Le farfalle che volano dal prato sul piatto dell’orto…ce l’avete il retino!!!

Piatto semplicissimo ma molto divertente per coinvolgere un po’ di “figliolanza “ e giocare insieme con l’ ennesimo tentativo (riuscito in parte) di  far mangiare le verdure a tutti.
E si, care le mie mamme, è finita per me la pacchia, ora le mie figlie sono diventate contestatrici, stanno dichiarando guerra alle verdure e data la mia precedente esperienza di mammina, me lo aspettavo da un momento all’altro.

Ora non è che voglio “tirarvela” (brutta parola ma molto esplicativa), ma dopo un periodo più o meno lungo in cui il cibo è una scoperta e quindi le verdure fanno parte di questa avventura ed è bello mettersele in bocca ed assaporarle, i nostri bambini si accorgono che ci sono tante altre cose buone e quindi cominciano ad accantonare quelle che gradiscono di meno, tutto normale, però… Abbiamo ora una missione in più da affrontare, tornare a presentare le verdure in tavola e farle di nuovo gradire,devono di nuovo acquistare l’importanza e il tutto con una certa “nonchalance” perché se i nostri piccoli  si accorgono che è una cosa a cui teniamo, ci dichiareranno  guerra e sarà una  battaglia persa in partenza!

Mai dire mangia perché ti fa bene, che cos’è il bene per loro? Non certo quello che intendiamo noi, e terrorizzarli perché non le mangiano e si possono così ammalare, beh, sono discorsi che a volte anzi spesso ,non ascoltiamo anche noi, vedi per chi decide di continuare a fumare o per chi si mantiene costantemente in sovrappeso. Quindi il mio consiglio è di riproporre le verdure come piatto o ingrediente principale, e per un certo periodo cucinare solo quelle portando in tavola il cibo “fischiettando” e magari girandoci dall’altra parte mentre loro lo mangiano, insomma, prenderli per la fame (vero monica?).

Ecco dunque che ho cominciato preparando questo piatto pensando che un bell’insetto come la farfalla che svolazza sui prati erbe e verdure le invogliasse attraverso il gioco a mangiare alcuni prodotti dell’orto. Il gioco è riuscito in parte, ci siamo divertite, poi a tavola c’è stato qualche scarto lasciato nel piatto  (io ho fatto ovviamente finta di niente) ma la partita si è conclusa col punteggio di 6 a 4 per me , ho dovuto mangiare i carciofi rimasti ma il resto è stato spazzolato via. Questa è la mia strategia e adesso….si ricomincia , e ovviamente vi terrò aggiornati sempre qui, su tempodicottura, buon lavoro anche a voi amiche mie!

Le farfalle alle verdure

6 Porzioni
Facile

Ingredienti

Per le farfalle di pasta:

  • 200 g di farina di semola di grano duro
  • 100 g di farina doppio zero
  • 3 uova

Per il condimento dell’orto:

  • 2 carote
  • 2 carciofi
  • 2 zucchine
  • 1 cipolla
  • un po’ di broccolo romano
  • aglio
  • olio
  • formaggio (per spolverata finale)

­Procedimento

  • Preparate la pasta fresca, tiratela e tagliatela in rettangolini pizzicandoli al centro.
  • Saltate le verdure, tagliatele a pezzetti e in una padella con un po’ di olio e aglio, regolate di sale, e portate a cottura.
  • Condite la pasta e aggiungete una bella manciata di parmigiano o formaggio a vostro piacimento.
Vuoi condividere questa ricetta?

carciofi, carote, formaggio, Pasta, pasta fresca, verdure, zucchine


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (9)

  • quando finisce il periodo di idillio??
    ieri la nana frignava e piangeva perchè voleva il cavolfiore, e si è mangiata un piatto di minestrone verde che nemmeno un adulto.
    Dimmi che non è vero!!
    Dimmi che non dovro’ inventarmi nulla???

  • bravissima! tu sei sempre un’ottima fonte di ispirazione per me, che ogni giorno devo inventarmi qualche metodo per “verdurare” figlia e marito!!!!
    che farei senza di te?????????
    un bacione e in bocca al lupo per la tua missione!!!! 🙂

  • ciao carissima natalia, proprio bella questa idea..^_^

    a mio nipote per far mangiare le verdure fatte in qualunque modo, e anche la minestrina, mi sono dovuta inventare il mondo di magia…ovvero decorare il piatto formando delle faccine..fette di salame per gli occhi, formaggio per la bocca e grissini per i capelli!!!per un anno è stato super tranquillo, mangiando anche il minestrone magico…da quando ho spiegato a sua nonna come riuscire a farlo mangiare anche lei ha usato questa tattica…
    ora però!!!!ha iniziato con lo sciopero!!…nemmeno la zuppa magica mangia più!!!:-(

    voglio solo la minestra!voglio solo la minestra, togli le verdure!!dice sempre!!!!!!!!!!!!!!!ahhhhhhhhhhhhhhhhhh!!!!!

    speriamo passi e che gli venga di nuovo voglia di magia^_^
    buona giornata
    soribel

  • ehi, è arrivato il libro di mammafelice!!! è ancora impacchettato nella borsa e non vedo l’ora di avere un’oretta… a proposito i genitori sono all’aeroporto, non so se posso dirlo, ma essendo scollegati non se la prenderanno se spiffero qui che siamo dovuti tornare a casa ben 3 volte, nell’ordine: beauty case, chiavi di casa di arrivo, cellulare mamma. Erano un po’ mortificati ma contenti. Con tutto il caos che avevano in testa la mamma ha avuto il coraggio di dire: la Natalia ha postato, che ne dici, faccio in tempo a dare un’occhiata?

  • Nati, ho lo stesso terrore di Alem……per ora Ottavio mangia tutto…..anche se non gli piace tanto (ieri sera ad esempio ho preparato il seitan con le melanzane stufate alla pizzaiola….e non lo ha gradito molto -in realtà ha gradito poco le melanzane, che insieme ai carciofi sono le verdure che ama di meno, perchè il seitan ai porri ad esempio gli piace!)……sa bene che si mangia quello che c’è in tavola, e stop…….
    ma temo davvero che tra un po’ di tempo inizierà la rivolta…..aiutoooooooooooo

  • Che belle le tue bimbe Natalia! Il tuo esperimento è bellissimo, e in più un piatto così sano non è da tutti! Giusto con una mamma come te!!! Un bacio questa pasta è proprio buona!

  • (pausa taxi- scarrozzamento figli in giro) , dicevo, alla mamma ho messo fretta e le ho detto no, non c’è tempo ( se avessi intuito che avrebbero perso il pullman per l’aeroporto e che li avrei accompagnati in macchina a Bologna l’avrei assecondata)
    Adesso perderò quella mezz’ora a spiegarle per benino cosa hai proposto e come. Come al solito le mie spiegazioni non toglieranno la meraviglia di quando finalmente si riapproprierà del pc. E’ bello tutto, ricetta e foto, e non ci sono parole. Brava.

  • Prenderli con la fame??
    Oddio, ho creazto un mostro e sei diventata una mamma nazi anche tu???
    Beh, se non mangiano tutto, tu surgela, poi mi farai un doggybag… spazzolo tutto io a fine maggio!!!

    A me sembrano deliziose queste farfalle, ma mi sa che dovrò cambiare formato, il Comandante non le sopporta, per far mangiare le figlie si sacrifichrebbe ma… avrò un momento di(rara) bontà e userò le mezze pennette rigate: va bene maestra o mi bocci?

    🙂

  • Si si da qualche tempo e’ finito il magico mondo delle zuppe di coccodrillo (spinaci), degli alberetti (broccoli), delle palline (i piselli), del coniglietto (le carote). Alla veneranda eta’ di 6 anni le verdure la mia ragazzina le chiede solo quasi in ricordo della sua infanzia per lasciarle nel piatto…sigh sigh…adesso riproviamo con le farfalle…Bella idea…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency