Come vorrei essere…

Oggi a Roma è la festa di San Pietro e Paolo, quindi vacanza!
Nella mia famiglia c’è chi se ne è andato al mare, Chiara con il suo gruppo di amici ; chi è scappato per rilassarsi un attimo facendo una pausa romantica dagli studi pesanti degli esami, Silvia con Lorenzo; chi lavora fuori Roma quindi malgrado a casa si faccia festa deve lavorare ugualmente in trasferta, il povero dottore negli ambulatori di Campagnano e ci sono io!
Cosa faccio io?

Oggi non vi voglio dire quello che sto facendo, cambiamo un po’ la traccia di questo resoconto giornaliero, vi voglio raccontare di quello che vorrei fare , anzi dove vorrei essere !

Vorrei essere a Sassuolo!
Perché? Perché oggi riabbracciano Carlo, il mio bellissimo nipote che ritorna dopo aver trascorso un anno di studi in America, gli ho già parlato per telefono, è molto disorientato, le macchine, il traffico, la gente, il caldo, la mamma, la sorella, il padre, il fratello…
Gran brutto affare riprendersi la propria vita, più che brutto forse complicato, ma Carlo ha un carattere favoloso, ce la farà ne sono sicura.
Mi piacciono le riunioni famigliari, ci sono stata abituata fin da piccola, una trentina di cugini da una parte, la metà dall’altra, case e famiglie accoglienti sempre pronte a condividere e regalare esperienze . Tanti punti di riferimento, tanta energie positiva anche se a volte forse queste famiglie sono un po’ ingombranti.

Io dunque stasera non ci sarò, ma ce la sto mettendo tutta per fare un salto domenica, stanno preparando “una gnocco e tigelle” niente male, aperta a tutti quelli che vogliono salutare Carlo, se ce la faccio giuro che vi porto un resoconto fotografico, sempre che a qualcuno possa interessare,in fondo questa è la mia vita…

Ecco cosa avrei potuto offrire a Carlo, un piatto fresco ed estivo che sono sicura  avrebbe gradito, l’ho pescato dall’archivio ma è bene certe cose non dimenticarsele, sono talmente buone!!!
E poi oggi è vacanza no?

Reginette estive al pesto crudo

4 Persone
Facile

Ingredienti

  • 1 zucchina freschissima (circa 100 g)
  • 50 g di semi di zucca
  • 50 g di parmigiano
  • 1/2 spicchio di aglio
  • 10-15 foglie di basilico
  • olio extravergine di oliva
  • 2 cubetti di ghiaccio
  • pasta reginette (qb)

­Procedimento

  • Mettete tutto nel bicchiere del frullatore o del minipimer e aiutandovi con due cubetti di ghiaccio formate un pesto con tutti gli ingredienti, aggiustate con olio e sale a vostro piacimento e condite la pasta appena scolata al dente.
  • Lasciate qualche seme di zucca da parte e aggiungetelo sulla pasta prima di portarla in tavola.

Note

Non preparatelo troppo presto perché la zucchina dopo alcune ore (5-6) diventa leggermente amarognola. Ps. che coincidenza anche nel 2009 l'avevo postata il 29 Giugno!!!
Vuoi condividere questa ricetta?

estate, Pasta, pesto, verdure, zucchine


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (16)

  • Sei sempre un punto di riferimento!
    Anch’io mi sono trasferita e poichè tutte le mie cose sono in viaggio, compresi libri e appunti di cucina, ogni giorno sfoglio il tuo blog per idee, suggerimenti e dosi di tue ricette che ormai ho fatto mie!!!
    Ti ricordo che qui a casa mia il piatto ” mangiatutto” è sempre il massimo!!!
    Giulia

  • Queste reginette non mi sono nuove….!!!!!….fanno parte del mio bagaglio culinario da quando ti conosco….;-)
    Se ti consola,io sono a casa con Francesco con la febbre….:-(
    ma questo week end dovremmo trasferirci ( 🙂 )…ci vediamo “li”????
    Giulia l’ultima volta è rimasta male perchè ha visto Laura ed Elisa solo di sfuggita…mi dice spesso: “mamma io voglio vedere le mie amiche!!!!”.
    Bisogna accontentarla,no?!?!
    Fai tante foto all’happening familiare…piacciono tanto anche a me!!!
    E magari quando torni…facciamo un “tigella&gnocco party ” anche noi….li adorooooo!!!!! :-DDDDD
    Dai un grande bacio a mamma-Mannu,starà gongolando….;-)
    Un bacione.
    Chiara

  • E’ da un pò di tempo che volevo chiederti / vi : qual’è il segreto per far mangiare ai tuoi / vostri figli spezie ed erbette !!! Non mi dite fortuna…non ci credo, 4 su 4 non può essere fortuna ! E neppure che gli avete passato certi sapori ed aromi via placenta prima e latte poi…Non è possibile, li ho allattati tutti e 3 ( il terzo per 3 anni, vi rendete conto ? ) e mi sono data un da fare ad ingozzarmi di cibi speziati, di cipolla, di aglio…certi aliti, signore, ed anche qualche bruciorino di stomaco in più che non sempre erano attribuibili al piccolo inquilino del momento…Furbizia ? No , dai, in questi anni mi sono fatta una certa esperienza in fatto di scaltrezza …”No, Leo, non è basilico , è insalata ( si perchè a loro le verdure piacciono e non dite “E ALLORA DI COSA TI LAMENTI” , volete mettere quel qualcosa in più che da una spezia, un odore ??? ), te l’ho tritata così la mastichi meglio….( questo qualche anno fa, adesso ha 12 anni e mi ci manda se ci provo con queste TAVANATE ! )”. Ho provato anche l’arte del camuffo e dell’abbellimento delle pietanze ma ti cadono le braccia quando ne vedi uno che con la forchetta prova a togliere i 1000 frammenti di prezzemolo dalle zucchine trifolate e un altro che per non sentirne il sapore beve un bicchiere d’acqua ad ogni boccone…Daaaaai, non è possibile, anche perchè hai un bel da stare attenta a non mettere questo a quello e quell’ altro a quest’altro ma in 5, ragazze….certi casotti e soprattutto la morte del piacere di cucinare!!! Ci sono dei giorni in cui il piatto base sono gli spaghetti all’olio poi ognuno ci mette quello che preferisce ( a togliere si fa fatica, capirete…) ed ovviamente quelli che “caricano” siamo sempre mio marito ed io… Ma non mi arrendo, ah no, mi dispiace ma ogni tanto ci riprovo anche perchè ho un consorte da tenermi stretto e questo consorte, l’altro giorno, fra una forchettata e l’altra di un normalissimo piatto di pennette ai gamberi e zafferano, al quale avevo aggiunto solo un pò di pepe nero rispetto al solito , visto che non c’erano i 3 NASO STORTO, mi ha detto :” Cri, spettacolari, da ristorante ( poveretto, come è messo con la mia cucina…), non come al solito che non sanno di nien…ehm….molto !” (povera me, come sono messa con la mia cucina…). SVELATEMI L’ARCANO, VI PREGO !!! Il tutto condito da tante foto della famiglia sassuolese e da altrettante succulente didascalie…e bentornato a Carlo, gran bravo e bel figliolo da quanto leggo e vedo !!!! D’ altra parte la solita cara cugina Eli mi dice anche sua mamma Mannu è decisamente una bellezza !!! Natalia, grazie, come sempre, di tutto e di questo bellissimo spazio tuo ma anche nostro…Era proprio questo che volevi, vero ? Bacio Cri P. S. Ma quanto sono logorroica ? Ogni volta è peggio….Per me ci vuole un numero max di parole oltre il quale…Kaput !!!

  • Ritrovarsi in famiglia ha sempre un sapore speciale, quando poi si tratta di riabbracciare qualcuno che non vediamo da molto la cosa si fa ancora più intensa ed è un ricordo da conservare. Ti auguro di essere sempre dove vorresti essere…sei speciale. Un bacio

  • montate sul primo freccia rossa!! Venite, vi prego! Venite a conoscere il nuovo Carlo con la barba! E la nuova me, che non gli ho ancora imposto di vuotare le valige e sistemare tutto per bene. Ingresso e sala sottosopra, e anche il resto.

  • questo è l’invito che abbiamo ricevuto noi parenti lanciato da un cugino scapolo (ragazze fatevi sotto, è troppo simpatico). Non ha specificato il catering, penso quello offerto dalla casa ;).
    Dai Natalia, non puoi resistere!!

    Ciao a tutti,
    con la presente sono ad informarmi che domenica 3 luglio Carlo ed il sottoscritto abbiamo organizzato un pranzo di bentornato per il nostro cugino/nipote/fratello d’america in quel di Formigine.
    Il menù prevede:
    1) gnocco fritto
    2) tigelle
    3) spaghetti alla puttanesca con olive nere non snocciolate
    4) affettati misti
    5) gelato alla Crema (per Renzo) e ai frutti misti (melone per me) preso a Casinalbo.
    Tra una portata e l’altra ci verranno raccontanti anettodi e potranno essere fatte domande di ogni tipo più o meno tendenziose.
    Non sono ammesse defezioni.
    Con cordialità

  • Mamma che bonta’ di menu…ma se mi autoinvitassi??…adoro le riunioni di famiglia! quando ritorno a Sorrento e’ sempre festa!!
    …ormai fa parte di me: aspettare questi momenti pieni di affetto familiare.

  • mi sono commossa a leggere questo post!! il calore che si avverte è incredibile. come un pranzo di Natale il 29 di giugno, vero Mannu?!?
    baci a tutte

  • Che bella famiglia unita!
    Nella descrizione di Cry invece rivedo la mia figlia più grande: è in grado di individuare e togliere anche il più minuscolo frammento di verdura da ogni piatto, ma devo dire che con il tempo, un sacco di sgridate da parte di mio marito e miei predicozzi sul mangiare sano, va migliorando. Grazie anche ai tuoi “trucchi” per rielaborare le verdure, almeno le assaggia

  • che Carino!!!!!!!!!!!!! cara Mannu, la mia ricciola parte il 20 Agosto,…. ma corro il rischio che non torni, mi minaccia ogni giorno…. ; )

  • Un applauso a questo prezioso archivio che suggerisce alla grande un altro utilizzo delle zucchine….il nostro orto ne è invaso e ormai nn so piu’ come farle 🙂

    Per Cri….Ti faccio i complimenti per la tenacia e la passione che ci metti,sei da esempio per tutte quelle che hanno difficolta con verdure & co. Natalia sapra’ sicuramente darti qlc dritta…io posso solo consigliarti di cominciare ad introdurre qlc erbetta cominciando dalla seminain un vasetto o coltivare una piantina già bella e pronta,cosi’ senza poi obbligo di mangiarla,solo a titolo educativo come un po’ a volte fanno anche a scuola…dopo un po’ dovrebbero sentirsi responsabili e magari….strofinando ed annusando quell’Odore non sara’ piu’ insopportabile e magari scivolera’ su di una pizza 🙂

  • Bella idea, Donatella !!!! Di piantine ne hanno già coltivate ( il classico fagiolo, l’orzo, la fragola…) ma mai niente di “odoroso”…Ci proverò senz’altro , nonostante il mio pollice verde secco, secco come diventa tutto ciò che tocca !!! Ma questa è un’ altra storia… Natalia, ma che amiche hai ??? Spettacolari, tu e tutte quante !!!!GRAZIEEEEEEE ! Cri

  • @schizzo di colte – grazie mille, e le tue belle ragazze? Tutto bene vero? Ti penso spesso perché mi sento molto vicina a te! Baci e buone vacanze

    @Barbara- e’ buonissimo e ai bambini piace molto, valeva la pena a riprenderlo daa’archivio, certe ricette non devono essere dimenticate

    @Chiara – aspettiamo che la maturanda “maturi” e poi ti raggiungiamo! Dopo il sette siamo li, da un bacino a Francesco e a presto

    @CRI – non ci sono arcani da svelare, ahimè…lenostre figlie hanno genitori ai quali piace tutto, sia io che mio marito amiamo la cucina e assaggiamo sempre qualunque cosa ci venga proposta con grande curiosità , in questo modo praticamente diamo un esempio tangibile ed evidente di quanto sia piacevole e ,passami la paraola, godurioso, mangiare ed assaggiare. Quindi tolto ogni limite in cucina, invito sempre le mie figlie grandi e piccole all’assaggio, non le obbligo mai a mangiare, a volte va bene, a volte meno, ma si continua così sono anche fortunata perché nessuno in famiglia soffre di allergie quindi e ancora tutto più semplice. Baci e coraggio non mollare i bimbi escono e con loro cambiano anche i gusti

    @ Ambra – non potevi farmi un augurio più bello, grazie Ambra sei davvero una persona dolcissima!

    @manu – te l’abbiamo fatta la sorpresa eh?

    @Carlotta – allora tu mi capisci, ma tu non ritorni a casa inquesto periodo? Un abbraccio

    @Claudia – facciamo un film? Ah, ah, ci sarebbe da ridere ci sono certi soggetti…..

    @ Elena. Ogni tanto ci sono anche qui da noi dei problemi ma…si superano dai…in cucina bisogna divertirsi . Grazie elena un bacio

    @ Angela – dai dai, ormai ci siamo farà un’esperienza fantastica, pensa che ad agosto partirà anche Elena, la figlia di mia sorella praticamente ne torna uno e ne parte l’ altra , lasciamoli volare!!!!

    @ Donatella – ottimo consiglio Donatella Il coinvolgimento e un aspetto essenziale e il primo passo per far avvicinare i nostri figlia alla scoperta del cibo

    @CRI – fantastiche vero? Grazie ragazze a tutte”

    @Letiziando – pensa che quando ho proposto questo pesto alla prova del cuoco hanno voluto tutti la ricetta compreso Elisa Odoardo che mi ha confessato dopo un paio di giorni di averlo preparato a casa e proposto agli amici con grande successo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency