Dalla piscina…..alla mia tavola, noi mamme facciamo anche così!

Tre e 15, è tardi, tardissimo, urlo alle bimbe e come al solito usciamo in ritardo per andare in piscina, il corso di nuoto comincia alle 15,30, percorriamo duecento metri a piedi (meno male) e dietro l’angolo eccoci arrivate. Una per un braccio l’altra la prendo per mano, ascolto un po’ distratta le loro lamentele, i capricci mi passano da un orecchio all’altro (un allenamento quotidiano che faccio da tanti anni) discesa,  spogliatoio…caldo! Finisco di prepararle entrambe con la cuffia rossa in testa, un bacio e : -fate a modo!(che tradotto dal sassolese vuol dire fate le brave, l’ultima volta Elisa ha dato un pugno a Valerio perché era passato davanti a lei che avrei voluto avere la bacchetta magica per sparire da dietro al vetro per non farmi riconoscere come la madre della picchiatrice!).

Finalmente seduta, ho 40 minuti per rilassarmi, riprendere fiato , riposarmi e chiacchierare. Argomento principale: ricette. Una mamma di origine siriana me ne da una che voglio assolutamente rifare, mi piace, non la conoscevo, la interpreterò un po’ a mio gusto, ma devo provare subito. Ed ecco che  questo pensiero mi basta per caricarmi e prepararmi  al “rush finale” con le bambine, doccia asciugatura e vestizione, tanto a casa poi mi rilasso con queste pizzette di carne che si chiamano Sfeeha . Dalla ricetta originale ho tolto la cannella, il prezzemolo perché in casa non l’avevo,la carne d’agnello (ho usato quella di manzo) e due cucchiai di succo di limone,  poi mi sembra di essere stata abbastanza alla lettera, vi dico solo una cosa: fantastiche, buonissime, il gusto ha accontentato più le ragazze grandi, un simil kebab dall’aspetto insolito, le rifaremo senz’altro…presto anche!!

Le pizzette di carne

28 Pizzette
Facile
20 minuti

Ingredienti

Per la pasta:

  • 450 g di farina
  • 1/2 cubetto di lievito
  • 100 ml di olio di oliva
  • 125 ml di yogurt bianco
  • 100-120 ml acqua (circa )
  • sale qb

Per la farcitura di carne:

  • 300 g di carne macinata
  • 2 cucchiai di salsa tahina
  • 1 cipolla fresca
  • 1/2 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaino di cumino tritato
  • 6-8 pomodorini tagliati a cubetti
  • 30 g di pinoli tostati
  • sale qb

­Procedimento

  • Preparate l’impasto lavorando tutti gli ingredienti, lasciate lievitare per circa un'ora.
  • Mescolate la carne con tutti gli ingredienti escluso il pomodoro e fate insaporire.
  • Trascorso il tempo, dividete l’impasto in tante palline poco più grandi di una noce.
  • Appiattitele con le dita, non occorre farle tutte uguali, aggiungete i pomodorini tagliati a pezzi alla carne, mescolate bene e distribuite la farcitura sopra ogni disco di pasta.
  • Lasciate riposare 15 minuti circa e cuocete nel forno caldo a 190° per circa 15/20 minuti.

Note

Calde sono buonissime, ma vi assicuro che anche fredde o riscaldate il giorno dopo sono fantastiche. Peccato che mi restano solo tre lezioni di nuoto adesso che avevo trovato questo bel “filone di ricette” 🙁

 

Vuoi condividere questa ricetta?

Carne, merenda, pizzette, verdure


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (15)

  • lo so, lo so, le devo fare, ai miei ragazzi piaceranno tantissimo. E’ tutto il giorno che apro tempodicottura sperando che le avessi postate…
    Mia sorella mi conosce talmente bene che sa quando una cosa è particolarmente adatta a me, e allora al telefono non lesina incoraggiamenti del tipo “buonissimi”…”facili”… ” vedrai”…”sentirai”…”dai, dai, dai”
    Mamma mia, avere un mulo di fronte… che fatica, anche questo ti tocca fare eh? Ieri con l’arrosto mi sono guadagnata un posto sicuro nella sezione “piacevolezze” nella memoria dei miei, con queste focacce lo consolido!!! a presto, ciao

  • ohh natalia!ma che belle!!e che buone saranno!!proverò di certo a farle anche io!!
    grazie mille per la tua visita!!^_^ ne sono rimasta molto contenta!!!^_^
    sei bravissima!!ti adoro:-)
    bacioni!
    soribel

  • ma come la conosco la scena…e il caldo sauna che dilata i pori ma mica c’è il massaggiatore e l’estetista dopo.
    io invece quando c’è zotto (voce del verbo zottare) la rivista aroma per leggermela con calma a casa e magari provare qualcosa di diverso.

  • Hey, oggi pomeriggio ho fatto le tue focaccine allo yogurt (che mi fanno sempre un po’ dannare ma poi vengono buonissime)e ora mi ritrovo anche questa ricettina stuzzicante, la farò presto. Domani ho promesso alle bimbe e all’inmancabile Teresa la pizza, venerdì pesce: sabato e domenica sono al corso di Shiatsu… slittano alla prossima settimana, ma le faccio di sicuro, mi fanno una gran voglia e poi è tanto che non uso la tahina, è ora di ricomprarla 🙂

  • Davvero molto interessanti!!! mamma mia…….quante cose dovrei provare!!!!!!!!
    Mi illumini però sulla salsa tahina? sono ignorantissima lo so, ma non la conosco!!!
    baci

  • mmmh perchè mentre aspetto l’ultima mezz’ora di lavoro mi viene la curiosità di cliccare su tempo di cottura….poi mi ritrovo con una fame!!!! anch’io come Maetta non conosco salsa thaina che hai già usato di recente se non ricordo male!!
    adesso non guardo ho troppa fame!!
    Buona giornata a tutte le mamme che corrono tra impegni di lavoro, di casa, i figli, i mariti e magari trovano anche 30 minuti per rilassarsi…..FELICE GIORNATA!

  • @mannu – si me lo ha detto vitti che l’arrosto gli è piaciuto un sacco:) vedrai con queste pizzette minimo minimo devono portarti un otto da scuola!!!!

    @soribel – 🙂 grazie

    @enza – ti immagino !!! aroma la conosco anch’io, piace anche a me, è la lettura che faccio di solito dal parrucchiere come vedi abbiamo tanto da fare ma non ce ne lasciamo scappare una!!

    @monica:) -perchè ti fanno tribolare? guarda che questo impasto se non fai varianti vien bene al primo colpo eh!

    @Marika – infatti abbiamo questa deformazione professionale.

    @Maetta – scusa mi ero dimenticata già dall’altra volta! dunque la tahina è una pasta di sesamo che si usa nei paesi mediorientali. Buona , ovviamente ha il gusto del sesamo, è una specie di burro di arachidi ma con il sesamo. si usa amalgamata ad altri ingredienti oppure alleggerita con yogurt, succo di limone, acqua, perchè è impensabile mangiarla pura, il sesamo tende a legare in bocca. è buonissima si usa anche nella cucina vegana e vegetariana per insaporire le verdure. ti invito davvero a provarla ne vale la pena.

    @loredana -grazie loredana, siamo davvero in gamba noi mamme! per la tahina vedi sopra, e per il resto…mi fa piacere che tempodicottura ti faccia mettere l’acquolina in bocca, sono sulla buona strada allora! 🙂

    @annarita – si . anzi il pomodoro serve per non farla seccare troppo.

    @natalia – ok, meglio tenerseli buoni , ma per il resto della famiglia ne vale proprio la pena, facciamo la prossima settimana? vieni alla presentazione del libro di patrizia Violi alias extramamma, è per il 28 maggio ai granai, poi ci sentiamo, metterò anche un post nel blog, baci

    @lucy – per i tuoi ragazzi una versione maxi e vai tranquilla!!

    @Elga – davvero, Elga ho visto il post sull’incontro fettunta, che bella che sei e che bel sorriso, una piacevole giornata tra persone con gli stessi interessi e passioni mette subito il buonumore . per i pirottini a me sono piaciuti e ho pensato di segnalarteli baci 🙂

    @claudia – dai che ci organizziamo allora!!! ciao

  • Avatar

    francesca trivellini

    stasera proverò il riso con il cavolo al forno e se non piacerà dirò che è colpa tua!!!!……sei fantastica come le tue ricette….che ragazze fortunate le tue , ci vediamo a scuola

Rispondi a loredana Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency