• Home
  • Antipasti
  • Il menù di Pasqua inizia da qui: antipasto colorato

Il menù di Pasqua inizia da qui: antipasto colorato

Scritto da Natalia il .
Pubblicato in Antipasti Food&Craft.

Oggi inizio questa settimana su Tempodicottura proponendovi la prima delle ricette che ,se lo vorrete, potrebbero essere da spunto per un vostro semplice , veloce, facile menù per questi giorni di festa da realizzare anche insieme ai vostri bambini.
Tutto è sempre in stile con il blog, naturalmente ci si deve divertire, impegnare il giusto tempo che abbiamo a disposizione e mangiare sano mi raccomando, anche se in questi giorni potremo fare un piccolo strappo alle regole, altrimenti non riusciremo sempre a seguirle no?

E’ da un po’ di tempo che “traffico” per colorare le uova con coloranti naturali, mi era stato chiesto di occuparmene per il Blog dei Piccolini, vedrete un mio articolo anche li, in rete si trovano molte, troppe indicazioni per farlo , ma sapete cosa ho notato che molte spiegazioni non sono altro che la copia della copia della copia di spiegazioni iniziali…insomma è difficile risalire al post originario .

Da un’attenta analisi di questi procedimenti ho capito che qualcosa a volte non va… I passaggi e gli strumenti che propongono in questi siti non danno sempre i risultati riportati nelle fotografie, i tempi di esecuzione sono “sballati” e i colori sono spesso“tarocchi”.
Vole sapere la mia esperienza?
Io ci ho provato, si ho provato a colorare le mie uova, rigorosamente dal guscio bianco , e i risultati che ho ottenuto sono reali mi sono piaciuti e ne sono soddisfatta (però ci vuole tempo):

tanto che poi mi sono spinta ancora più avanti colorando non solo il guscio ma anche le uova cotte (e qui la cosa è un po’ più veloce), l’effetto è stato ancora più sorprendente, la composizione con le uova  che ho creato nella ricetta lo dimostra. Sono uova di quaglia che una volta cotte sono state sgusciate e messe in ammollo per qualche ora (dipende dall’intensità del colore che volete ottenere e la sua profondità nell’albume sodo ) in acqua colorata da cavolo viola (basta fare bollire un paio di foglie tagliuzzate in un bicchiere di acqua in modo che rilascino bene il loro colore) se volete uova blu, da acqua e curcuma ( non occorre bollire) per avere uova gialle,e da gocce di limone aggiunte all’acqua blu del cavolo se volete uova viola ,questo basta per avere tre bellissime tonalità che potranno rallegrare qualunque cosa noi vogliamo preparare in questi giorni.

La stessa cosa dovrete fare con le uova dal guscio bianco, potete cuocerle direttamente nell’acqua colorata ma dovrete lasciarle in ammollo per parecchio tempo (una notte intera)perchè il guscio ci metterà più tempo ad assorbire il colore. Per ottenere un marrone soddisfacente ho bollito la buccia della cipolla gialla, che colore meraviglioso che rilascia è incredibile, il suggerimento vale anche per le bucce delle cipolle viola, magnifico davvero! Non sono invece riuscita a creare il verde, la clorofilla rilasciata  degli spinaci è troppo debole per filtrare nel guscio ci saranno altri metodi e se voi ne conoscete dei sicuri e provati personalmente fatemelo sapere ve ne sarò grata.

La mia ricetta di oggi? Divertente leggera e gustosa per un antipasto diverso che potrebbe lasciare di stucco i vostri invitati, io l’ho proposto al piatto, ma divertente potrebbe anche essere questa variante immaginate che bello portare in tavola un insalata con queste uova colorate:

ricca divertente  e tutta naturale che a guardarla mette solo voglia di vita! A domani con la prossima idea e buon inizio settimana.

Antipasto pasquale

6 Persone
Media

Ingredienti

  • 1 rotolo di mozzarella in sfoglia
  • 6 pomodori allungati
  • 9 uova di quaglia sode e colorate secondo il procedimento spiegato sopra
  • gocce di pesto (di ketcup e di senape,)
  • un filo d'olio di oliva per condire in tavola (non prima per non sporcare il capolavoro)

­Procedimento

  • Tagliate i quadratini di mozzarella, teneteli pronti, tagliate a fettine il pomodoro e le uova di quaglia già colorate (tenute a bagno nell'acqua colorata per il tempo necessario) al momento di portare il tavola (anche un paio di ore prima) preparate lo strato di pomodori, adagiate sopra il foglio di mozzarella, poi fatevi aiutare dai bambini a comporre il disegno con le uova e gli schizzetti di salse, portete in tavola e iniziate a fare festa!
Vuoi condividere questa ricetta?

addobbi, bambini, decorazioni, Feste, Pasqua


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (15)

  • @giada – hai ragione io infatti le trovo solo in una bancarella al mercato, li però le trovo sempre.l’altro giorno le ho viste anche da auchan non so se tu hai un supermercato del gruppo sma adesso mi pare diventato simply o giù di li. sono le uova adatte per fare la pasta fatta in casa perchè il loro tuorlo è molto giallo!

  • Ok, lo faccio sicuramente e certamente!!!!
    Le uova colorate faranno la felicità dei piccoli e stupiranno gli adulti!
    Sempre per la serie piccola spesa-grande resa!!!!

  • Ma sono spettacolariii!!! L’unica cosa sono appunto le uova…non sò dove trovare quelle dal guscio bianco…io vado a fare spesa da un Ipersimply, ma onostamente non ho mai guardato al reparto uova perché ho quelle fresche prodotte dalle galline di nonno! Caso mai proverei con quelle, ma se mi dici che il risultato migliore si ottiene solo con quelle bianche….non mi resta che ammirare lo splendido quadro da te fatto e farti ancora i complimenti per la splendida idea!!! 🙂
    Buon inizio Settimana a tutte!!
    Bye e Baci!

  • Mamma ha posto una giusta osservazione! Le uova non prendono il sapore del relativo colorante stando in ammollo? Se è un sapore ben equilibrato il gusto ci guadagna! Ma può darsi abbia fatto un’altra stupida domanda!!! 🙂
    AriCiao!!

  • @cleareilpomodororosso- grazie , certo sono i miracoli degli acidi fatti un salto da bressanini e vedrai come te lo spiega bene!

    @Stef – esatto, l’insalata poi è anche velocissima!

    @Robby – grazie Robby, come va la banda? una bella Pasqua quest’anno vero?

    @Patrizia- se non trovi quelle bianche falle sode e colorale saranno ancora più spettacolari perchè il colore entrerà anche un po’ all’interno dipende da quanto tempo le lascerai a mollo nel liquido. vai tranquilla di alla mamma che le mie non sapevano di nulla, forse leggermente speziate quella con la curcuma perchè la mia miscela contneva anche un po’ di spezie ma davvero un nonulla. sorprendenti quelle di cavolo, nessun sapore davvero!!!

    @marcela senise – ma grazie , e tu sempre gentile ed entusiasta , questo mi fa bene 🙂

  • Ma che idea geniale! Perchè non vengono anche a me sti lampi di genio?? A Pasqua farò sicuramente queste uova, non vedo l’ora di vedere le facce sorprese di grandi e piccini!!!

  • Bellissimo Natalia! Pensavo fosse il piatto, invece è un quadratino di mozzarella con i pomodori sotto. Sei riuscita a farmela 😀

    ps. nemmeno qui a Padova si trovavano le uova dal guscio bianco, ma quest’anno sono miracolosamente apparse sullo scaffale di molti supermercati e sono di una nota marca che sembra l’esclamazione di quando ci si fa male.. 😛

  • @Gio – grazie mille ,a anche tu hai ottime idee, sono passata nel tuo blog 😉

    @Letiziando – ci provo, se riusciamo a rallegrare la tavola in modo naturale è tutto di guadagnato!

    @Monica 🙂 – se le fai sode i colori sono ancora più sgargianti !

    @Alessia – ecco allora diffondiamo pure la notizia, grazie ale e auguri!

Rispondi a Stef Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency