Alberello salato di tramezzini: il menù delle Feste comincia da qui, che idea golosa!

Vi dovete occupare voi dell’antipasto natalizio? Andate a festeggiare con i bambini a casa di amici? O semplicemente volete preparare qualcosa di facile ma che vi faccia fare un figurone, e farvi aiutare dai vostri bambini!!!
Questo alberello fatto di strati golosi, quelli che piacciono a voi e ai vostri piccoli e grandi invitati vi aspetta.

 E’ una realizzazione molto semplice che può essere eseguita come più vi piace e a seconda delle vostre esigenze. L’idea è quella di farcire del pane per tramezzini dando questa semplice forma ad alberello, con un ripieno goloso, poi ricoprire tutto con una crema (a parer mio fantastica, anche perché l’ho assemblata io!!!)golosa e facile da usare,  perfetta per decorare questo genere di preparazioni. I vostri piccoli aiutanti si potranno divertire, usando spatole , e decorando poi con pomodorini , olive, funghetti, il loro alberello. Io ho fatto una versione un po’ minimal, e per questo le mie bambine non erano molto d’accordo, avrebbero voluto metterci sopra tutto il frigorifero!! Infatti io, anche se avevo bene in mente il mio addobbo, ho fatto “la domanda” (sciocca, mai fare domande quando si conoscono le risposte altamente pericolose!!) – Bimbe cosa vogliamo mettere su questo alberello?- E qui apriti cielo, ho dovuto convincerle con un patto, che poi ne avremmo fatto anche un altro. Quindi regolatevi voi, disponete sul tavolo solo quello che avete intenzione di mettere sull’albero se non volete incidenti diplomatici . Per ricavare la forma a triangolo ho preso tre fette di pane per tramezzino (quei fogli lunghi bianchi per intenderci) poi le  ho tagliate seguendo la diagonale ricavandone due metà che poi ho girato e unito al centro formando un perfetto triangolo (dalla base corta e dai lati lunghi). Ho farcito i due strati poi ho ricoperto con la crema a base di panna montata, maionese e formaggio cremoso (philadelphia). Lo potete preparare anche dalla mattina , con tutta la sua decorazione, reggerà benissimo e alla sera o al pranzo di natale sarà li, in bella mostra sulla vostra tavola, pronto ad essere tagliato come se fosse una torta…ma che in questo caso sarà salata!!! Potete anche preparare piccoli alberelli monoporzione da servire individualmente ai vostri ospiti e….che le feste abbiano inizio!!!

Albero di Natale

8 Persone
Facile

Ingredienti

  • 3 fogli di pane lungo bianco (per tramezzini)

Per la farcitura:

  • 250 gr di gamberetti cotti (se li acquistate freschi calcolatene un 30% in più, perché dovrete pulirli)
  • 2 cucchiai circa di maionese
  • olio
  • sale
  • 5-6 foglie di insalata lattuga tagliate a striscioline sottili (per adulti potete aromatizzare ancora di più aggiungendo senape, peperoncino, frutta secca...)

Per la copertura bianca “salsa di natalia” :

  • 6 cucchiai abbondanti di panna montata (circa 150 g da montare)
  • 3 cucchiai di formaggio tipo philadelphia
  • 2-3 cucchiai di maionese
  • pomodorini
  • senape
  • peperone giallo (per decorare)

­Procedimento

  • Lessate i gamberetti, raffreddate, aggiungerli all'insalata tagliata, condite con uno o due cucchiai di maionese a seconda il vostro gusto, olio, sale e pepe.
  • Sistemate la farcitura sul primo triangolo assemblato direttamente sul vassoio di portata, disponete l'altro strato di pane e completate con la farcitura.
  • Chiudete con il pane e pressate bene per compattare mettete in frigo.
  • Preparate la crema bianca, montate la panna, aggiungete il formaggio e la maionese, assaggiate se vi piace, poi spalmate sull'alberello coprendo anche i bordi.
  • Decorate con un “festone di senape” messo in un cornetto di carta, sistemate la stella di peperone e le palline di pomodoro.
  • Mettete in frigo fino al momento di servire.
Vuoi condividere questa ricetta?

addobbi, decorazioni, Feste, Natale, tramezzini


Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (17)

  • Aggiudicato per far colpo sulla suocera golosona!
    Avevo una ricetta simile (molto meno decorativa) di 2 amiche svedesi, ma quest’anno farò sicuramente questa con la salsa natalia 🙂
    BRAVAAAAAAAAAAAAAA!!!
    (come sempre)

  • @Monica 🙂 – si, è vero , gli svedesi usano molto questo tipo di preparazioni, le riempiono di tutto, alcune sono proprio vere opere d’arte, peccato quasi mangiarle. questa è semplice, e i gusti mi sembrano abbastanza “nazionali”, cioè appartenenti al nostro tipo di cucina. la salsa natalia, è un mio esperimento,però ci terrei molto a chiarire che a mio modestissimo parere, in cucina nessuno inventa niente e niente è di nessuno. a volte mi ritrovo a leggere troppe frasi che danno adito a troppe polemiche del tipo : questo è mio, questo c’era già prima da un altra parte etc.. semplicemente si tratta di trovare quelle dosi, quel tipo di assemblaggi che fanno in modo di ottenere una cosa a noi gradita. sono molto democratically-correct, per me è tutto di tutti perchè tutti lo possono fare!!! basta solo avere un po’ più di tempo e un po’ più di passione!!! baci e grazie come al solito di lasciare il tuo pensiero a tutti noi che traffichiamo qui sul blog

  • Sempre più mitica Nat!!!Aggiudicato!!!ecco come accoglierò i miei commensali la vigilia di Natale…Poi io sono pazza per tartine e pan brioche di qualsiasi tipo…doppia gioia!!!

    P.s. per segnaposto farò le tortine al cioccolato e,almeno per quest’anno,finchè non avrò imparato a fare gli alberelli,utilizzerò delle stelle di meringa con granella di pistacchi che ho trovato alla Gelateria di via dei Gracchi…:-)

  • Bravissima Natalia. Le tue ricette sono sempre allegre e golose e queste vestite a festa “natalizia” sono un vero portento. Continua a viziarci così!!!!!

    Lety

  • Cara Natalia,
    il mondo è peno di mitomani… e i blog di cucina non fanno eccezione… ti dirò: e chi se ne importa, io continuo a citare le varie ricette col nome di chi me le ha passate. Quindi il mio libretto di cucina cita titoli come “semifreddo della zia Anna” “torta di Marcela” “knodel di Giorgio” “Speculaas di Janneke” “frolla di Zanon”… e naturalmente un sacco di ricette di Natalia 🙂
    E per chi si arrabbia… fatica doppia perché deve anche farsela passare! 🙂

  • Bella questa idea. Tempo fa avevo trovato una ricetta delle “torte svedesi”, molto simile come preparazione… l’ho messa da parte come “ricetta da provare”. Ora che vedo questo bell’alberello mi sono ricordata che a me piace con il ripieno di salumi…
    Mi incuriosisce molto la tua copertura, appena la provo ti faccio sapere le mie (modestissime) impressioni!
    Un bacio, e grazie per questa bella idea!

  • Lo faccio lo faccio!!!! stai certa che questo sarà uno dei miei antipasti di Natale!!!! la trovo un’idea geniale!!! e decisamente innovativa!

    per quanto riguarda il blog pensiero……non puoi che trovarmi daccordo con te!!! anche a me tutto questo rivendicare “è mio, c’era già, l’ho inventato prima io” ha un po’ stufato…..
    con tutto il rispetto, anche la sottoscritta è stata vittima di parecchi ladrocinii culinari, per non parlare di fotografie mie (manco fossero foto da rivista 😉 ) rubate e postate come proprie……all’inizio mi arrabbiavo di più, ora sono entrata molto nell’ottica che hai scritto tu, che in cucina nessuno inventa niente e niente è di nessuno….nel senso che la spasmodica citazione della fonte, ad ogni costo, è a volte ridicola…..anche perchè spesso fatta all’interno di una stretta cerchia di persone, sempre quelle……mentre il mondo è così vario…..quel che conta è fare le cose con passione, e farle col piacere di tarmetterle anche agli altri…..è così bello poter imparare e scambiarsi i reciproci saperi….che soddisfazione pasticciare pensando che a qualcuno il tuo pasticcio potrà servire!!! la verità è che a me piace cucinare, e di sicuro qui ho trovato un altro modo per continuare a imparare! le polemiche……stiano fuori! bacioni

  • @ Chiara – bella chiara!!! come dicono i ragazzi, mi fai proprio onore!!! che fortuna trovare le meringhette pronte! un’ altra volta puoi far fare a giulia i biscotti e ricavare con gli stampini gli alberelli…sono carini lo stesso.

    @letizia – ok ci provo, cercherò di continuare a lavorare su questi progetti. sai letizia io non ho niente di pronto nel pc, vado sempre a “getto” di solito cucino e fotografo lo stesso giorno in cui posto se la ricetta me lo permette a volte preparo la sera per la mattina ma è sempre tutto immediato. ecco perchè a volte ritardo con la pubblicazione, perchè magari fuori non c’è luce, o perchè la ricetta deve ancora uscire dal forno …ma mi piace così….piuttosto se non ce la faccio non metto niente…è la mia vita, i miei gesti quotidiani, le mie disavventure…quello che ho voglia di fare, di mangiare di lavorare con le bambine, grazie sempre a voi che mi incoraggiate e condividete questa avventura partecipando così attivamente, i vostri consigli e le vostre opinioni mi fanno migliorare e andare avanti con più entusiasmo.

    @monica 🙂 – Ben detto!!!

    @elga – ti capisco benissimo, ti capisco benissimo!!!

    @Mannu – democratically…beh, il blog è mio e scrivo quello che voglio!!!! è nataliese si, allora??? in tante scrivono roma-nese- dunque….. no dai scherzo la mia ignoranza è tanta e quando non ricordo…invento!!! beccata in pieno!!!

    @Barbara – a noi piace, è panna salata, una crema soffice, per niente pesante che conferisce alla torta sapidità ma rispetta il ripieno!!! che commento tecnico, da vero gourmet!!!

    @maetta – PERFETTO!! siamo in perfetta sintonia. grazie

    @Enza -molto golosa, da veri intenditori!!!

  • Buongiorno e buone feste fatte…..
    La sera della Vigilia sulla mia tavola c’era proprio questo meraviglioso albero….che dirti è semplicemente delicato ed ottimo tant’è vero che non ho potuto fare neanche una foto perchè i 15 commensali lo hanno mangiato tutto….
    complimenti ottimo davvero….
    ciaooooo e buon anno!!
    baci Lidia

Rispondi a Chiara Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency