istruzioni:

  • Mettete le cipolle tagliate a metà cosparse con un cucchiaino di zucchero di canna a caramellare nel forno caldo a 180°. In una pentola sistemare gli spinaci lavati, le patate tagliate a dadini sale e acqua, circa 600/800 ml.
  • Fate cuocere per 30 minuti, togliete la cipolla dal forno e aggiungetela alle verdure e frullate tutto fino ad ottenere una crema liscia, aggiungete il formaggio salate e mettete da parte.
  • In un piccolo pentolino mettete l’olio di semi, raggiunto il punto di calore friggete gli spaghetti di mais pochi alla volta spezzettati.
  • Si gonfieranno in un attimo e diventeranno gonfi e croccanti, ottimi anche da mangiare come snak.
  • Salate, e decorate le ciotoline che porterete in tavola con i capelli.
  • Poi disegnate sistemando il formaggio cremoso in un sacchettino usa e getta tagliato in un angolo gli occhi e la bocca e fate mangiare queste faccette melmose alle vostre bimbe, sarà un successo e saremo tutti più leggeri, anche se spaventati a morte!!!

Istructions:

  • Cut the onions in half, cover them with a tsp of cane sugar and put them to caramelize in the oven, preheated to 180°.
  • Put in a saucepan the cleaned spinach, the potatoes cut up in small cubes, a pinch of salt and about 600/800ml of water. Cook for 30 minutes, add the onions from the oven and whisk everything together to get a smooth cream, add the cheese and a little salt and put on the side.
  • In a small saucepan heat the vegetable oil and fry the maize spaghetti, few at a time and cut up.
  • They will swell up in a few seconds and they’ll become bloated and crispy, perfect even as a snack.
  • Add salt and decorate the bowls of soup using the spaghetti as hair, then with the creamy cheese draw the eyes and mouth using a disposable bag with a corner cut off. Then get your kids to eat these slimy faces, it’ll be a big success and we’ll all feel lighter, even if scared to death!
Vuoi condividere questa ricetta?

crema, spinaci, verdure


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (10)

  • Ma toh guarda…….
    ripasso di qua pochi minuti dopo la prima visita……e trovo già una nuova ricetta….ma sei fenomenale!!!
    Dunque…..ma da dove salta fuori sto colore Natalia? in effetti non pareva molto invitante 🙂 come mai? in genere con gli spinaci viene bella verde……a vederla così questa ricorda di più il cioccolato: potresti sfornare un’idea simile, dolce (anche se dubito che rispetteresti il calcolo delle calorie!)
    beh, sorvolando sul colore (per non rimanere in tema col discorso della Mannu 🙂 )l’idea di vestire questa pietanza mi sembra ottima….una domanda però: quali sono gli spaghetti di mais? molto interessante il fatto di poterli friggere, ma non li conosco!

  • @maetta – forse ho messo troppi spinaci! ma la crema era buona e indubbiamente anche più sana . poi la luce della foto non l’ho per niente azzeccata, ma ormai la minestra l’abbiamo fatta fuori insieme ai tre fratelli… gli spaghetti di mais sono buonissimi fritti, si trovano in tutti i super, io li compro al todis, nel reparto senza glutine. se li friggi in olio bollente profondo , loro si gonfiano all’istante come quelli di riso che ho fatto vedere anche in trasmissione per il pollo thai. sanno di “poc corn” come dice laura e sono ottimi da preparare per i bambini per le loro feste, almeno sai cosa mangiano!!!provali a fare sono sicura che a ottavio piaceranno un sacco!

  • Ciao Natalia, anche noi questi giorni siamo alla ricerca di piatti come il tuo… ieri è uscita fuori la vellutata di cardi… e direi che cip possiamo mettere vicino anche questa tua…
    Ma gli spaghetti di mais che si gonfiano… a volte mi chiedo come ti vengono in mente certe cose!!! Grandiosa!!!

  • Ma chi saranno mai questi tre tipetti simpatici e dal taglio di capelli sbarazzino e fashion?
    Ora ho capito! aspetto morbido, pelle ben idratata e ricca di vitamine………non possono essere che i melmosi!.
    Ottimi scelta specialmente ora ,dopo le scorrettezze alimentari post natalizie.
    bravissima come sempre………
    Lucy

  • Eccomi qui, sono rientrata!
    Già, ieri sera ce l’abbiamo fatta per un pelo 🙂
    … mia madre ancora sta ridendo dopo che mio marito le ha raccontato dell’errore di numero… LORO, si son divertiti un sacco a sfottermi!!!
    Attenta al dolce (si chiama Bussolà Forte) è iper calorico… sembra la “razione k” di Messner per l’Himalaia 🙂
    Le polpette con gli omini di pane mi attirano molto ed anche questa minestra… ci metto dei riccioli biondi e lunghi, così la mangia anche il Comandante 😉
    Ieri sera Tonnarelli Cacio e pepe (da Cacioepepe appunto) e pollo alla cacciatora (non alla diavola!), ma per il film non ce l’ho fatta, l’occhio cominciava a risentire della lunga giornata.
    A presto!

  • Sì, mia sorella ha sempre avuto una vena horror. Non teme i mostri delle tenebre o della melma (io avevo quelli delle tende, alla notte le tende prendevano forme assurde, e se sono qui ad onorare mia sorella è anche perchè non mi ha mai rifiutato la sua metà del letto quando ero in preda al panico!) ma ha una fifa tremenda di volare!!!
    Quindi mia cara, se non fai la brava, ti programmiamo un bel viaggetto… anche un po’ in là.
    Quindi cucina bene e scrivi le dosi giuste, altrimenti…

    Questa zuppetta, sarà mica troppo sana???

  • @natalia – come sono andate i giorni di festa? i tuoi impegni culinari? magari ci ritroviamo per un caffè?

    @alem – e le polpette?

    @barbara – avevo letto tempo fa sul giornale dove avevo preso gli spunti degli spaghetti di riso fritti che lo stesso procedimento era adatto anche per la pasta al mais, così non aspettavo altro che sfruttare il “segreto” nel momento più opportuno. per ravvivare questa crema melmosa ho pensato che il momento era arrivato, il guaio è che ho dovuto friggere tutta la confezione di pasta (meno male che erano solo 300gr) perchè era veramente trooppo buona: hai presente il gusto dei pop corn, tra l’altro hanno assorbito pochisimo olio.

    @lucy – davvero dei bei tipi, soprattutto bravi e buuooniiii

    @monica:) – del valore calorico della bussola forte ce ne eravamo già accorti!!! ma come si dice qui a roma “che ce frega!” due giorni di digiuno e poi… bah, a vedermi nella puntata di sabato altro che due giorni di digiuno, mamma mia come ingrassa la tele!!!! per il resto mia madre diceva sempre -meglio far ridere che piangere!!!!-

    @mannu – si, se siete mie amici non regalatemi mai un viaggio in aereo, sarei in gravi difficoltà, rifiutare il regalo o accettarlo e prepararmi alla fine dei miei giorni? vi confesso che qualche viaggetto l’ho fatto ma per me è stato come andare ogni volta incontro a miglior vita quindi ho sistemato tutte le mie cose ho dato le giuste disposizioni testamentarie, insomma un lavoraccio prima della partenza, mica si può fare spesso, una faticaccia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency