Una “manna” per amica

Eccomi qua con un’altra presentazione e guarda un po’ il caso si tratta di un’altra Chiara (sarà il destino, queste “Chiare” mi piacciono sempre di più). Mamma di due bambini Giulia e Francesco,  apprezzo Chiara perchè è giovane, vivace, sveglia , informata ed aggiornata, curiosa di tutto quello che succede attorno a lei, non le sfugge niente. Ecco perchè le ho chiesto di scrivere qui su tempodicottura, io come sapete sono più pigra ho bisogno di qualcuno che mi racconti un po’ “di cose di mondo” dalla tecnologia, alla moda, al ristorante per bambini, all’ultima mostra da visitare, alle dritte per acquistare bene, all’articolo interessante da non perdere assolutamente, insomma Chiara mi e se volete “CI” porterà con sé e sarà la nostra “manna (dal cognome Caramanna :)) per amica “ Ecco a voi Chiara C.

“Mamma noooo !!! Quello va nella plastica “

Mai distrarsi in casa, soprattutto se a richiamarvi all’ ordine arriva subito un nanerottolo di quasi 4 anni che, grazie agli insegnamenti delle maestre e della sorellina maggiore, sa già tutto di smaltimento rifiuti e raccolta differenziata.
Io all’inizio ho avuto qualche difficoltà, non lo nascondo. Mi ritrovavo a fissare la pattumiera in preda a seri dubbi: “ sarà plastica o cartone?!?! E questo dove va? Umido ?!?!?!”
Poi, fatto qualche (piccolo) passo avanti, è giunto il dilemma estetico. Dovevo assolutamente trovare dei contenitori non troppo grandi (per limitare l’ingombro), colorati (per distinguere a colpo d’occhio il contenuto) e assolutamente “graziosi” per essere eventualmente piazzati in” bella mostra”.
La scelta finale è ricaduta su questi bidoni colorati, non male, ma il coperchio con maniglia non è il massimo della praticità quando hai le mani occupate.

Invece ,qualche giorno fa gironzolando per la Rete, ecco finalmente quello che stavo cercando:

LECO, (http://www.flussocreativo.it/project/leco/) .
Dei maxi coloratissimi mattoncini “Lego” che, oltre ad essere comodissimi raccogli rifiuti, si impilano uno sull’altro risolvendo anche i problemi di spazio.
Per il momento però, sono soltanto un prototipo (italiano, evviva!!!). Li terrò certamente d’occhio.
Avete altre idee da propormi? E voi, come vi siete organizzati?
Chiara

Vuoi condividere questa ricetta?
Nessun tag per questo post.

Comments (21)

  • La compagnia dell’anello si sta completando!!
    grande Chiara, ben arrivata!
    Anche qua funziona la raccolta differenziata, ma girano delle strane voci. Ad esempio, nel vetro ci vanno anche i tappi dei barattoli o quelli stanno con plastica e lattine? Bisogna pulirli bene bene da ogni eventuale residuo, oppure possono andare anche con un po’ di olio. Uffa, sembra facile!!

  • Benvenuta Chiara! Io sono ancora ferma ai secchi poco pratici con maniglia, quelli della prima foto per intenderci!! i piú carini che ho trovato in giro a dir la verità.. Ma questi che hai trovato tu sono mooolto piú carini!!! ;-))

  • Benvenuta Chiara! Che belli questi bidoncini lego, sono talmente belli che si potrebbero mettere nella cameretta dei bambini per riporci i giochi.. certo, con la spazzatura dentro non sarebbe proprio il massimo 😀
    Da noi passano a ritirare plastica e cartone a settimane alterne, il che significa che ho 15 giorni di carta e bottiglie che si accumulano.. il vetro non ne parliamo, passano una volta al mese e spesso me ne dimentico. Il risultato è che sono sommersa dalla spazzatura e un bidone normale non mi basterebbe. Bocciata l’idea dei bidoni giganti davanti casa (ci pensa già il cane a dare un look un po’ shabby al giardino), noi abbiamo optato per due cassapanca di legno che usiamo sia come ‘ricovero attrezzi’ che come accumulatori di sacchetti. Almeno salviamo l’estetica..
    Ho notato però che nonostante la sensibilizzazione che si sta facendo in tal senso, molte, moltissime aziende continuano a produrre imballaggi multi materiale e assolutamente esagerati. Fogli, foglietti, plastichette, pluriball.. basterebbe così poco agendo A MONTE per semplificarci la vita e produrre meno rifiuti. Lo stesso vale per l’informazione: le aziende più grosse ormai evidenziano sulle scatole le modalità di smaltimento, ma le altre? Lo stesso dovrebbero fare i comuni: il mio, ad esempio, ogni inizio anno invia delle brochure dove spiega quali materiali vanno conferiti e dove.
    Informazione, chiarezza, sensibilizzazione, istruzione.. questo è quello che ci vuole!
    Scusate, mi sono sfogata, ma sono giorni che penso a queste cose e il post è cascato a fagiolo 🙂 Un bacio, a presto!

  • Ciao Chiara. Grazie della dritta stavo cercando anch’io contenitori comodi e belli proprio come questi. Anche a Firenze ci sono cassonetti per la raccolta differenziata: vetro e plastica da una parte, carta e cartone da un’altra, scarti per il giardino e i rifuiti prodotti dalla cucina, tipo bucce, guschi e simili. Io cerco di fare tutto a modo anche se talvolta mi perdo…. ma per fortuna a scuola di mio figlio ci sono pure dei contenitori per le pile, i medicinali scaduti e gli oli della frittura. Ma ancora non ho capito dove vanno buttati i giocattoli (di plastica) rotti.

    Un abbraccio e a presto

  • Ragazze Grazieeeee!!!!!!! sono veramente felice di far parte di questo fantastico gruppo!!!!
    @Mannu:eh si,la squadra è quasi al completo…comincia l’avventura!!!
    @Antonietta:Ciao Antonietta!!! in effetti,ho acquistato questi bidoni “svedesi” perché tra i più carini in circolazione…ma noi donne non ci accontentiamo,e siamo attentissime ad unire praticità e gusto estetico.Certo poi ,a Roma ci pensa l’Ama a sovvertire ogni regola (:-)))
    @Gloria: Ciao Gloria,grazie!
    @Cey:Ciao Cey, I Lego mettono d’accordo tutti…una passione per “bambini” di togli età….;-)
    @Alessia:Ciao Alessia! hai ragione,…parlare, scrivere, spiegare senza sosta, porta ad ottenere risultati concreti. E pensa che bello se le nostre città fossero invase da Lego….:-)

  • Ciao Chiara e Benvenuta anche a te in questa grande famiglia!! 🙂
    Anche questo è un argomento che mi sta a cuore…prima ancora che iniziasse la raccolta porta a porta ho educato i miei a differenziare…all’inizio non è stato semplice ma quando la raccolta differenziata è diventata un ( giusto ) obbligo erano preparati!!! Quanto all’organizzazione, per l’umido e gli olii usati il comune ci ha fornito un apposito contenitore, per il resto ho uno sgabuzzino che ho attrezzato con i vari sacchetti, anche questi reperibili gratuitamente presso il comune o in vari negozi e supermercati della città…niente contenitori quindi…io mi trovo bene così…ma devo dire che questi sono mooltoo carini!!! 🙂 Inoltre sarebbe bello, come diceva Alessia, che ci fosse una regolamentazione unica per quanto riguarda gli imballaggi ma anche la raccolta differenziata!!!
    Alla prossima allora!!
    Buon fine settimana a tutte!!
    Bye e Baci!

  • Conosco Chiara da undici anni è la persona perfetta per questa rubrica, la sua curiosità ti “migliora” la vita….
    Brava Chiara!
    baci
    debora

  • Tanti auguri, Chiara, per la nuova rubrica e complimenti alla padrona di casa, dopo aver girovagato un po’ tempodicottura,it ora è nei preferiti.

  • @Maurizio Cortese – anche la padrona di casa ti saluta e ti ringrazia

    @a tutte – anche io sono rimasta attratta da questi bidoncini, lo sai vero Chiara? tienici informate…

  • Ciao Chiara, piacere di conoscere anche te!!!
    L’idea dei raccoglitori/lego mi piace tantissimo.
    Quale sostenitrice della raccolta differenziata appoggio qualsiasi metodo, se poi è anche simpatica e divertente ben venga!!!!
    Non vedo l’ora di trovarli sul mercato.

  • io ho un unico bidone alto e stretto che va giusto giusto di fianco al caminetto (che non uso), al posto che sarebbe della legna: sopra la spazzatura indifferenziata, sotto il multimateriale (qua raccolgono tutto insieme), dietro al bidone una busta di carta in cui metto la carta e l’umido… dalla finestra! Alle galline che razzolano sotto, non per strada, eh! 😉

  • Natalia, una domanda: ma se manco per qualche giorno, come faccio a rintracciare i nuovi articoli? Nel riquadro degli articoli recenti ce ne sono tre, ma come faccio a sapere se prima di questi tre ce ne sono altri che non ho letto? 🙁
    Forse dovresti allungare un po’ di più la lista, o c’è una sezione in cui c’è la lista in ordine cronologico?

Rispondi a Samantha Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency