Con un tuffo, i pesci croccanti arrivano dal mare al nostro piatto!!!

Buonissimi e veloci questi pesciolini in versione “calzone croccante” sono stati la sorpresa di venerdì scorso per la mia famiglia. Serviti tiepidi, le bambine (ed anche noi non abbiamo resistito) li hanno mangiati con le mani, più che mangiati, prima pescati dal piatto, poi divorati per la loro bontà e originalità. Certe ricette riescono una meraviglia e questa, per il connubio di sapori, di consistenze e di presentazione, è forse una delle più azzeccate ultimamente. Quanto capitano questi successi la giornata che continua è tutta un’altra cosa, sei soddisfatta, contenta, appagata e se ne accorgono tutti, tant’è che Chiara, nel primo pomeriggio ha domandato a mio marito -papà, perché la mamma è così di buon umore?- Io ho fatto finta di non sentire, non mi andava l’idea di commentare che a volte basta davvero poco, quando i nostri sforzi, piccoli o grandi, vengono apprezzati da chi ci sta intorno è veramente una grande soddisfazione. Che volete, mi accontento forse di troppo poco?

 Tornando alla ricetta, anche qui è sufficiente: una pasta semplice fatta con  farina, olio e acqua (che adesso proverò anche con altri tipi di farciture ovviamente) con un ripieno che non incontra sempre i gusti dei bambini ma insaporito e presentato in questo modo ha saputo essere apprezzato, in più è veramente di veloce esecuzione. Si può fare con i nostri bambini oppure anche portare in tavola come una sorpresa a voi la scelta, al resto ci penseranno loro!!

I pesciolini croccanti

5 Pesciolini
Facile
20 minuti

Ingredienti

Per la pasta:

  • 150 g di farina
  • 2 cucchiai di olio
  • sale
  • 50-60 ml di acqua (circa )

Per il ripieno:

  • 200-220 g di filetto di pesce senza spine (circa)
  • 3 pomodorini maturi
  • 1 manciata di olive nere
  • origano
  • basilico
  • aglio
  • olio di oliva
  • capperi (se piacciono)
  • peperoncino (se piacciono)

­Procedimento

  • Unite farina, sale, olio e acqua e avvolgete la pasta così ottenute in un foglio di pellicola per farla riposare almeno 15/20 min. Nel frattempo preparate il ripieno e accendete il forno a 180°.
  • Tagliate il pesce a cubetti, mettetelo in una ciotola, fate a cubetti anche il pomodoro privato dei semi e dell’acqua di vegetazione per non inumidire troppo il ripieno. Aggiungete le olive, il sale, l’origano, l’aglio un cucchiaio o due di olio e gli altri aromi a piacere.
  • Mescolate bene con le mani per amalgamare i sapori stringendo bene gli ingredienti.
  • Dividete la pasta in 4/5 palline, stendete ad uno spessore sottile dando la forma ovale, versate al centro il ripieno, ripiegare a mezzaluna, stringere bene i bordi e la parte finale che sarà la pinna del pesce ovviamente senza ripieno.
  • Prendere una rotella per tagliare la pasta e ricavate la bocca da un lato e le pinne frastagliate sopra alla testa, da ultimo sfrangiate anche la parte della coda che avete stretto al centro. Insomma vedendo l’immagine è molto più semplice.
  • Praticate un buchino vicino alla bocca e sistemate una mezza oliva, questo buco permetterà all’umidità di uscire e al pesce di avere un bell’occhietto. Spennellate di olio e cuocete per circa 20 min a 180°.
  • E’ una delle poche occasioni che mangio il pesce anche freddo, rimane croccante l’impasto e saporito il ripieno. Si capisce che ne sono entusiasta?

 

Vuoi condividere questa ricetta?

pane, Pesce, verdure


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (27)

  • oplà, per prima!! 🙂
    ricettina geniale!! assolutamente da provare per fare mangiare il pesce alla mia piccola!!!

    domanda un pò da pricipiante…. il filetto di pesce va messo completamente crudo?

    grazie della bellissima idea

    amarylla

  • @amarylla – sissi, crudo, ma in 20/25 minuti si cuoce tranquillamente, anche perchè il quantitativo è distribuito in 5 porzioni (circa 50/70gr l’una). nel forno già caldo mi raccomando. ciao e buona giornata

  • Ciao, e’ da un po’ che non scrivo anche se ti leggo sempre perche’ al contrario dei tuoi successi a casa mia raccolgo solo cocenti delusioni: ho due figli che non mangerebbero qualcosa di “diverso” nemmeno sotto tortura. Al massimo assaggiano con la punta della lingua sentenziano all’unisono “non mi piace”.
    Ieri sera ho fatto i bastoncini di patate e formaggio, sono venuti uno spettacolo e mia figlia ha osato dire “e’ buono ma non lo mangio”.
    Parole che feriscono non solo al cuore ma anche alla linea perche’ invece a me piace mangiare per cui… ti lascio immaginare il finale: delusione cocente + meraviglioso cibo in avanzo = 1 kg di ciccia in piu’.

  • BELLISSIMI!
    Altro modo di adoperare i filetti di pesce, oltre a quello con le patate del pimo Aprile dell’anno scorso.
    Per la cena ho già un programma, ma per domani sera scongelo i filetti che ho in freezer.
    Ti farò sapere… ma non contare troppo sul mio lato artistico… lo sai vero!? 🙁

    @Robby: se ti può consolare, ieri sera forse c’era qualcosa nell’aria! Mia figlia Anna (3anni) ha guardato la zuppa di spezzati ed orzo e mi ha detto “lo so che mi piace, ma non la voglio mangiare” e io “va bene, non è un problema, puoi saltare la cena”… dopo un paio di minuti “Sì (??), ma ne mangio solo 5 cucchiai”… Tieni duro! E continua a proporre il buon cibo divertente di Natalia! Un abbraccio di mamma 🙂

  • Ma tu….ma tu…. mi devi spiegare……se non dormi la notte per farti venire certe idee!!!
    secondo me pensi e non dormi…..ecco 🙂
    io invece che dormo….vabbè, lasciamo stare!!!!
    mi ce le vedo le bambine a pescare dal piatto…..ma le hai munite anche di canna da pesca?! che forte, dovrei davvero provare, i filetti di pesce in freezer non mancano mai!
    baci baci

  • bello il post e bello il quadro! I pesci sono buoni, il morale è alto, la festa in tavola riuscita, tutto bene. Chi ha provato la dieta a zone sa (perchè lo ha letto) che si può raggiungere un “perfetto equilibrio” del corpo…quando il corpo riceve esattamente quello di cui ha bisogno per stare in perfetta armonia. Il giusto rapporto fra carboidrati, grassi e proteine. A me da quello che hai scritto pare che anche infilare una serie di successi porti a una perfetta armonia… secondo me fare bene, essere apprezzati per questo ed esternare la reciproca dipendenza fa bene al corpo e allo spirito.
    Oppure… senza volere hai combinato grassi proteine e carboidrati al 30% , 30%, 40%??

  • sono veramente deliziosi questi pesciolini croccanti!
    fanno pensare all’estate, alle vacanze al mare ma soprattutto fanno venire voglia di cucinarli e gustarli insieme a tutta la famiglia……..oltretutto sono un mix perfetto di di sostanze ottime per la nostra salute.
    complimenti natty, il tuo post è come dire……….perfetto!

  • Ma che belli questi pesciolini!!! ed ho l’idea che siano di un buono…Slurp!!! Per domani la cena è ok!!!
    Il week-end appena trascorso ho fatto i compiti a casa(bastoncini di patate e torta “rosa”),sono stati davvero un successo…
    Vabbè,è scontato,come al solito…Io,da quest’estate ho quel mio segretuccio…:-)
    Sono felice per il tuo buonumore,ti meriti ogni apprezzamento ed ogni lode possibili,perchè sei una mamma così entusiasta e generosa…e forse hai abituato talmente bene la tua famiglia che ormai danno tutto per scontato…Li vuoi mandare a fare uno “stage” a casa mia?!?!altro che contrappasso!
    Baci

  • Ma che belli questi pesciolini!!! ed ho l’idea che siano di un buono…Slurp!!! Per domani la cena è ok!!!
    Il week-end appena trascorso ho fatto i compiti a casa(bastoncini di patate e torta “rosa”),sono stati davvero un successo…
    Vabbè,è scontato,come al solito…Io,da quest’estate ho quel mio segretuccio…:-)
    Sono felice per il tuo buonumore,ti meriti ogni apprezzamento ed ogni lode possibili,perchè sei una mamma così entusiasta e generosa…e forse hai abituato talmente bene la tua famiglia che ormai danno tutto per scontato…Li vuoi mandare a fare uno “stage” a casa mia?!?!altro che contrappasso!

  • belli questi pesciolini!!! ed ho l’idea che siano di un buono…Slurp!!! Per domani la cena è ok!!!
    Il week-end appena trascorso ho fatto i compiti a casa(bastoncini di patate e torta “rosa”),sono stati davvero un successo…
    Vabbè,è scontato,come al solito…Io,da quest’estate ho quel mio segretuccio…:-)
    Sono felice per il tuo buonumore,ti meriti ogni apprezzamento ed ogni lode possibili,perchè sei una mamma così entusiasta e generosa…e forse hai abituato talmente bene la tua famiglia che ormai danno tutto per scontato…Li vuoi mandare a fare uno “stage” a casa mia?!?!altro che contrappasso!

  • allora, ho dimenticato di comprare le olive e di cospargerli di olio prima di infornarli, ma ieri sera li ho fatti per M. e G. e sono contenta. Si, sono proprio felice di aver ritrovato la voglia di cucinare, dopo il lavoro. Sono soddisfatta. Grazie Natalia, perchè seguo il tuo blog da poco ma sto diventando ogni giorno sempre più affezionata!

  • @miciapallina – grazie sei molto gentile, tu però devi già essere una persona felice i di tuo…sei sempre positiva!!!

    @loretta – per i bastoncini è tutto merito di Enzo!! è lui che ha regalato il libro alla mamma. ma per i pesciolini è tutta farina del mio sacco….li dovrei mettere in un libro?!?

    @robby – ti capisco perchè anche le mie figlie a volte mi chiedono per alcuni giorni di seguito “pasta in bianco olio e parmigiano”, ci pensi, si stancano di assaggiare sempre cose nuove! ma io insisto, un po’ perchè voglio, un po’ perchè devo e un po’ perchè anche loro devono aiutare la famiglia a sbarcare il lunario…o no? dai che ti ricordo magrissima…..ancora puoi mangiare !!!

    @monica:) – ok poi mi farai sapare, ma con qesti ti stupirai…è facilissimo dare la forma del pesciolino ed anche veloce. una mezza luna, un restringimento da una parte e con le forbici tanti taglietti…;)

    @maetta – no la canna non ce l’avevo, abbiamo usato le mani, tanto questi non scappavano più eh, eh!! si penso alle ricette di notte prima di dormire è come se mi raccontassi una favola …poi chiudo gli occhi e sogno

    @mannu – testa alta e morale al massimo…SEMPRE!!! ma come sei informata con i calcoli, blocchetti proteine e carboidrati…non hai mica intenzione di stupirmi !!! ci siamo messe a dieta a mia insaputa?

    @lucy – grazie come al solito sei sempre molto attenta alle mie preparazioni…così ti voglio!!!

    @lucy – la robby a cui ti riferisci è un’altra lucy, e non si fa viva da tanto tempo…veramente anche chiara,l’altra non si fa viva da tanto tempo…forse sono prese da altre cose, sono venuta a conoscenza da altre persone che chiara è in attesa di un maschietto. mi avrebbe fatto piacere venirlo a sapere di persona….ma che cosa ci possiamo fare noi? io le bacchette magiche le faccio da mangiare per quelle vere non ho mica la ricetta. dico solo che mi dispiace, chiara avrà bisogno di un momento di riflessione….che rifletta dunque.

    @Chiara – siiiii, te le mando, ma non per mangiare male, no quello lo so che sei bravissima e attenta, solo per levarmele un po’ di torno. eh, si quando ci vuole ci vuole. sono due giorni che laura suona la trombetta, quelle stupide di carnevale. lei lo farà per sfogarsi un po’, ma le mie orecchie non ce la fanno più. allora pepeee pepeeee te la mando ancora???

    @natalia – ciao, come va, scusa ma non sono riuscita a sentiirte per bene, cio ritroviamo, magari per conoscere anche la piccola arrivata in casa di enza?

    @maetta . lavori e cucini a tutto spiano e stai anche facendo delle belle foto. meno male che hai aperto il blog così è pioù facile venirti a trovare. quelle polpette di pane sono meravigliose, di sicuro le preparerò anch’io, magari quando la settimana prossima verranno i miei genitori.

    @silvia – non sai come mi rende felice il tuo commento. hai colto perfettamente l’intenzione del mio blog. dare spunti, idee, trasmettere valori (nel mio caso quelli della buona cucina), sentimenti senza pretese però, anzi con uno scambio vicendevole di attenzioni. grazie silvia così mi incoraggi ancora di più a continuare questo lavoro, la tua soddisfazione mi riempie di gioia. ciao e alla prossima allora!

  • Fatti!!! fatti venredì sera!!!! sono un po’ pazza, perchè faccio degli orari improbabili e arrivo tardi…..non tutte si sarebbero messe a confezionare questi pesci alle 8 di sera per mangiare alle 8.30……..ma……ce l’ho fatta!!! e il risultato è stato gustosissimo!!!! Ottavio era entusiasta mentre li vedeva cuocere nel forno, e Enzo ha gradito un sacco!!!! Grazie come sempre, li posterò nel blog (appena avrò un attimo di tempo….oggi sono qui di sfuggita…..è domenica e sono venuta a cercare sul forum un rimedio anti-prurito…al cucciolo è esplosa la varicella 🙁
    baci

  • @maetta – sono contenta non vedo l’ora di vederli da te!in mezz’ora hai battuto tutti i miei record!!! povero ottavio, la varicella è una tappa obbligata, però passa presto.i nostri bimbi sono bravissimi e ci sorprendono sempre quando sono sottoposti a prove come queste!!! io non ho avuto questo problema con le bambine e al di la del rimedio del vecchio talco mentolato (che non so nemmeno se può essere ancora valido) non so cosa consigliarti! speriamo passi presto baci

  • ciao Natalia, sto ammirando il tuo sito… ne avevo sentito tanto parlare e ho gia’ stampato mille ricette in pochi secondi!
    anche io ero tua scout, e stavo proprio pensando che un sabato pomeriggio nella tua taverna con le pareti blu imparai che la crema pasticcera si poteva mescolare con le fruste elettriche per eliminare i grumi… e da allora le mie creme sono sempre state specialissime! stavamo facendo una torta gigante, forse due metri per due, per padre mario che festeggiava non so che! grazie!!
    un abbraccio e buona strada da sassuolo
    stefi

  • @stefi – Ciao che bello sentirti, quanto tempo eh? mi ricordo benissimo di te stefi, una guida modello!! e mi ricordo anche della torta a padre mario, bei tempi e belissimi momenti trascorsi pieni di gioia e di voglia di fare cose insieme. mi sono molto cari quei giorni, è stata un’esperienza che mi ha segnato la vita. mi ha aperto la mente, mi ha dato gli stimoli giusti per improntare poi in seguito la mia vita. quindi il grazie lo devo dire io a voi per tutto questo, e per avermi fatto diventare anche voi quello che sono adesso , una donna realizzata e felice!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency