Mezzelune con cavolo capuccio speck e crema di fontina

Alla prova del cuoco la ricetta in 4 mosse: Mezzelune con cavolo capuccio speck e crema di fontina

Altra idea di impasto veloce e perfetto se vi servono involucri per i vostri ingredienti, sia di carne che di sole verdure.


Farina panna sale e una puntina di lievito, tutto qui, un frullatore che magari lavori per voi quei 30 secondi e vi ritroverete una pasta versatile pronta ad essere usata come più vi piace : crosta per torte salate, copertura per terrine, pasta fritta da servire come sfizio, o come nel mio caso da usare come contenitore per un bel ripieno.

La cottura al forno è leggera e veloce, ma vi garantisco che se vi viene voglia di renderli più golosi con la frittura otterrete una cosa sublime!

Io ne ho preparate di più e poi congelate crude, al momento del bisogno mi è bastato lasciarle a temperatura ambiente e infornarle poco prima di portarle in tavola, sono pratiche e versatili e vedo queste mezzelune molto adatte per le nostre tavole di festa ed ecco perché ho voluto presentare a La Prova del cuoco.

Scusate la mia latitanza in questi giorni ma durante il lungo ponte mi sono messa un po’ in pari con le amicizie : mi sono vista con persone care e insieme a loro abbiamo fatto tante belle cose, comprese una sessantina di uova di tortellini a casa mia, come facevo quando abitavo a Sassuolo che ci ritrovavamo insieme a zie e cugine per preparare la scorta di tortellini per le feste, mi piace mantenere vive le tradizioni e usanze e mi piace ancora di più farlo con persone con le quali sto bene.

Ci vediamo alla prossima ricetta , anche io ho preparato qualche consiglio e suggerimento per le vostre tavole , spero solo di avere il tempo per riportarlo qui… a presto Nat.

Mezzelune con cavolo capuccio speck e crema di fontina

20 pezzi
Facile
15 minuti
15 minuti

Ingredienti

per la pasta

  • 250 g di farina
  • 190/200 g di panna fresca
  • sale
  • 1 cucchiaino di lievito istantaneo per torte salate

per il ripieno

  • 300 g di cavolo cappuccio
  • 90 g di speck a listarelle sottili
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 cipolla piccola
  • cumino
  • bacche di ginepro

per decorare le mezze lune

  • 3 cucchiai di mandorle a lamelle
  • 1 uovo
  • per la crema alla fontina

per la crema alla fontina

  • 5 g un cucchiaino di farina di riso
  • 50 g di burro
  • 130 g di latte
  • 100 g di fontina
  • pepe qb

­Procedimento

1 mossa : preparare la pasta

  • versate la farina setacciata il sale e il lievito in una ciotola o in un robot, aggiungete la panna un po’ alla volta e lavorate velocemente fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico. Lasciate riposare 15 minuti prima di lavorarla di nuovo.

2 mossa: preparare la farcia

  • tagliare il cavolo capuccio a fettine sottili , lavate bene e non asciugate, aggiungete il cucchiaio di farina distribuendola bene, in un tegame fate stufare la cipolla con un po’ di olio extravergine , una volta morbida unite il cavolo con il cumino e le bacche di ginepro (qb), non appena il cavolo si sarà appassito aggiungete lo speck continuate la cottura per alcuni minuti.

3mossa: Preparare le mezze lune

  • Stendete la pasta non troppo sottile, ricavate dei cerchi di circa 8/9cm di diametro, adagiate un cucchiaino di ripieno , chiudete bene i bordi spennellare con un uovo sbattuto e spargete un po’ di mandorle a lamelle. Cuocete per circa 15 minuti a 190 gradi

4 mossa : preparare la crema di fontina

  • Mescolate a freddo il latte e la farina di riso, versate in un pentolino e aggiungete il burro mescolate bene e cuocete per 5 minuti, versate il formaggio fatto a pezzetti ,spegnete e continuate a mescolare per fare sciogliere la fontina. Passate al setaccio la crema, condite con pepe macinato, servite tiepida per accompagnare le mezze lune.
Vuoi condividere questa ricetta?

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (14)

  • 60 UOVA????????
    Non oso pensare la quantità industriale di tortellini ce avete preparato, che spettacolo °____°
    Mitiche donne emiliane ^_^
    Queste mezzelune sono una deliziaaaaa!!!!!

    • @Stef – si non finivo mai d’impastare… comunque sono momenti bellissimi che si ricordano per una vita! baci ps quest’anno poi non ho nemmeno avuto male alla schiena!!

  • Anche qui a breve faremo i tortellini per Natale, ma 60 uova credo non riusciremo mai ad eguagliarle!!! 🙂
    Oggi invece ho preparato i tuoi cordon bleu, per surgelarli e averli a disposizione al bisogno, ho fatto la ricetta del blog e poi nelle uova per l’impanatura ho messo la curcuma come avevi fatto vedere in trasmissione!!! Poi ti saprò dire, ma saranno sicuramente buoni!!
    Questa ricetta l’ho vista in trasmissione…chissà che non ne prepari qualcuna per surgelarla…sono in modalità prepariamo scorte, 🙂 così si velocizza la preparazione dei vari pasti ma anche ci si avvantaggia per la tavola delle feste!!!
    Bye e Baci!!!

    • @Patrizia – si si puoi congelarli crudi così quando ti servono li lasci un po’ fuori e appena ammorbiditi inforni, sono super , li ho provati!!! Buon lavoro Pat io in questo periodo come tutte noi non so se arriverò al 24… dal 25 in poi mi trasferisco a Sassuolo e li mi riposerò e mi godrò la mia famiglia . baci

    • @chiara – ciao , questa pasta è comoda perché prevede solo questi due ingredienti se non vuoi utilizzare la panna puoi preparare sempre un ottima base fatta con farina acqua/vino bianco e olio con un po’ di lievito ( 250g di farina , 4/5 cucchiai di olio extravergine di oliva e 80/100g di acqua o vino bianco, aggiungi sempre mezzo cucchiaino di lievito per torte salate) in questo modo avrai un risultato molto simile e adatto per questo tipo di mezzelune buon lavoro

  • Ciao Natalia, ormai il Natale è alle porte , quest’anno vorrei anticipare i preparativi per l’aperitivo … volevo fare il tuo agnellino ma con la forma dell’albero e cornetti quelli della festa della mamma , poi dei salatini , se li congelo , e una volta scongelati e ripassati in forno dici che rimangono buoni?
    Anticipatamente ti ringrazio e auguro a te e famiglia BUON NATALE!!!!
    Nadia

    • @Nadia – ciao, certo , se fai così otterrai ottimi risultati, riscaldare le cose in forno vale a rigenerarle soprattutto se contengono grassi. buon lavoro e tanti cari auguri anche a voi!

  • francesco buccomino

    ciao natalia mi chiamo francesco ti seguo sempre alla prova del cuoco lamia domanda e posso sostituire il ripieno con crema pasticcera o nutella o marmellata confettura ps ho fatto le palline di montagna golosa con un panettone avanzato a natale sono stupende come tutte le tue ricette tantissime grazie con affetto francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valuta la ricetta




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani

Sito fatto con gusto da Nagency