Lui balla con i “coyote”

Un’esperienza fantastica che val bene di essere proposta alle persone che più tieni in considerazione. Un’ avventura vera, raccontata senza tanti giri di parole con una penna “schietta” a volte anche un po’ asciutta, ma che ti catapulta subito ad occhi chiusi in quelle praterie, insieme a quella gente e alla loro vita.
Sono orgogliosa di presentarvi e farvi conoscere questo giornalista Marcello Micheloni, che sta vivendo in questi giorni a contatto con i nativi del South Dakota tenendo per il Sole 24 ore America un “Diario giornaliero di viaggio” e non solo quello leggete qui ..

Vale senz’altro la pena di seguirlo, io lo sto facendo ed è a lui che mi sono ispirata per la ricetta di oggi . In quelle terre è la carne che fa da protagonista, servita nelle tipiche carovane insieme a fagioli e salse agrodolci. Io qui , data l’abbondanza di mais, la vicina di casa mi ha regalato un sacco pieno di pannocchie, ho pensato di preparare un corn pudding con un filetto marinato alle erbe con zucchero e aceto. Un piatto semplice e gustoso che è piaciuto molto alle bimbe.

Ah, dimenticavo di dirvi che ho parecchie cose in comune con Marcello Micheloni, oltre all’origine della provenienza, questo ragazzo lo conosco molto bene e…. senza saperlo , lo avete visto anche voi nel mio blog !   Facciamo un giochino, chi riesce a trovare Marcello  qui nelle mie pagine   vince un libro Ricettexgioco divertiamoci un po’ anche noi, è vero che abbiamo tanto da fare ma alla mattina presto, in un momento tutto per noi, questo ci può stare no?

Corn pudding

5 Persone
Media
1 ora
30 minuti

Ingredienti

  • 600 g di mais cotto (io ho bollito le pannocchie)
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 cipollina fresca
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio abbondante di farina
  • sale
  • pepe
  • 200g di latte (per un pudding più gustoso potete fare anche 100g di panna e 100 di latte)

Per la marinatura della carne:

  • 1 cucchiaio di zucchero
  • il succo di un limone
  • 3 cucchiai di acqua
  • 3 di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di aceto (anche balsamico o di mele)
  • foglie intere di menta
  • rosmarino
  • timo
  • pepe
  • aglio schiacciato

­Procedimento

Il corn pudding:

  • mescolate in una ciotola il latte, le uova e la farina. In una padella rosolate la cipolla tritata con l'olio, aggiungete il mais e lasciate insaporire.
  • Una volta intiepidito unitelo al composto di uova, frullatene una parte fino ad ottenere una crema liscia (se occorre potete anche passare per trattenere la parte esterna del chicco)unite tutto versate in una pirofila leggermente imburrata e fate cuocere per circa 30 minuti a 180gradi.
  • Per un risultato più soffice potete anche montare gli albumi a neve e aggiungerli alla fine, per un tortino più goloso potete prepararlo prima e al momento di servirlo passarlo al forno con uno strato di formaggio (groviera) per farlo gratinare.

La marinatura:

  • mescolare in una ciotola gli ingredienti, io lascio sempre le erbe intere in modo che non si attacchino alla carne e non brucino poi al momento della cottura e poi in questo modo cedono solo il loro profumo ma non la loro “presenza reale” sul piatto dei nostri bambini, cacciatori e nemici, si sa, di questi ingredienti.
  • Lasciate i pezzi di carne almeno un oretta a riposare in frigo rigirando se potete per fare insaporire meglio e cuocete alla piastra o alla griglia aggiustando solo di sale al momento del servizio.
Vuoi condividere questa ricetta?

Carne, cereali, mais


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (23)

  • Ok.. tempismo perfetto.. ultima ricettina prima delle tanto desiderate vacanze, ci rivedremo il 22 agostooooo!!!!
    Pensavo già di andare in ferie a bocca asciutta e invece… eccola qua.. puntuale la ricettina della Naty!
    e che ricettina! oltre ad essere molto buona può essere lo spunto per un pranzo-gioco… e far finta anche noi di ballare con i “coyote”:)
    Voglio leggere con calma l’articolo, mi sembra molto interessante 🙂
    Grazie Naty, un bacio grande e ci si “rivede” presto
    Pat

  • Ciao Natalia,
    innanzitutto grandi complimenti per le tue ricette, che spesso ripropongo in casa alla mia famiglia (l’ultima è quella delle polpette per il pane arabo… ottime!). Per il quiz, secondo me il post a cui fai riferimento è “Di separazioni, scambi di ricette e altri post.i”… è lì Marcello? In ogni caso, brava e buone vacanze!
    Annalisa

  • Questa ricetta mi intriga particolamente e mi viene la voglia di andare in south dakota e prepare un ottimo “pudding e fare una bella grigliata di carne da offrire a Marcello Micheloni e a tutti gli indiani della riserva di “pine ridge”. Sono certa che si leccherebbero i baffi per un bel po’di tempo|
    Mi c omplimento per le sempre ottime ricetti che ci proponi!
    grazie e buone vacanze,

  • Natalia ti sei dimenticata di dire che Marcello Micheloni ha una “penna” molto alta. Una cosa è certa, per prendergli lo scalpo gli indiani hanno bisogno di una scala!! Io sono qui nella natura meravigliosa e profumata della Sardegna, odori di mare, di mirto, liquirizia, rosmarino portati in giro dal vento, e mi immagino tutto, tu che cucini la carnazza di mucca dei colli e Marcello che sente il profumino di vero montone sulle braci.
    Grazie FRATELLI, il cielo è stellato anche qui, e io mi sento come una pecora che bruca in riva al mare 😉

  • Ciao Natalia,

    ti seguo da un bel po’ e colgo l’occasione per ringraziarti dei tanti spunti che mi hai dato – soprattutto culinari ovviamente.
    Ho avviato da poco una cooperativa di servizi che, tra le altre cose, forma “tate-educatrici” che vanno a lavorare a casa delle famiglie per accudire i bambini quando i genitori ne hanno bisogno perché lavorano. Il tuo blog è nella nostra bibliografia internet dei siti da consultare per preparare pranzi, cene e merende ai piccoli…in più alcune delle tue ricette le ho fatte “testare” alle nostre ragazze preparandole io durante il corso…e sono rimaste tutte molto contente!
    Per cui grazie ancora.

    Ne approfitto per rispondere al giochino che hai lanciato.
    Marcello Micheloni nelle tue pagine del blog POTREBBE essere il ragazzo con la maglia rosa che sta appendendo qualcosa nel primo blocco di foto del post del 6 luglio che hai chiamato “un post che ne vale almeno 3!”,ma non sono sicura…però un pochino ci assomiglia.

    Ciao e buona estate
    emanuela (jesi).

  • ATTENZIONE ATTENZIONE, lo so che forse saremo in pochissimi, ma non sempre dobbiamo fare le cose “in grande” decidere di lanciare un giochino ad agosto non è certo per avere grandi numeri e molte visite sul blog, si sa. Mi è venuto in mente così mentre scrivevo il post e le cose che nascono in modo spontaneo mi piacciono forse di più! Così basta chiacchiere, ora devo fare i complimenti…si il libretto Ricette per gioco andrà con ENORME piacere ad Emanuela (Jesi), congratulazioni davvero, anche per tutto quello che stai facendo e per il tuo lavoro, bellissima idea, il fatto poi di preparare le ragazze anche in cucina, beh, è davvero spettacolare! se mi mandi il tuo indirizzo sarò felicissima di inviarti una copia del libro ,scrivi a n.cattelani@libero.it e ancora brava.
    Avete per caso capito anche chi è Marcello? Sono davvero orgogliosa di dirvi che questo ragazzo di 2 metri e passa (non ricordo i dettagli) dagli occhi azzurri che ti mettono persino in imbarazzo per quanto son belli, ex giocatore di professione di pallacanestro è…mio cugino (quasi quasi dico peccato..) ciao

    @Patrizia A. – buone vacanze anche a te e segui marcello sono letture davvero piacevoli! baci

    @Annalisa – grazie mille per averci provato, mi ha fatto molto piacere ricevere il primo commento al giochino, quando l’ho letto mi son detta allora qualcuno a che legge c’è e non mi sono sentita sola 🙂 Quel bel ragazzetto è mio nipote Carlo, beh, devo dire che nella mia famiglia ne circolano parecchi di ragazzi, vorrà dire che farò altri giochini…ciao e buone vacanze!

    @Fra – come no, te ne preparo ancora…baci

    @Letiziando – continua se puoi a seguire le sue pagine, non lo dico perchè sono di parte, ma scrive davvero bene!

    @carlotta – grazie, mi diverto un po’ anche con i titoli…sono contenta che apprezzi!

    @Giovanna Burroealici – hai ragione giovanna in altre giornate estive non l’avrei mai proposta ma in quei giorni ci credi che qui al mare mi gelavano anche i piedi???

    @Vulmero – mhmm.. la più grande!!!! sei troppo gentile, fai a modo mi raccomando…..

    @antonietta – che ridere, davvero , l’idea di offrire questo piatto a quei bei ragazzotti indiani non mi dispiacerebbe affatto… grazie e ciao

    @Mannu – Ohi sorella, oggi passerai dai profumi della sardegna a quelli dolci e speziati della sicilia, ma non te ne starai andando troppo in giro? Grrr, parla una che deve lavorare un sacco, però è andata bene la compagnia di questi due giorni è stata molto piacevole, ho imparato cose nuove e conosciuto persono davvero disponibili, insomma su con la vita Natalia, ce la puoi fare!!!

  • @ Natalia – Ciao!! Almeno parlo per me, non è che non ho voluto partecipare al tuo giochino perché non mi andasse ( queste cose spontanee piacciono molto anche a me ), però obbiettivamente ho già il tuo libro e ho provveduto anche a regalarne delle copie, quindi mi sembrava più giusto farlo vincere a coloro che ancora non lo possiedono!!! Se fosse stata la copia del tuo nuovo libro invece….. 🙂
    Sono comunque contenta perché l’ha vinta una mia corregionale, anzi, magari vado anch’io a fare uno dei suoi corsi!! 🙂
    Un Abbraccio e Baci!

  • ohchepa..e, non ho digerito il cous cous di San Vito e adesso ho il ballo di San Vito. Mi giro di qua, mi giro di là, e decido che è meglio attaccarmi a internet e darci a mucchio. Stanotte non si dorme!!
    Cous cous di pesce misto sigaro di Calzati condito con la guida strattonante di mio marito (il volo che ho preso io Bologna Palermo delle 19,25 non era quello che ha fatto un atterraggio di emergenza a Ciampino causa fumo in cabina ;)) ha creato un mix pestifero per il mio stomaco.
    Allora vi ammorbo un po’ .
    MA QUANTO DONA UN PO’ DI ABBRONZATURA???
    Come per incanto mi sento più magra, il sole ha fatto evaporare cellulite e grasso, e allo specchio filo un po’ più liscia.
    Durerà 2 giorni, ma questa notte i capelli mi sembrano più color miele e setosi, gli occhi ambrati su un bel fondo bianco, le unghie dure e le orecchie stoppate!!
    Tutto questo ottimismo mi viene da una settimana di ferie.
    Nonostante tutto.
    Nonostante tutto.
    Nonostante tutto.
    E qui ci sta tutto, anche i nativi americani, anche anche, anche anche, bim bum bam, zeta zeta zeta…nonostante tutto…SONO FELICE!
    Anche a voi fanno così bene e male le ferie??

  • voglio fare un brindisi a questa fantastica ragazza di nome natalia, piena di idee fantastiche.in cucina ed ora…anche proponendoci divertenti giochetti estivi!
    Come si dice dalle mie parti:< sei tutta testa!<
    buone vacanze a risentirci a settembre!

  • mannu ti ritrova avvolta in una esplosiva nuvola di benessere, bellezza e di ottimo umore……………effetto meraviglioso e contagioso per tutti quelli che frequentano…………Evviva l’effetto domino! Evviva le buone vacanze!

  • Ciao Natalia! Sai che la mia tesi di laurea era sulle riserve Siuox del South Dakota? All’epoca non avevo le possibilità economiche per vedere quei posti dal vivo, ma ho svolto diverse ricerche, dando poi spazio, nel mio lavoro, a una sezione dedicata ai Sioux in Italia. Pensi che potrei scrivere a Marcello? Non so bene per dirgli cosa… di certo so che lo invidio moltissimo x il lavoro che sta facendo, dove avrei voluto andare io….

  • @mannu – bella mannu hai reso l’idea

    @antonietta -grazie sei troppo buona!

    @lucy – hai ragione davvero

    @sandra – buone vacanze anche a te

    @simo – certo che puoi, anzi devi!

  • COMUNICAZIONE DI SERVIZIO: MIA SORELLA NATALIA E’ RIMASTA A PIEDI CON (AHIME’) IL NUOVISSIMO PORTATILE CONSIGLIATOLE DALLA SOTTOSCRITTA!! NELL’ATTESA DI RIUSCIRE A POSTARE SALUTA E RINGRAZIA TUTTI QUELLI CHE PASSANO DA QUI. HOLA!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency