Ci facciamo un fattigmann cookies?

Greta, mamma scandinava di un’amichetta di Laura, mi aveva dato questa ricetta di dolcetto fritto che loro usano fare nel periodo natalizio. -Ma assomigliano alle nostre frappe!- dico io, così invece di proporvela per natale, ho spostato la data, e con alcune modifiche l’ho fatta alle bambine domenica mattina. Con il freddo e il vento abbiamo sfidato le intemperie e le abbiamo mangiate al parchetto. E’ carnevale e non ci siamo fatte mancare il “trucco e parrucco” come si usa fare con i bambini qui a Roma (a Sassuolo non siamo abituati a far girare i bambini mascherati per strada eccetto nei giorni delle sfilate dei carri). Trovo che questa usanza sia molto divertente e permetta ai bambini, e perché no alle mamme di sfoderare creatività e fantasia, di essere liberi di mascherarsi senza vergogna e di poter interpretare il personaggio che più sognano o che più hanno a cuore anche al di fuori delle mura domestiche.

Mi è sempre piaciuto disegnare sui volti dei bambini, e devo dire che me la cavo anche bene, ho ereditato questa abilità sicuramente da mia madre, che da ragazza dipingeva e che poi ha continuato nella vita ad essere una bravissima disegnatrice di modelli di vestiti per bambini, a suo tempo lavorò anche per famosissimi sarti francesi. Wow, sono praticamente figlia d’arte!!! La foto delle “fattingmann-frappe” non ce l’ho perché la dose non era abbondante e ce la siamo mangiata tutta al parchetto offrendone anche agli altri bambini temerari. Io le ho preparate come le nostre frappe, tirate sottili e lasciate con la forma del classico nastro, loro invece li lasciano più spesse, fanno dei piccoli rombi, praticano un taglio al centro e ci fanno passare dentro un angolo esterno , si piegano quindi e prendono una forma strana.  Vi scrivo la ricetta originale, vi avverto però che nelle mie non ho messo il cardamomo ma buccia di limone, per il resto si sono mangiate che è una meraviglia, sottili, friabile e veramente gustose.

Le frappe svedesi

Facile

Ingredienti

  • 250-300 g di farina
  • 80 g di mascarpone
  • 30 g di zucchero
  • 1 noce di burro
  • 2 uova
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di cardamomo in polvere
  • un po’ di brandy
  • olio di semi di arachidi (per friggere)
  • zucchero a velo

­Procedimento

  • Mescolate tutti gli ingredienti nel mixer e aggiungete altra farina se occorre.
  • Stendete l’impasto e date la forma voluta.
  • Friggetele con olio profondo. Cospergetele di zucchero a velo e buona giornata.

Note

Ps: Monica:) mi ha mandato un link dove si possono vedere questi dolcetti in video, sono molto simili alla ricetta che mi hanno dato così se vi va potete seguire meglio il procedimento...in americano però, ma è facile, se lo capisco io......
Grazie Monica a presto
Vuoi condividere questa ricetta?

buffet, Carnevale, Feste


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (14)

  • ciao Nati! ma sono bellissime Laura ed Elisa!!! Non avevo dubbi sulla maschera di Laura….la principessa…. e le guance di Elisa? meraviglioseeeee. Provero’ queste simil-frappe….dove c’e’ fritto c’e’ bonta’.
    un abbraccio

  • sempre piu belle queste bimbe! noi domenica ci siamo accontentati di giocare con la neve . Pensa che Elena era nella nostra sede con le sue coccinelle si saranno divertite tantissimo bacioni

  • Troppo belle principessa Laura e gattina Elisa….faccio subito vedere le foto a Giulia che è a casa (con la febbre:-( )
    Non ho mai fatto le frappe…ma ne ho mangiate a quintali,le adoro!!!hi hi
    Quest’anno mi ero ripromessa di aspettare l’11,per un misero tentativo di buttare giù i chiletti del Natale….ma questo week-end dovrò cimentarmi,ho pure questa bella ricettina…

  • Ciao Natalia, ti faccio i complimenti per le tue bellissime piccoline. Magari un giorno incotreranno i miei 2 maschietti e chi lo sa… Ciao

  • Da noi si chiamano Galani, la mia mamma li fa buonissimi ed io, come Robby, vado a scrocco… e chi me lo fa fare di mettermi all’opera 🙂
    Quindi: proporrò alla mia mamma di fare assieme anche questi Galani Svedesi. Con il solito metodo: io impasto e lei frigge 🙂

    Ieri ero a spasso con due Hello Kitty, qui da noi il costume è d’obbligo per i bimbi, per almeno una decina di giorni, gli adulti magari si limitano al sabato o al martedì e giovedì grassi.

    Complimenti per le modelle!
    Molto meglio della foto delle frappe e poi, dalla faccia di Elisa, si direbbero ottime.
    Laura è sciccosissima 🙂

  • @ Monica, che bello “lì da voi”!! Ma i bimbi vanno in maschera anche a scuola ? Troppo forte!

    @ Robby, io vado a scrocco dalle zie!

    @ Lory, avete la parrocchia più chiccosa della provincia! La ristrutturazione è stupenda, gli ambienti caldi e ordinati…sembra un club privato!!!

  • Ma che belle faccine colorate!
    Anche parecchio soddisfatte.
    E che merenda! Fra un po’ è Quaresima, conviene affrettarci e friggere! Giusto, no?

  • @ Mannu: io sto a Venezia… qui la maschera è d’obbligo! Anche se, purtroppo, molti locali ultimamente la snobbano quasi fosse solo una cosa per turisti e non una tradizione secolare!
    Martedì grasso festa in maschera a scuola… gli altri giorni si arriva all’asilo sempre con qualche cosa di “speciale”. L’altro giorno con delle maschere in cartone fatte da noi, oggi con delle orecchie da coniglio domani… chi lo sa 🙂
    Quest’anno ho tirato fuori dall’armadio anche il mio bel vestito da pagliaccio, che le mie figlie ancora non hanno visto e: le stupirò! (ci andavo anche al lavoro in negozio nei giorni clu!)
    Domenica apertura del Carnevale con il volo della Colombina dal campanile di San Marco!

  • ma quanto sono belle queste due cucciole Natalia!!!!!
    sono rimasta colpitissima dai loro musetti….poi così truccate….davvero un amore!
    inoltre non ho potuto fare a meno di notare la somiglianza di Elisa con la sua mamma: la gattina della prima foto, di profilo, è quasi identica a te!
    Bella anche la ricetta…..e a giudicare dal successo che hanno avuto….queste bugie dovevano essere davvero buone!!!
    un abbraccio

    PS hai letto il commento al post del libro di mammafelice? baci

  • @cristiana – hai visto che tipe buffe, non vedono l’ora di uscire mascherate ma qui il tempo è sempre così brutto. un bacio, ho visto su fb che fai dei dilci meravigliosi, quest’estate voglio impararli a fare anch’io!!!!!

    @loretta – laura mi chiede sempre di andare in montagna sulla neve ed io…faccio finta di niente!!!!!baci a tutte

    @chiara – non parliamo di chiletti…io d’altra parte sto sempre a fare dolci !!

    @marcella – mi farebbe molto piacere!!! ciao marcella

    @robby – beata te! io ormai, come ben sapete non possso contare sulla mannu! ma in compenso ho una pasticceria sotto casa che frigge tutto il giorno e che mi fa arrivare in casa sempre un profumo…però non è a scrocco, devo pagare!!!

    @monica – certo il carnevale da voi la fa da padrone!! che bella l’italia ancora così diversa, ci fa sentire sempre più il desiderio di muoverci per conoscere sempre cose nuove, io penso (la memoria gioca ormai brutti scherzi) di esserci venuta per carnevale, non nei giorni più importanti,ma durante la settimana, con il ragazzetto di turno…l’ultima volta invece che ci son capitata è stato qualche anno fa, prima di avere le due piccole. ci siamo capitate con la mannu la sua famiglia e i miei genitori percorrendo il po’ con una barca a motore d’epoca (si era pure incagliata) e con un nebbione da non vederci niente. bello comunque, ho rischiato di scivolare e finire nel canalgrande ma questa è un’altra storia…la mannu se la ricorderà e forse è ancora li che ride.

    @mannu – queste nipotine ti piacciono vero zia…perchè le hai lontabe, confessalo!!!

    @natalia – si e loro si sono lasciate fare immobili e ferme!!! vanitose

    @giulia – grazie per tutto!!

    @mara – grazie, è vero, a guardarle fanno tenerezza ma a gestirle…non ho più tanta pazienza!

    @maetta – se vedi il papà …non si sa a chi dei due assomigli di più!!! bello il commento l’ho letto e mi sono dimenticata di commentarlo scusa!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency