Pane arabo che arabo non è…e per le piccole di casa è cominciata la vacanza!

In giro c’è ancora un po’ di trambusto: le ragazze vanno e vengono e con loro il cane che ogni volta scava in giardino buche enormi, le piccole non vogliono stare un minuto in casa, corrono avanti e indietro, tra zona ping pong, parco giochi e piscina è impossibile tenerle sempre sotto controllo così incrocio le dita e spero bene! Ecco che riflettendo un po’ posso così dichiarare che anche le mie vacanze sono come …il pane, non sono poi vacanze!

E’ buffo vedere come anche queste giornate estive si prestino al giochino dell’essere o non essere perchè con questo clima pazzo che sta percorrendo tutta l’Italia e non solo, poi tanto estive non sono!

Ma non è mica detto che tutto ciò sia un male!
Almeno quando si tratta di “pane arabo”
Come vi dicevo nel post precedente questa è una ricetta che almeno dieci/dodici anni fa(il tempo vola) avevo trascritto sul mio quaderno leggendola da un allegato di cucina del vecchio giornale Anna, erano le prime volte che si scrivevano ricette dal richiamo straniero e avendo un padre che da anni ci aveva introdotto nei sapori della cucina mediorientale lavorando con queste persone, la mia curiosità era appagata, avere la ricetta di quel pane nella versione morbida, bianca e profumata, da accompagnare alle salse saporite, piccanti e speziate, beh, potete immaginare la felicità e la soddisfazione. Da allora ne sono cambiate di cose e soprattutto di ricette e non sono rimasta delusa nel vedere che di pani arabi ne esistono tantissimi tipi e tantissime versioni ben lontane della mia storica che forse tanto originale poi non era, ma questo pane ha saputo farmi felice, soddisfare  e accontentare sempre in ogni occasione quindi…
Devo aggiungere poi che è facilissimo da fare e anche molto veloce considerando la presenza del lievito di birra, piace ai bambini, si può surgelare, non ci sono grassi e si può fare anche in versione integrale, più di così , ecco perchè non posso abbandonare questo pane anche se poi tanto arabo magari non è!

Pane arabo

25 Panini
Media
55 minuti
15 minuti

Ingredienti

  • 500 g di farina
  • 250-300 g di acqua
  • 2 cucchiaini di lievito disidratato
  • 2 cucchiaini colmi di zucchero
  • 2 cucchiaini rasi di sale
  • olio per ricoprire l'impasto

­Procedimento

  • Fate rinvenire il lievito in metà acqua con l'aggiunta dello zucchero(non tutta perchè l'acqua potrebbe essere troppa per l'umidità della vostra farina, la rimanente l'aggiungerete pian piano per ottenere un impasto morbido ma che si possa lavorare)unite alla farina il sale.
  • Non appena il lievito si sarà ripreso (lo vedete perchè farà una schiumina densa e non si avvertiranno più i chicchi duri)versatelo nella ciotola con la farina e impastate con la restante acqua.
  • Fate riposare la massa in una ciotola unta di olio, fino a quando non aumenta di un terzo del suo volume(non deve raddoppiare con questo caldo basteranno 30 /40 minuti circa).
  • Prendete la pasta rovesciatela su un tagliere e dividetela in filoncini che a sua volta daranno vita a quadrottini.
  • Date a loro la forma di pallina infarinate bene il piano di lavoro, poi con un mattarello stirateli irregolarmente facendo più pressione al centro.
  • Mettete queste “linguette” su un foglio di carta da forno e fate riposare solo 15 minuti.
  • Accendete il forno sui 180° e cuocete il pane solo per 10/15 minuti, non deve scurire ne seccare.
Vuoi condividere questa ricetta?

pane, panini


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (21)

  • Per me va benissimo 🙂 anche solo una volta a settimana, mi mancherai tanto ma direi che il riposo è essenziale dopo un anno intenso… riposo poi… beh… diciamo quel pizzico di relax che riuscirai a trarre da queste giornate passate con le piccole 🙂
    Grazie perchè questo sarà il mio primo “vero” pane… non ho mai provato, non ho neanche la tanto famosa mdp… io non mangio pane, o ne mangio poco… ma mio marito lo adora e questo tipo è uno dei pochi che adoro anch’io… l’arabo… o come dici tu forse neanche tanto arabo ma fa moooolta gola…
    Quindi, probabilmente non in questi giorni, tra poco anche noi partiremo e ho tante cose da fare in questa settimana e mezza che resta, ma quando rientreremo, visto poi che tanto caldo non fa, accenderò il forno e ci infornerò finalmente queste meraviglie
    Un bacio e grazie grazie grazie… saluta tanto le pupe, sbaciucchiale tanto e un abbraccione al cucciolone di casa!
    Ciaooooo
    Pat

  • Che dire: il riposo te lo meriti, l’inverno è stato intenso e la botta finale della maturità non dev’essere stata leggera. (sono usciti i voti?)

    Questi panini mi stuzzicano parecchio, ultimamente ha fatto così caldo che non ho neanche guardato il forno… Anna ha commentato ” a cosa ti serviva un forno nuovo? andava bene anche quello vecchio rotto, tanto questo non l’hai mai usato!”

    Ha ragione.
    Devo fare un mea culpa, tra il cado e gli impegni non ho voglia di mangiare e tanto meno di cucinare… fortuna che le nane sono a pranzo dalla nonna perché io lavoro 😉

    Mi riprenderò ad agosto!
    Intanto però ti leggo e prendo appunti che prima o poi tornano buoni.
    Un saluto a tutta la tribù

  • Adoro impastare…specialmente il pane…e avevo proprio voglia di sperimentare qualcosa di nuovo…questa ricetta verrà sicuramente trascritta anche nel mio quaderno!!! 🙂
    Allora ci risentiamo tra una settimana, nel frattempo goditi un po’ il mare e le bimbe!!
    Bye e Baci!

  • QUESTI PANINI SONO DAVVERO DELIZIOSI. iO NE HO PREPARATI PARECCHI,INFILATI IN FREEZER DA USARE NELLE MIGLIORI OCCASIONI. CARISSIMA NATTY APPROFITTA DELLE VACANZE E DEL GIUSTO RIPOSO DEL GUERRIERO….. RILASSATI…………….CIAO BELLA.

  • Natalia ciao,
    il tuo pane arabo che arabo non è l’ho fatto ieri sera.
    mio marito ha detto : “è il piu buon pane che tu abbia mai fatto”
    ha ragione…ho stampato la ricetta e l’ho subito “pinzata” al tuo libro, sarà il mio unico pane presente in casa.
    GRAZIE
    BUONE VACANZE
    stefania

  • @ Alice – tu sei fantastica, ma nel vero senso della parola, hai una fantasia meravigliosa fresca e vivace, una famiglia allegra e “pazzerella” non ti offendi vero? ti terrò senz’altro d’occhio per avere un po’ della tua energia…ciao

    @Patrizia A – grazie mille pat, grazie per avermi sempre sostenuto e anche aiutato a crescere. auguro a tutta la tua famiglia serene vacanze ma promettimi che quando torni il pane lo provi davvero a fare, vedrai non te ne pentirai… baci grandi

    @elena – vedrai questo te lo posso garantire ed è facilissimo , senza tanti traumi e lievitazioni che ti mettono in crisi! un saluto alle cucciole!

    @Monica:) – su, su riprenditi, quasi quasi anche le tue figlie non ti riconoscono più…. ma un po’ di pausa in effetti ci vuole, ti capisco.. si i voti sono usciti da un po’ ma sono io che tra la linea internet e il tempo da dividere con le bambine non riesco ad aprire il pc e a starci come vorrei. silvia ha preso 71 e per una studente che in 5 anni non ha mai o quasi aperto un libro, ho trovato nella sua stanza libri ancora incelofanati e negli ultimi due non ha nemmeno comprato uno, beh, che dire questa figlia è un mostro di intelligenza (o ha una fortuna tremenda…) ora aspettiamo il responso della scelta sul suo futuro, la vedo difficile, io non mi pronuncio altrimenti….. monica fallo questo pane e vedrai che ti stupirà! bacioni grandi

    @Patrizia – di godere ne ho ben poco però l’importante è che che stiamo tutti bene. ho le figlie grandi sparse qua e là, il marito che fa avanti e indietro e le piccole che con la scusa che qui si possono muovere anche un po’ in autonomia mi scappano da tutte le parti, come la vedi patrizia, è una vacanza la mia??? ma un bel albergo con animazione per bambini no?????

    @lucy – grazie , non avevo dubbi sulla tua capacità e bravura nel panificare. è nota a molti 🙂 riposati anche tu e cerca di stare serena sei fortissima e ce la farai a superare tutto!!! 😉

    @letiziando – sei tornata anche tu dalle vacanze vero? adesso torno a sbirciare a “casa tua” lo sai che mi piace sempre molto 🙂

    @carlotta – certo questa è perfetta, poco tempo per la lievitazione e manualità richiesta decisamente alla loro altezza! baci carlotta prima o poi dovremmo scambiarci un po’ della nostra esperienza non credi 🙂 ?

    @mariagrazia – come? la mia BRAVISSIMA e CARISSIMA, anche BELLISSIMA e PERFETTA VICINA DI CASA, riuscirà senz’altro nell’intento, non ho dubbi, al massimo puoi mettere sotto una delle tue figlie??? che dici?? io ti aspetto sempre! di a Beppe che al mio rientro Roberto …dormiva ….ah, ah, ah comunque avevo sconvolto anche mio suocero, non ha fatto altro che dirmi come ero bella …mi ha fatto un effetto sentirgli dire queste cose, non me le aveva mai dette…giornata strana, decisamente!

    @Stefania – EVVIVA, sono felicissima, grazie di avermelo detto ! questa ricetta spacca, sai che ti dico , la rifaccio anche oggi, vogli provare a fare dei piccoli cerchi tondi tipo panini, secondo me sono perfetti da proporre alle feste, rimangono morbidi, sono senza grassi e si possono surgelare rimanendo come appena fatti! poi ti farò sapere! ciaoooo

  • Ciao Natalia! Intanto buon riposo e poi…. una domanda – io ke tanto pratica di panificazione nn sono, ma grande appassionata si – scusa l’ignoranza: ma la farina di ke tipo, grano duro o zero??? Conto d farli prima possibile!!! Baci alle bimbe

  • @Mammina – scusami tu, io non specifico mai sono un po’ discola in questo. se puoi usa la farina 0 ma sinceramente, non picchiatemi voi che prendete l’argomento sul serio, puoi usare quella che hai in casa, per questo tipo di preparazione va bene anche la 00…ecco l’ho detto aiutooooo vado a nascondermi, ma i panini ti verranno buonissimi 😉 baci e grazie

  • KE BELLO LI HO FATTI!!!! MIO MARITO M HA FATTO I COMPLIMENTI: “SONO PROPRIO COME PIACCIONO A ME, NN COMPREREMO + PANE!!!” MIO FIGLIO DI 3 ANNI – SKIZZINOSO COME NN MAI – LI HA MANGIATI CON GRANDA PIACERE E MI HA DETTO “MAMMA SONO BUONISSIMI” . GRAZIE A TE NATALIA DI VERO CUORE, X LA PREZIOSISSIMA RICETTA KE HAI CONDIVISO CN TUTTE NOI! TI AUGURO UN’ESTATE FELICE

  • ciao Natalia
    ti seguo ormai da un pò e spesso provo a fare le tue ricette fantastiche.
    siccome sono un pò imbranata cmque in cucina, mi specificheresti meglio la fase della lievitazione? dove metto a lievtare l’impasto? lo copro con un panno umido o cn pellicola o scoperto? lo metto al buio o non serve?
    grazie mille e complimenti per la tua genialità in cucina!!

  • @mammina- sono proprio contenta

    @valentina – allora metti la pasta in una ciotola di plastica o vetro leggermente unta così la toglierai meglio quando dovrai lavorarla.puoi coprirlo sia con un panno umido (io però non lo faccio mai per non sporcare il telo) oppure come faccio di solito con un foglio di pellicola trasparente per alimenti, insomma importante che sia a riparo di correnti e di aria così il lievito può lavorare bene e la pasta non si secca. non serve metterlo al buio. vai tranquilla è molto facile è un impasto che non richiede molte attenzioni ma in cambio ti da tantissima soddisfazione! buon lavoro

  • […] Ora invece è tutto cambiato, curcuma, curry, paprika, cumino si trovano ovunque e dobbiamo approfittarne: lo sapete che il dottore di casa (era da un po’ che non lo nominavo) mi ha espressamente chiesto di cucinare ed usare di più il curry e la curcuma per i loro altissimi poteri antiossidanti? E allora non mi sono fatta ripetere la cosa, e qui queste spezie vengono usate almeno una volta alla settimana. Purtroppo tutte queste cose non sono riuscita a dirle in tv, ma sono contenta di poter condividere questi consigli di salute qui sul mio blog, il dottore è un po’ latitante in questo periodo ma quando si fa sentire bisogna approfittarne. Vi lascio la ricetta, quella del pane la conoscevate già  […]

  • Ciao Natalia,
    voglio provare questi panini ma dici ke nella prima lievitazione nn deve raddoppiare l’impasto,xche’ lieviteranno di + dopo aver dato la forma di panini?Xche’ di solito faccio raddoppiare poi le pieghe poi rilievitare sempre fino al raddoppio poi do’ la forma e di nuovo lievitare e poi in forno…ma x questi nn serve tutto questo?Posso fare l’impasto la sera,farlo lievitare 30 min. e poi in frigo la notte?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency