• Home
  • Antipasti
  • Ed ora, lo volete sapere come faccio i carciofi fritti?
carciofi fritti

Ed ora, lo volete sapere come faccio i carciofi fritti?

Scritto da Natalia il .
Pubblicato in Antipasti Secondi.

Il post di mia sorella ha raccontato come ho trascorso le due ore prima di una conferenza a Sassuolo,  niente trucco e parrucco, sedute zen, bagni caldi, no no, la cosa migliore per me per calmarmi e concentrarmi è quella di cucinare: mi distende e mi carica, cosa volete fare sono una donna concreta che ama i fatti e non solo le parole!!!

Certo che poi la mia immagine esteriore, data anche la mia non più giovane età, ne risente parecchio, e questo l’ho potuto notare dalle fotografie che mi hanno immortalata: occhiaie, capelli appiccicati e pelle spenta …mi sono lamentata con mia sorella che mi ha ricordato che se avessi fatto una seduta di rilassamento, dopo il viaggio di 4 ore in macchina Roma Sassuolo, con impacchi e maschera “tira sù” invece di friggere 15 carciofi questo forse non sarebbe successo…ma va?

Vabbeh, inutile lamentarsi, io sono fatta così, ho fatto “godere” la mia famiglia facendo assaggiare queste delizie portate a posta da Roma e ne sono felice.
Questa ricetta è fantastica, penso di essere una delle “friggitrici di carciofi“ più brave che conosco, badate bene che ci sono voluti anni e anni di prove di ricette, di cambi di ingredienti, consistenze, tecniche ma poi alla fine la semplicità vince sempre ed ora posso davvero dire con orgoglio che a me i carciofi fritti vengono benissimo!
E’ un ottimo modo per far mangiare queste verdure ai nostri bambini, la cottura nonostante sia fritta è leggera e fatta in casa è senz’altro meglio che mangiata al ristorante dove gli oli di solito vengono usati per lungo tempo. Ho cercato di pesare e misurare gli ingredienti per facilitarvi il compito e permettere anche a voi di ottenere un risultato meraviglioso, credetemi, il vostro sacrificio (chi frigge si immola per i propri commensali) verrà senz’altro ripagato dal piacere che procurerete, e poi, tranquille, la frittura dei carciofi non puzza ?????!!!!!

 

carciofi fritti

Carciofi fritti

4 Persone
Facile

Ingredienti

  • 3 carciofi romaneschi
  • 50 g di farina
  • 5 o g di farina di riso
  • 170 g di acqua minerale
  • sale
  • un limone
  • olio di semi di arachidi

­Procedimento

  • Preparatevi tutto: iniziate a pulire i carciofi togliendo le foglie esterne e munitevi di un cutter, che per me è la lama migliore, iniziate a tagliare esternamente dalla base delle foglie così manterrete la parte più tenera salendo verso la cima del carciofo le foglie interne rimarranno quasi intere, il carciofo pulito dovrà assomigliare ad una “rosa”.
  • Tagliate a metà il limone e passatelo sopra per evitare che si annerisca.
  • In una ciotola preparate la pastella, mescolate le due farine aggiungete l'acqua minerale fredda e il sale, dovrete ottenere una pastella leggera e abbastanza liquida, questo è il segreto, non deve essere troppo pesante.
  • Ora passate a friggere, olio profondo bello caldo e man mano vi tagliate i carciofi un po' alla volta, li dividerete prima a metà e poi a secondo della grandezza ricavate dai 4 ai 5 spicchi, immergeteli con una mano nella pastella , eliminate quella in eccesso scrollandoli bene e poi tuffateli nell'olio.
  • Friggete in base alla grandezza della vostra padella ma ricordatevi non troppi pezzi alla volta, quando friggo nella padellina piccola, non ne metto più di 5.
  • Fateli dorare bene e poi scolati su un foglio di carta assorbente (scottex o carta paglia) continuate fino ad esaurire i carciofi e finchè non lo sarete voi!!!!

Note

Tre carciofi si fanno presto a fare e basteranno per un contorno di 4 persone. Potete anche friggerli prima , poi riscaldarli nel forno caldo per 10 minuti, i mie carciofi sono buoni anche così !!!

 

Vuoi condividere questa ricetta?

carciofi, fritti, verdure


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (15)

  • Natalia…..sei la mia ultima chance! Mia madre li faceva buonissimi ed io non sono mai riuscita in tutta la mia vita a farli almeno decenti neanche una sola volta!
    Me la sono stampata la tua ricetta!
    Prima o poi mi armo di lexotan e ci riprovo. grazie.

  • Oh Natalia, adoro i carciofi fritti.. mi ricordano tanto la mia nonna che li faceva soprattutto durante le festività… ma non sono mai riuscita a farli “come dico io” e ormai la mia nonna non c’è più..ma ecco che arrivi tu con qs ricetta.. come posso non farli?
    grazie
    Pat

  • Buooooni i carciofi sia crudi che cotti in tutte le variabili!!!
    Se avevi capelli arriffati, occhiaie e pelle spenta, sarà forse perchè sei UMANA?!?!? ^_^
    Ti ammito anche così!!
    Ottima la ricettina.

  • Io continuo a far friggere mia mamma, nn ho ancora imparato bene e visto che cm dici tu ci vuole pratica, me li “godo” gia’ pronti, suggeriro’ qst tua pastella! Bhe anche le occhiaie hanno il loro fascino…io le ho sempre sia stanca che rilassata :-)!!! Bacioni luisa

  • Mi associo a Luisa…non ho molta dimestichezza col fritto, quindi segnalerò sicuramente la ricetta alla mamma! 🙂
    Buon Fine Settimana a tutte!!
    Bye e Baci!

  • Riguardo ai carciofi sono totalmente ignorante. Li mangio se capita ma non li ho mai cucinati. Il fritto lo faccio raramente ma questa volta… come resistere! Soprattutto dopo aver letto il post della Mannu!!! Siete proprio una coppia fenomenale, carissime sorelle Cattelani. Potrei scambiare qualche mia sorella per una sola di voi! Duexuno! O anche 3×2! Chi offre di più?

  • @mannu – tu potresti quasi quasi dare lezioni! me ne hai visti fare 15 …
    @Roberta garofalo- va tranquilla quelli della tua mamma saranno sempre quelli della tua mamma ma questi non ti deluderanno per nulla!!!
    @patrizia a – falli che ora sono gli ultimi, vengono fantastici croccanti e leggeri …
    @Stef – oppure …disumana!!!
    @mamiluincucina – beh, se puoi approfittane non posso certo dire di non farlo, ma sai cosa dico sempre alle mie figlie? : impara l’arte e mettila da parte!!
    @Patrizia – non c’è niente di più facile , basta solo iniziare…. il fritto da ottime soddisfazioni è veloce e anche leggero se fatto bene! meglio a casa che fuori, e non dobbiamo aver paura di farlo, ci si sacrifica un po’ ma sai che gusto!!
    @Carlottalittlekitchen – e pensa che io ovviamente nemmeno me ne sono accorta di puzzare!! che figuraccia!
    @Robby – grazie mille!

  • Io non sono brava a friggere, ma questi li ho fatti ieri sera e con la tua pastella sono venuti proprio bene: croccanti e asciutti come deve essere un buon fritto!

  • per favore per favore: spiega bene e con foto come si puliscono i carciofi!!! è proprio quella a parte difficile della ricetta, non il resto. Attendiamo con ansia! io adoro i carciofi ma non so bene come fare…grazie!

  • Abbiamo provato la tua pastella, con ottimo risultato in termine di croccantezza ed asciuttezza, ma non altrettanto positivo in relazione alla capacità “avvolgete” della pastella che tende a sciovalare.
    Forse una minore fluidità risolverebbe il piccolo inconveniente.

    • @Paula Mattar – grazie , ti devo confessare che io non amo i cibi avvolti troppo nella pastella perchè penso che la parte più buona sia il contenuto, come in questo caso i carciofi. solo una domanda: ma li avete usati asciutti? perchè in questo modo la pastella seppur liquida riesce comunque ad avvolgerli bene. prova a passarli prima nella farina la pastella rimarrà di sicuro più abbondante intorno alla verdure. a presto e grazie del tuo riscontro ! a presto

  • Natalia,scusami il forno a quanti gradi per riscaldarsi? Vorrei portarli da mia figlia il 24, tieni conto che li friggere intorno alle 18. Grazie

Rispondi a Roberta Garofalo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency