Il regalo di Febe

Scritto da Natalia il .
Pubblicato in Primi.

La vita ti porta a fare incontri che anche se durano poco, ti lasciano il ricordo per sempre.
Se poi il ricordo ha a che fare con la cucina per quanto mi riguarda non si dimentica più.
E questo è il caso del pollo alla Febe o pollo alla peruviana. Febe una donna magrolina ma con un energia da vendere di origini peruviane ha vissuto soltanto un mese con parte della mia famiglia  per prestare il suo aiuto prezioso in un momento critico,(con la Mannu quando nacque Vittorio, tre figli in tre anni con il taglio cesareo e un marito a lavorare in America, beh un aiuto ci voleva!) del suo ricordo tra le tante cose rimaste di lei direi che la più gustosa è la ricetta di questo pollo con il riso .

Questa sua ricetta, preparata parecchie volte in un mese l’ho praticamente tramandata da figlie a…figlie. Si perché quando cera Febe c’erano solo Silvia e Chiara che apprezzavano la preparazione chiedendomi spesso di ripeterla, ora invece la famiglia è raddoppiata e questo piatto ha acquistato altre due estimatrici: Laura ed Elisa che praticamente se lo divorano . E ‘un piatto unico che si può anche preparare in parte in anticipo, ci si può avantaggiare con la cottura del pollo e delle verdure,scaldandolo solo all’ultimo minuto con la cottura del riso. Se poi si utilizza il pollo fatto a piccoli pezzi è perfetto anche da proporre per un pranzo o una cena in piedi è buonissimo anche a temperatura ambiente e i più grandi possono renderlo piccante con l’aggiunta di qualche spezia.
Nella mia ricetta io ho solo sostituito il riso, quello integrale a quello basmati, ma il procedimento lo riporto fedelmente e chi lo cambia dato il successo?

Pollo con riso alla peruviana

Facile
16 minuti

Ingredienti

  • 1 pollo a pezzi (o 600 g di petto di pollo)
  • 300 g di riso integrale
  • 200-300 g circa di piselli
  • 3 carote
  • 2 cipolle
  • 1/2 peperone
  • 2 spicchi di aglio
  • zafferano (io ho usato i pistilli)

­Procedimento

  • Tagliate la cipolla in due metà. In una pentola capace, mettete la cipolla tritata a rosolare con un po’ di olio.
  • Aggiungete il riso integrale, fatelo tostare ed insaporire poi coprite con acqua calda salata e abbassate la fiamma.
  • Il riso integrale necessita di tempi lunghi di cottura ma ne vale la pena per le sue ricche sostanze nutritive e sarebbe veramente un bene abituarci a sostituirlo il più possibile a quello decorticato e sbiancato.
  • Nel mentre in un tegame versare la rimanente cipolla sempre tritata, con i due spicchi di aglio e senza aspettare aggiungete il pollo tagliato a piccoli pezzi.
  • Mescolate bene per fare insaporire e dorare a fiamma sostenuta, poi abbassate e continuate la cottura salando (magari con del sale alle erbe) e aggiungendo un po’ di acqua se necessario.
  • Intanto il riso continua la sua cottura. Tagliate l’altra cipolla e in una pentola unitela insieme ai piselli, le carote a cubetti e il peperone dando alle verdure una cottura molto leggera, basteranno 5/10 minuti.
  • Poi aggiungete tutte le verdure al riso e controllate la cottura, l’ideale sarebbe lasciare ancora cuocere tutto insieme per 5/6 minuti per fare in modo che si mescolino bene i sapori.
  • Unite anche lo zafferano, adagiate sul riso senza più muoverlo anche i pezzi di pollo con il suo sughetto e chiudete con il coperchio.
  • Servite in tavola rovesciando il contenuto della pentola su un piatto da portata sistemando il pollo sopra al riso.
Vuoi condividere questa ricetta?

buffet, Carne, integrale, pollo, riso, senza glutine, verdure


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (10)

  • …ogni tanto penso a Febe, anche perchè le avevo passato tutti i miei vestiti taglia 40/42!!! intuivo che non ci sarei rientrata mai più! Ricordo in particolare un jeans fucsia elasticizzato a vita alta Armani jeans.Febe ovunque tu sia, grazie, sei stata molto preziosa per me in quel periodo, noi ci teniamo stretta la ricetta, e tu custodisci ancora qualche capo vintage made in Italy??

  • la preparazione a occhio mi sembra un po’ lunghetta (soprattutto per i…….tempi di cottura 😉 ) ma se si possono fare differenziate e poi assemblare il tutto, può essere molto utile!! Dalla foto è invitantissimo, e si è creata una specie di cremina…buono!!!
    baci

  • Niente di meglio dei ricordi rinnovati dal buon cibo ….
    Nella sezione “Qualche tempo fa” ho avvistato il vasetto con i lecca lecca: un’idea ch emi è piaciuta moltissimo :))

  • Che bello! E che buono! Questo piatto mi piace molto, soprattutto con il riso integrale! Sisisi, lo voglio provare anche io!
    P.S. Mannu… tre figli in tre anni?!?!? Coraggio o pazzia? Beh, solo una grande come te poteva farlo! Complimenti!!! 😉

  • @mannu – è vero! ora me li ricordo anch’io quei bellissimi pantaloni, ma tu non parlarne ad elena, tua figlia, che magari, se fa anche lei come le mie, va in cerca di questi capi. le mie figlie hanno il coraggio di scaravoltare quel misero guardaroba che tu ben conosci, per cercare cose da riciclare e mettersi come capo vintage. fa figo! nonostante le differenze di taglie perchè più è largo meglio è! non sono più padrona di niente…aspetta aspetta, alcune cose si salvano ancora dalle grandi, gli attrezzi da cucina, ma in questo caso sono i agguato le piccole!!! gli stampini per i biscotti me li trovo sempre in mezzo ai loro giochi!!! aiutoo qualcuno mi salvi!!!anzi mi aiuti a salvare le mie cose!!!

    @maetta – e dire che io l’ho accrociata molto nei tempi. tutto sta nel tempo di cottura del riso, mentre cuoce quello fai il resto!!! va beh dai per noi è anche una questione di ricordi, ma per voi potrebbe essere una buona occasione!!!

    @milena – si dovresti trovare questa idea nella sezione idee allegre o in quella la tavola si fa bella. anche le mie rubriche mi assomigliano molto, un po’ disordinate e sconfusionate ma fra poco metterò tutto bene in ordine promesso!

    @barbara – si io ormai quando posso lo sostituisco all’altro, fa bene, è croccante e qui piace a tutti. nelle preparazioni di insalate è diventato insostituibile. baci e buona giornata

  • Questo è un piatto sicuramente da fare… ma la prossima settimana, al momento sono un po’ sotto tono 🙁

    A proposito dei vestiti “rubati” all’armadio di mamma: quando andai a vivere da sola, alla tenera età di 25anni, dopo aver trascorso un anno circa in Germania… un giorno mia mamma si presenta a casa mia, apre l’alrmadio, fissa l’interno e poi se ne esce con “Ah, ok, bene, volevo solo esserne sicura” e io “???” e poi “ah, sì, effettivemente quei 2 magkioni sarebbero tuoi, però oramai…” Insomma, nel trascolo mi ero fregata un paio di maglioni della mamma… quindi tu Natalia ce l’hai ancora lunga!!!

  • @monica.) – oh, ma tu hai fatto tutto quello che fanno adesso le mie figlie, cosa altro devo aspettarmi ancora, avanti dimmi tu! così mi preparo

    @Lady cocca – il riso integrale ci sta benissimo ! baci e buon we

  • nn sai quanto ti sono grata ho mangiato questo piatto a casa del mio ex peruviano e da 4 anni cercavo la ricetta…nn ho parole per dirti grazie….

  • @susY – scusami, mi eri sfuggita!!! la versione originale è un po’ più “pesante”, il pollo viene ben fritto e il suo sugo viene aggiunto al riso, poi ci sono altri piccoli passaggi che io però ho tolto per alleggerirlo e permettere anche alle bambine di mangiarlo, però è molto buono ugualmente e la dieta ci ringrazia!!! ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency