Riflessioni di primavera!

Ecco come si sta vivendo in parecchie case e anche nella mia, la primavera: testa tra le nuvole per chi è innamorato (faccio i nomi? Si dai: Elena, Chiara, Silvia e mi risulta anche Francesca…), vivacità spropositata per chi di energie ne ha da vendere, le piccoline di casa non si tengono più, e per contro, una sonnolenza e una voglia di non fare, proprio niente, per gli over 40 (sono buona dai!).
Ma com’è possibile? Ovvero me lo domando ogni anno, dovrò pure farmene una ragione, lo so, ho capito, forse mi piacerebbe ancora stare nelle altre due fasce di età o… forse no.

Stamattina, dal parrucchiere (da quando sono diventata una “STAR” della tv-e montata la testa- vado finalmente dal parrucchiere, ah, ah, per la gioia di mio marito che invece di essere contento che fino ad ora l’avevo fatto risparmiare e mi son sempre fatta i capelli da me, mi preferisce acconciata e imbellettata dall’arruffacapelli di turno, bah, contento lui!). Allora dicevo che oggi una signora che aveva passato abbondantemente la settantina era disperata perché aveva un ritardo sulla tabella di marcia la sua giornata era così impegnata che non sapeva come fare!!! Eh, no, signori miei, io non voglio essere super impegnata anche a settant’anni, non voglio disperarmi se il parrucchiere ritarda di dieci minuti a farmi l’acconciatura o se trovo la fila alla cassa del supermercato! Questo no! Io a settant’anni non voglio più correre (diciamolo tra di noi, correre verso che cosa?) Per carità! Piano, voglio andare piano! Voglio prendere il mio tempo, godere delle mie giornate, avere mille interessi ma quando lo desidero io e come lo voglio io! Basta lavoro, basta figlie, magari i nipoti solo quando lo dirò io, una trastullatina, una tortina, un abbraccio, poi libera, se la salute mi assiste, con i miei tempi, lenti, lenti, lenti.
-Mamma! Mamma!  Che sei sorda?, Al telefono!
Accipicchia ero così assorta nel mio futuro che non l’avevo nemmeno sentito il telefono, ops, dovevo portare io le bimbe a ginnastica, scusate, devo correreeeeee…
Ah, voi godetevi questo tortino agli asparagi è veramente buono, buono da mangiare lentamente per goderselo ben bene, mi raccomando!

I muffin agli asparagi

16 Tortini
Facile
20 minuti

Ingredienti

  • 400 g di farina 00
  • 100 g di formaggio saporito
  • 50 g di pecorino in scaglie
  • 1 bustina di lievito per torte salate
  • 1 trentina di asparagi
  • 1 cipollotto fresco
  • 100 g di burro
  • 100 g di yogurt bianco
  • 150 ml di latte
  • 2 uova
  • sale
  • pepe

­Procedimento

  • Lavate bene e tagliate a tocchetti gli asparagi.
  • In una padella mettete a cuocere la cipolla tagliata fine, aggiungete gli asparagi, allungate con un po’ di acqua e portate a cottura.
  • Lasciate le verdure belle sode, mettete da parte se riuscite le punte.
  • In una ciotola capiente mescolate le farina con il formaggio, il sale, e il lievito.
  • In un’altra ciotola mescolate il burro sciolto con lo yogurt, il latte, gli asparagi, le uova, salate e pepate.
  • Unite i due composti e mescolate velocemente senza lavorare troppo.
  • Se vi va foderate gli stampi da muffin con quadratini di carta da forno, versate il composto distribuendolo bene, decorate la superficie con le punte di asparagi tenute da parte e cuocete nel forno caldo a 180° per circa 20 min.

Note

Mi piace perché: è un impasto fantastico, morbidissimo e profumato, si può mangiare tranquillamente fino a due giorni dopo la sua preparazione, si può preparare con altre verdure e insaporito anche con erbe di stagione. In casa l'hanno mangiato 5 su 6, Laura ha fatto la schizzinosa!
COMUNICAZIONE DI SERVIZIO : domani alle ore 13:00 sempre a La Prova del Cuoco, ci sarò di nuovo per tifare e supportare una giovanissima (25 anni) casalinga che preparerà una ricetta davvero molto buona, in soli 20 minuti. Se volete anche voi sostenerla basterà telefonare al numero che metteranno in sovraimpressione. Sono molto contenta di accompagnare e fare coraggio ad  una ragazza veramente in gamba, come in gamba sono le lettrici di questo blog.
Vuoi condividere questa ricetta?

asparagi, formaggio, muffin salato, tortine, verdure


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (16)

  • Mi serviva proprio un’idea per dei mono-tortini primaverili da portare ad un pic-nic.
    Non mi parlare di sonno e ritmi lenti….ultimamente mi sento la vitalità di un bradipo…Sbadiglio continuamente!
    Pensa,il dottore apprezza la hair-terapy(cura del capello….:-).
    Mio marito invece,ieri mi ha bonariamente cazziata :”signora ormai una volta a settimana dal parrucchiere,eh?”…Si,per ora è una coccola a cui non rinuncio,mi sento meglio…e poi con i miei ricci avrò tutta l’estate per recuperare….Da giugno a settembre divento selvaggissima,ahimè!!!!
    Baci

  • è grave se io, visto che è primavera, vado piano da un po’ di tempo?
    mamma mia quanto c’hai ragione cara mia… che sonnolenza e che stanchezza il tutto contornato da taaaaaaaaaaanta voglia di non fare nulla! 🙁
    vabbè… io mi consolo con i tuoi muffins, sono meravigliosi!
    speriamo che mio padre cominci ad andare un po’ in giro per il boschetto a cercarne qualcuno selvatico, davvero buonissimi!!!
    baci STAR!!! 🙂

  • cara natti mi dispiace per te ma con 4 figlie femmine ti troverai a correre fino a novantanni! quindi goditi ora l’essere una trottola in continuo movimento perchè può solo peggiorare ,ma serve a stare in forma!Non ti scoraggiare non è poi così male bacioni a tutti

  • Che bella foto! quasi quasi la fotografa sorpassa la mamma in cucina! Sei come la Cuccarini, una STAR completa, sai fare di tutto. Io te l’ho detto al telefono, se poi in RAI scoprono che hai anche una bella voce e sai cantare, allora ti fanno esibire in trasmissione: mamma che buon profumino, dammi un assaggino che non ce la faccio più…

  • Che bel post Natalia!!! e che bei commenti!!! Devo dire che mi trovo in linea di pensiero con Loretta….dubito che a 70 anni ti limiterai a spupazzare i nipoti solo per il tempo di una tortina!!!! 😉
    e poi……come al solito giustissimo quanto dice la Mannu: sei come la Cuccarini (che mi è sempre piaciuta e ho sempre ammirato tanto!), una STAR completa…..e vada la piega dal parrucchiere!!!
    bacioni

  • Secondo me hanno ragione maetta e loretta: 4 figlie, mica andranno dalla suocera per farsi aiutare con la prole!!! 😉

    La nonna di un compagno di Anna pensava di essere fuori dai giochi avendo due maschi… invece le altre nonne stanno in panciolle e ai 4 nipotini ci deve pensare lei. 🙂

    Io me la prendo comodo (per quanto possibile) già da ora… mia mamma correva a 20anni e corre ancora oggi che ne ha 70… per fortuna ho il dna sbagliato 🙂

    Ora vado a vedere come guarnire la “torta basket” col cioccolato plastico… chissà come andrà a finire!!!

  • ok, questi mi sa che li provo…. i miei bambini sono nella fase in cui se gli dai del “pane” di qualsiasi tipo se lo mangiano, per cui questi muffins mi sembrano comodissimi!! Uova, formaggio, verdura e passa la paura!

    Due domandine: il lievito per torte salate si può sostituire con del baking powder normale? e poi: il brie, sotto che forma lo hai aggiunto, dato che grattugiarlo penso sia fuori questione?
    Grazie grazie!

    Ah, e… li congeleresti per uso futuro o secondo te viene una schifezza?

  • @Chiara – valli a capire questi uomini, non sono mai contenti!!! comunque anch’io finita la trasmissione finito il parrucchiere e poi…si vedrà! questi muffin sono straordinari, l’impasto è meraviglioso, e rimangono buoni per due o tre giorni. si possono anche farcire con ingredienti diversi, meritano proprio per la loro consistenza, guarda io ne ho provati tanti ma questi sono i muffin dall’impasto più buono in assoluto!!

    @Betty – che fortuna che hai betti, se tuo padre te li procura quelli sono magnifici, qui da noi al mercato li vendono a 15 euro al chilo!!!papà corri nel boschetto va!!!

    @loretta – NOOOOOOOOOOOOOOOOO, NOOOOOOOOOOOOO come faccio a non scoraggiarmi!!! allora facciamo così una la mando in convento, un’altra la mando in america senza ritorno, una farà il medicoo senza frontiere e l’altra, l’altra va beh, la tengo sennò a me chi ci pensa quando sarò vecchietta! Dici che potrebbe andare lory?

    @alem – dici che non ne sarò capace??? nel we sarò a san nicola alem, che dici , se hai voglia di passare da quelle parti ti aspetto!!! (il mio tel lo trovi su nella pagina di contact me)

    @Mannu – non sono più ai tempi delle operette di Padre Corrado quando con quella voce squillante mi esibivo con le altre bambine, oh, ma quante ne ho fatte!!! Cuccarini e canzoncine a parte questa foto è piaciuta molto anche a me!!

    @lenny – a me sono piaciuti moltissimo, ho fatto un miscuglio di ricette, e devo dire che ho trovato un giusto equilibrio di sapori specie nell’impasto fragarante e burroso al punto giusto, morbido e non asciutto. insomma te li consiglio, buoni anche per feste per bambini magari con condimenti più tradizionali

    @maetta – mannaggia mi state demolendo un futuro che sognavo proprio come l’ho scritto! che devo fare? mi darete poi un aiuto , un consiglio, una mano???? Star star star, quasi come il brodo! comunque è stata una bella esperienza, e in queste ultime puntate ci avevo anche preso gusto! anche a me la Cuccarini è sempre piaciuta…

    @Monica:)- aridaiette!!! io non le voglio piùùù! adesso faccio tutto quello che devo fare ma poi, le suocere devono tenersi pronte, i nipoti tocheranno a loro! a parte che vuoi sapere il colmo, Chiara e Silvia non vogliono assolutamente figli!!! comainciamo bene! Ohi monica ti ho risposto nell’altro post alla torta. il messaggio l’ho letto solo oggi forse le due piccole mi hanno messo le mani sul telefonino e… non sono proprio un’esperta, il cioccolato plastico lo usavo solo per piccole decorazioni, tipo roselline, foglie etc.. se le mettevo in frigo non accadeva nulla però una torta, qui non mi voglio sbilanciare ho chiesto aiuto alle ragazze che passano di qua, chissà… intanto buon lavoro!!

    @bea – dunque penso che tu possa usare il baking tranquillamente, 3/4 cucchiaini rasi dovrebbero bastare, forse puoi anche non aggiungere il bicarbonato perchè l’acidità dello yogurt dovrebbe essere sufficiente. Io ho messo il brie perchè l’avevo in casa, l’ho fatto a tocchetti e sminuzzato poi ulteriormente quando l’ho messo nella farina, con i polpastrelli delle dita. però io l’ho trovato molto delicato, vedi un po’ tu, se vuoi un gusto più deciso puoi aumentare un po’ il pecorino anche se per i bambini forse va bene anche se rimane un po’ delicato. congelale pure, poi se vuoi quando decidi di mangiarle puoi passarli una volta scongelati qiualche minuto in forno per far loro riprendere la fraganza!

  • questa volta il mio commento non va alla ricetta (che è da fare ho gli asparagi che mi aspettano) ma al concetto di tempo!!! e mi servo delle parole di una grande scrittice Marcela Serrano “al giorno d’oggi, e ancora di più domani, la ricchezza non si misura più nè in base al potere, nè ai soldi. Si misurerà con il metro del tempo” – Antigua, vita mia.
    E ogni tanto trovare il tempo per fermarsi e semplicemente respirare può semprare un lusso, che ci dobbiamo regalare!!!

  • FATTI!
    Ho messo della caciotta abbastanza fresca a cubetti, al posto del pecorino (che non avevo ho messo del grana, ho usato 200gr di farina integrale e 200gr di 00… avevo solo 22 asparagi…. SONO BUONISSIMI!!!
    TdC non delude MAI!
    🙂 🙂 🙂

  • @loredana – condivido pienamente la Serrano! grazie loredana mi piacciono i commenti “da meditazione” .

    @lalla – dici? a questo punto non so se è un bene o un male!

    @Monica:) – e tu però fai sempre centro!!! brava me quanto sono buoni, è un impasto che non si secca, rimane morbido e profumato, insomma anch’io non li dimenticherò facilmente.

    @Mannu – cosa state tramando voi due?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency