Oggi alla Prova del Cuoco: Vitello tonnato!

Tengo molto a questa ricetta, mi è stata insegnata da una persona che non c’è più, la signora Lucia, mi aveva incuriosito tantissimo questo modo di cucinarlo e il sapore che aveva la carne preparata così.
Oggi alla Prova del cuoco la presento in suo onore, è bello ricordare le persone in questo modo e gioire anche per quelle  cose, che tra le tante che ci hanno lasciato, ci fanno stare bene!

Quindi andiamo con un altra ricetta vintage che può essere tranquillamente preparata anche per le nostre vacanze natalizie, tra l’altro questo sughetto abbondante che si ottiene può anche essere aggiunto caldo , ovviamente senza maionese, e il gusto di questo piatto sarà altrettanto buono.

Ps alle mie bambine piace tantissimo!

Vitello Tonnato

Media
1 ora

Ingredienti

  • 1 kg di girello (detto anche magatello)
  • 50 g di olio extravergine
  • 5 acciughe
  • 30 g di capperi sotto sale
  • 1 gambo di sedano
  • 1 bella carota
  • 1 cipolla media
  • 1 foglia di alloro
  • 5 chiodi di garofano
  • 1 pizzico di cannella
  • 10 grani di pepe
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 150/200 g di tonno sott'olio
  • 1 cucchiaio di farina
  • 3 uova sode
  • 100/150 di olio di semi
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • Senape
  • Aceto
  • 1 cucchiaino sale
  • 2 limoni
  • 1 manciata di capperi (con il picciolo)

­Procedimento

  • In un tegame mettete le acciughe, i capperi, il sedano e la carota a tocchetti grossi, la cipolla i chiodi di garofano, il pepe, la foglia di alloro, il pizzico di cannella, il tonno,l'olio e fate rosolare per un paio di minuti.
  • Aggiungete il pezzo di carne ben legato, giratelo da entrambe le parti, unite il bicchiere di vino, lasciate insaporire, aggiungete il cucchiaio di farina e coprite con acqua calda.
  • Aggiustate con il sale ma leggermente poiché ci sono già le acciughe e i capperi. Fate cuocere coperto per circa 1 ora.
  • Lasciate raffreddare nell'intingolo. Togliete la carne, se occorre fate restringere un po' il brodo con le verdure e gli aromi.
  • Per preparare la salsa-fate la maionese con un frullatore ad immersione cominciando a mescolare le uova con il sale, aggiungete poi l'olio a filo, insaporite con aceto e senape.
  • Unitela nella quantità che desiderate alla salsa di cottura della carne frullata.
  • Se preferite invece di aggiungere la maionese potete semplicemente passare al setaccio i tuorli sodi e unirli all'intingolo di carne.
  • Oppure se volete fare come faccio io poiché questo sughetto è già buono così non aggiungo altro, nè uva nè maionese e lo metto direttamente sulla carne.
  • Tagliate sottilmente il vitello e riscoprite con la salsa ottenuta. Decorate a piacere con capperi e fettine di limone.

Note

Con il vitello tonnato rimasto o anche per fare qualcosa in più potete fare delle ottime tartine farcite sempre per rimanere in stile vintage non credete?
Vuoi condividere questa ricetta?

Carne, tonno, vitello


Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (8)

  • Oggi si è, giustamente, preferito festeggiare la padrona di casa e la ricetta è stata messa un po’ in subordine! 🙂 La versione del solo sughetto, senza maionese, mi ispira!!! Da provare, ma come sempre sarà buonissima!!
    Bye e Baci!

  • Ci credi che in vita mia un vero vitello tonnato non l’ho mai fatto? Appena torna il fidanzato per più di un giorno proverò sicuramente questa versione! Anche se la maionese, uffaaa..LUI la adora, la metterebbe anche sulla torta al cioccolato, ma io preferisco sempre ometterla. Quando lo prepara la mia mamma sto dieci minuti a ripulire le fettine di carne 🙁 Un risultato soddisfacente (anzi, pure goloso) l’ho ottenuto frullando tonno al naturale con capperi, un filo di olio evo e il formaggio spalmabile della lidl (0,2%di grassi). Se ti capita prova questa versione (il formaggio si chiama linessa) e io proverò la tua (solo col sughetto però ahah). 😉

    ps. vabbè che era il compleanno di Antonella, però io avevo acceso la tele per guardare TE e il TUO spazio… almeno era buona la torta di Sal De Riso? 🙂

  • @Letiziando – si ci sono parecchi ingredienti, che in realtà sono più spezie, ma credimi che ne vale la pena…

    @Stef – oggi l’abbiamo festeggiata, tutto lo studio è stato coinvolto in questa festa…è che la carne prende un profumo fantastico…

    @francescad – si scusa dalla fretta stamattina non ho scritto bene il post, ora ho aggiunto che le uova sode sono un alternativa alla maionese si passano al setaccio solamente i tuorli e si aggiungono all’intingolo che si è cotto con la carne , ciao!

    @Patrizia – Brava , diciamo così e sappi che per me è sempre una sorpresa, vengo messa al corrente di quello che accadrà solamente quando entro in studio: della serie che non mi fanno mai mancare nulla…. peccato pechè era una bella ricetta ma per fortuna c’è il blog 😉

  • @Alessia- fallo e guarda che anche io lo mangio solo con il sughetto che trovo più che sufficiente a dare il sapore… la maionese l’ho messa perchè nella ricetta ci va ma in questo modo si può anche omettere. In effetti anche io non me l’aspettavo…mi hanno persino spostato la fascia oraria della rubrica perchè c’erano problemi per l’ospite bloccato nel traffico. insomma dovevo lanciare io questo revival per Antonella , sapevo già dal momento in cui mi avevano affibbiato questo compito che il mio spazio ne avrebbe risentito…c’èst la vie! anzi c’èst la tivù…

  • quale sarebbe la senape, che compare anche nella ricetta della salsa di riso? quella nei vasetti tipo maionese, o c’è qualcosa in polvere o simile di cui ignoro l’esistenza?

Rispondi a Patrizia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valuta la ricetta




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency