tranci di riso al forno

Tranci di riso farciti, la mia ricetta della domenica.

Vuol dire che anche ieri non ci siamo fatti mancare nulla, eh, già…
Tutto procede per il meglio a parte qualche “sclerata” ovviamente da parte mia che vado da una parte all’altra della casa con padelle, piatti cucchiai e il cane che mi segue speranzoso che in questo trambusto mi cada qualcosa da agguantare al volo, praticamente ce l’ho sempre per i piedi e la cosa non mi entusiasma affatto, anzi mi angoscia perchè devo fare molta attenzione se mollo la guardia un attimo arriva lui con il suo muso umido ed acchiappa quello che trova.

Argh!!

La varietà di cibo che stiamo mangiando in questo periodo è incredibile: sabato a pranzo ho portato in tavola 4 piatti uno diverso dall’altro, dalla carne bollita a quella con il curry, dalla pasta alle verdure al cous cous, per la gioia delle bambine che in queste occasioni si divertono a seguire le avventure del papà.

Dovete sapere che non vedendo ormai nulla da vicino mi marito si ostina ugualmente a non mettersi gli occhiali a tavola così comincia i suoi soliti approcci: sposta il cibo con il cucchiaio cercando di intuire qualcosa dal colore e dall’odore ,declama qualche nome per vedere se il suo intuito è andato a segno ma naturalmente non ci prende mai così le bimbe si divertono con questo siparietto e lo prendono in giro, capirete con quattro piatti diversi il divertimento è andato avanti per tutto il pasto.

Domenica invece li ho stupiti tutti con questa preparazione, per me un ennesima prova/esperimento per loro un piacere da condividere insieme a tutta la famiglia.
Vi auguro un buon inizio settimana, io ci sono e voi…anche 🙂

Avete voglia di preparare qualcosa per carnevale che sia goloso ma anche nutriente? che ne dite delle mie frittelle di mele  se fate un salto nel blog dei Piccolini potrete prendere la ricetta e festeggiare domani con la vostra famiglia 🙂 a presto

 

2014.02.04_cucina_dolce.JPG.620x400_q95_crop-,0

Tranci di riso farciti

1 Teglia
Facile
15 minuti

Ingredienti

  • 450 g di riso carnaroli
  • 1 cipolla
  • sedano carota e cipolla per il brodo (o anche scarti di verdure se siete abituati a tenerne da parte)
  • 100/120 g di prosciutto cotto
  • 100/120 g abbondanti di provola (a casa di un calabrese non manca mai)
  • 350 g di passata di pomodoro
  • un uovo
  • 50 g di parmigiano
  • salsa al basilico (basilico, parmigiano aglio e olio)

­Procedimento

  • Preparate il brodo vegetale con il sedano la carota e la cipolla, per un buon risotto lo dovete fare:)
  • In un tegame mettete mezza cipolla tritata finemente, un po' di olio e fate rosolare delicatamente.
  • Unite il riso fatelo tostare bene, poi iniziate la sua cottura allungando pian piano con il brodo saporito.
  • Nel frattempo preparate la salsa di pomodoro, insaporite sempre con l'altra mezza cipolla tritata e appassita nell'olio, versate il pomodoro e fate restringere il più possibile.
  • Arrivati quasi a fine cottura del riso trasferitene la metà dentro la salsa di pomodoro e continuate fino a completarne la cottura in modo separato , avrete così un risotto bianco e uno rosso, lasciateli asciutti insaporiteli entrambi con il parmigiano.
  • Nel riso rosso per fare in modo che rimanga più unito aggiungete un uovo che legherà maggiormente il composto.
  • Stendete i due risotti su una teglia rivestita con un foglio di carta da forno, dovranno avere le stesse misure e lo stesso spessore, due rettangoli di circa 18 x 26, lasciate che si raffreddino.
  • Farcite la base rossa con il formaggio e il prosciutto cotto, ricoprite con il foglio di riso bianco fate aderire bene, tagliate le vostre porzioni e mettete in forno per circa 15 minuti, prima di portare in tavola.
  • Nella foto non c'è ma io ho servito i tranci di riso accompagnandoli con una saporitissima salsa al pesto e devo dire che ci stava benissimo: ho frullato alcune foglie di basilico, con un po' di aglio, olio e parmigiano lasciandola molto liquida.

Note

Non è affatto difficile ed è un piatto molto pratico perchè si può preparare anche il giorno prima e credetemi è appetitoso e molto scenografico.
Vuoi condividere questa ricetta?

cereali, riso, senza glutine, Vegetariane


Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (11)

  • Aspetto sempre con gioia la tua newsletter perché hai delle idee geniali, semplici ma fantastiche, hai una fantasia gustosissima….adoro le tue ricette e adoro come le presenti alla Prova del Cuoco.
    Complimenti!!!! Poi sei modenese…come me…perciò…..
    Ciao, buona giornata
    Giuli

    • @giuli – grazie, che carina che sei, e poi un po’ di campanilismo non guasta mai 🙂 scusa se rispondo tardi ma vado sempre di corsa, ma i commenti li leggo subito e mi fanno “gongolare” parecchio!!!

  • Sto cercando di immaginare la simpatica scena che hai descritto col cane che ti segue ovunque mentre tu spadelli. Ti assicuro che ti capisco poichè lo sguardo da cucciolotto affamato con gli occhioni lucidi e anelanti cibo lo incrocio quotidianamente anche io (=Chicca, 9 kg di cane perennemente affamato), in più ho il mio piccolo Giorgio che (volente o nolente) divide spesso il suo pasto con lei.
    Per fortuna il tuo estro non se risente!
    Sei sempre il mio riferimento e soprattutto il sabato o la domenica (quando ho più tempo e più voglia) provo qualche tua ricetta. Anche Elena si sta appassionando sempre di più alla cucina e alcune cose ormai le fa in autonomia. Siamo in trepidante attesa della tua prossima pubblicazione che dall’anteprima mi sembra anche molto bella graficamente (parere personale e professionale) per cui buon lavoro, tieni duro, noi tifiamo x te!

    • @Robby – non sapevo che anche tu avessi un cane, certo che non ti fai mancare nulla !! grazie robby sei sempre una cara ragazza, e grazie per i complimenti detti da un “addetta del settore” sono ancora più graditi. Salutami Elena si vedeva d subito che aveva la stoffa 🙂

  • Il risultato è sicuramente molto invitante, dalla descrizione però sembra un po’ elaborato! Forse è uno di quei casi in cui è più facile a farsi che a dirsi! 🙂
    Buona settimana anche a te!
    Bye e Baci!

    • @Patrizia – no no sono io che complico le cose quando le devo spiegare, è un risotto bicolore steso su un foglio fatto raffreddare e poi sovrapposto , ecco qui facile no? un abbraccio

  • Belli e buoni i tranci di riso!!!
    Piatto unico visto che ci sono riso, formaggio e prosciutto.
    Mi intriga parecchio l’abbinamento con il pesto…
    Mi ha divertita il racconto del siparietto papà e cucciolotte….in effetti anche mio marito, quando porto in tavola qualche novità, è perplesso…sembra un cane da tartufi, ci sono vari step: prima cerca di cosa si tratta con l’olfatto poi punta sulla vista, tasta con la forchetta per sentirne la consistenza ed alla fine assaggia….
    Forse dipende dal famoso cromosoma Y????

    Fantastiche le fritelle di mele…sono così “bombolose”….viene voglia di morsicare lo schermo. 🙂

  • Che spettacolo questo piatto! Che colori! Fa proprio primavera, e che
    voglia di primavera dopo tanta pioggia….
    E vogliamo parlare delle frittelle di mele? Quella sarebbe proprio la porzione giusta per la mia merenda….
    Buon lavoro!
    Irene

    • @Irena – grazie in effetti è un piatti che richiama la bella stagione 🙂
      e le frittelle di mele sono sempre buone soprattutto per chi è goloso come me 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valuta la ricetta




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency