Quello che ha in più di voi una foodblogger

Si, sono sicura che abbiamo qualcosa in più di voi, e non abbiatevene a male, anzi, consideratevi fortunate!
Fortunate perchè non dovete ricavare dalle vostre case uno spazio per riporre la quantità esagerata di ammennicoli vari che man mano andiamo a comprare per rendere le nostre foto più ricche, più originali, più divertenti insomma più….

Tempo fa Patrizia, una cara mia lettrice , ha apertamente fatto apprezzamenti sul mio modo di presentarvi le ricette, devo dire che mi ha fatto molto piacere , perchè in effetti dietro ad un piatto c’è anche una grande ricerca della sua composizione, e credetemi che spesso proprio questa ricerca va a “fare la differenza”!

Io non sono una fotografa, mi piace si, ma non mi ritengo assolutamente all’altezza , mi sento insicura e indecisa, sono molto “istintiva” davanti all’obbiettivo e non seguo regole ben precise. Non ho un attrezzatura particolare, solo una macchina reflex, Olimpus per l’esattezza che è anche diversa dalle altre per il formato delle inquadrature ( e questo mi basta per complicarmi la vita) non uso un obiettivo particolare ( per esempio il macro che pare sia l’ideale per fotografare i piatti) e udite udite (ma gli esperti l’avranno capito dalle mie foto 🙁 ) non ho ancora un cavalletto! Insomma dal punto di vista tecnico vi ho svelato di essere una frana, ma se mi chiedete una tazzina viola, un piattino blu, tre bicchierini arancioni, un pupazzetto carino, tovagliette a fiori, con le nuvole o a stelle e strisce…ecco io ce l’ho!!!!
Lo sa benissimo il fotografo (Umberto Agnello, ma ve ne parlerò più avanti) che è venuto per gli scatti del nuovo libro , non pensava assolutamente di poter avere a disposizione un vero e proprio “magazzino” .
So benissimo di essere la disperazione della persona che mi aiuta a sistemare la casa, quando compro qualcosa di nuovo (tengo sempre d’occhio tutto in ogni negozio e compro benissimo nel periodo dei saldi ) già la vedo disperare per trovare una collocazione,anche se ultimamente sono stata brava ho sistemato la roba in scatole dell’Ikea dividendo per genere, materiale colore… non so quanto tutto ciò potrà durare ma almeno ho provato a fare un po’ di ordine.

 

Inutile dirvi che questo materiale è anche una continua tentazione per le mie due piccole, che vanno spesso e furtivamente a “rubare” fogli colorati, pennelli, colori, piattini e pentolini… ormai sanno dove poter attingere e devo accettare queste incursioni, sono stimoli creativi anche per loro e come dire di no?

E quando vado in vacanza? Mi porto il minimo indispensabile, in una scatola raccolgo quello che penso mi possa servire per qualche scatto e parto, devo dire che sto diventando sempre più brava, riesco a contenere il volume di oggetti e man mano che il tempo passa anche a farne un po’ a meno, mi arrangio un po’ di più e cucino poco, in questo periodo ne approfitto per raccogliere più che altro idee e mettere a posto le mie cose (sempre quando le bimbe me lo permettono ovviamente) così da ripartire carica e positiva a settembre…

Vuoi condividere questa ricetta?
Nessun tag per questo post.

Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (11)

  • La Patrizia in questione sono io?! Se così fosse che onore essere stata citata!! Devo dire che appena ho visto il nuovo post, già dalla foto sono impazzita e sono corsa subito a leggere il resto!! 🙂
    Posso immaginare che non debba essere semplice catalogare e riporre tutto il materiale, però a volte ti invidio degli oggetti, giusto quelli più funzionali ma che per colore o forma danno un tocco di vivacità al solito accessorio! 🙂
    Buono shopping allora, devi incrementare la tua nutrita collezione, 🙂 e buon caricamento di pile e idee per settembre!!
    Bye Bye e Baci!!!!

  • uh come ti invidio tutte quelle belle scatole ordinate piene di bicchierini, nastri e gadget vari!!!!!!!
    la mia “cabina armadio” per tutti gli ammennicoli per il blog è un decimo della tua…
    ma capisco benissimo cosa intendi!!!
    io mi sento un po’ in colpa quando torno a casa con l’ennesima ciotolina o forchettina colorata ma, come dice mia sorella, mi si attaccano proprio alle mani!!!
    io non posso farci niente!!!

  • ahahah dimmi la verità: questo post lo hai scritto per me ahahah perchè ti prendo in giro per tutti gli ammenniccoli che ogni tanto tiri fuori ^_____________^
    complimentoni: non arriverò MAI ai tuoi livelli!!!!

  • Quanti oggetti…piccoli, grandi, colorati, lunghi, corti….tutti perfettamente ordinati e immagino catalogati per essere trovati al primo colpo!!!
    Se mio figlio, il piccolo, ci potesse arrivare…sai quanti art attack potrebbe farci????? ^_^

  • Ma io non avevo dubbi!!! per avere un super blog, come il tuo, e tutto il successo che hai come conseguenza, la dedicazione dietro non è poca!!!
    Grande Natalia!!
    sono sempre tua fan!!
    un abbraccio 🙂

  • @Patrizia – si si si sei proprio tu! un attenta osservatrice che mi sprona sempre a dare il meglio 🙂 per questo sai che ti ringrazio tantissimo vero?
    Qualche cosa la cucino, ma, devo dire la verità, devo ancora fermarmi un attimo da tutto quello che mi è capitato prima delle vacanze..tra cose belle e cose meno belle mi sto barcamenando come posso, sperando di trovare finalmente un agosto tranquillo che mi possa ricaricare, ci saranno novità e penso anche abbastanza impegnative, sono ovviamente felicissima ma tutto questo mi spaventa anche un po’! Vuoi una notizia in anteprima: mi hanno riconfermato alla Prova del cuoco 🙂 besos

    @Cinzia T – siamo tutte uguali, non resistiamo e poi ci sentiamo in colpa…. purtroppo nel mio caso temo che l’ordine durerà poco :((

    @Valeria Luongo – ahahah, è vero, che mi dici sempre “ma quante ne hai??” comunque mi sa che tu sie sulla buona strada baci grandi a te e a tutti quei bei piccoli che ho visto in foto 🙂

    @Lucyinvacanzadaunavita – a volte nemmeno io mi sento una foodblogger: non sono una girandolona e non parlo di ingredienti strani , rari , dop, doc, docg e protetti ahahaha! però in quanto ad attrezzature ormai mi posso ritenere in grado di sfidare chiunque!!! in quanto all’ordine cara lucia ogni tanto ci provo ma dura poco!

    @Stef – catalogati è una parolona: a volte ne trovo nelle ceste dei giochi delle bimbe e sulla scrivania anche di mio marito!! però alla fine riesco sempre a rimediarne uno che può andar bene…

    @Marci Senise – grazie mille è che magari non tutti se ne rendono conto e penso che faccia piacere vedere anche cosa c’è dietro alle quinte! un abbraccio

  • cosa leggo…? un nuovo libro??? finalmente!!!! Natalia, che sia del formato del primo, ti prego. ci sta in tutte le valigie, non ne faccio mai a meno in qualsiasi spostamento. per cucinare e farmi venire spunti, certamente, ma anche per tenere buone le mie pestine nei momenti più neri (adorano il topolino “patatino”). non vedo l’ora che lo pubblichi!

  • Che invidia!
    La mia povera casa è stremata da tanti piccoli traumi e io invece sto soltanto desiderando un piccolo armadio o spazio solo per me e le cose che vorrei comprare per le mie foto…. ma prima o poi!
    Bello leggerti!
    miciapallina (invidiossa)!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency