Barrette ai cereali: è facile farle…non le compreremo più!

Questo snack è molto gustoso e assicura una buona dose di energia, sana e naturale, per tutta la famiglia, ma soprattutto per i nostri figli. Alle mie ragazze grandi piace molto, lo portano anche a merenda a scuola come “spezza fame”, insomma, va alla grande!
Di solito, quando le preparo mi faccio aiutare, potete provare anche voi.

Allora, forza, coraggio, chiamate i vostri volenterosi collaboratori!
C’è qualcosa di facile e divertente da fare con loro! Lavate bene le manine e…pronti?… Cominciamo!

Le barrette ai cereali

Facile

Ingredienti

  • 90 g di burro
  • 60 g di zucchero di canna
  • 30 g di miele
  • 80 g di fiocchi di mais
  • 170 g di cereali
  • 30 g di riso soffiato al cioccolato
  • 30 g di avena
  • 30 g di bastoncini di crusca

­Procedimento

  • Preparate i mucchietti di cereali che vi sono avanzati e che ormai siete stanche di vedere in giro, più varietà avrete e più buone saranno le barrette: avena, chicchi di riso soffiato, palline al cioccolato,cornflakes, bastoncini di crusca.
  • Metteteli davanti al vostro aiutante; si sarà proprio lui a scegliere come e quali aggiungere, basta rispettare il peso complessivo. Mescolate tutto bene in una ciotola.
  • Ora fategli pesare lo zucchero, il miele, il burro, poi a questo punto mettete tutto in una pentola abbastanza grande (deve contenere poi anche i cereali) e fate sciogliere tutto per qualche min, finché con il cucchiaio non sentite più i granelli di zucchero.
  • Spegnete la fiamma, aggiungete i cereali, e mescolate bene. Trasferite il composto su un foglio di carta da forno e decidete insieme che forma preferite.
  • Per ottenere le barrette, stenderlo il più possibile con un cucchiaio, fino ad ottenere lo spessore desiderato, lasciate indurire (anche in frigorifero) poi tagliate con un coltello i bastoncini.
  • Potete anche ottenere delle forme speciali schiacciando i cereali dentro gli stampi dei biscotti, che so, magari potete usare modelli natalizi: stella o alberelli.
  • Le volete rendere ancora più golose? Ricopritele di cioccolata! le volete fare più leggere: usate solo cereali integrali! Insomma in ogni caso saranno sempre buone, buone, buoneee!

Note

Gloria ha apportato alcune modifiche, è ha trovato la sua combinazione perfetta eccole qua: 60 gr burro-60 gr miele-60 gr zucchero, sono meno burrose e un po’ più compatte, ha usato i cornflakes integrali e i fiocchi di 5 cereali con un po’ di muesli (quello agglomerato).
Foto By MATTEO.
Vuoi condividere questa ricetta?

cereali, merenda, miele, snack


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (25)

  • con i tempi che corrono è un bel risparmio produrre noi stesse
    le merendine per i nostri” leoncini” sempre affamati.
    in più senza additivi e conservamti .
    si capisce che tu sei una mamma attenta!!!
    grazie per i tuoi consigli
    ciao dommy

  • bella idea! Con tutti i fondi di cereali che ho.. domani le provo a fare con mia figlia, dato che è qui accanto a me e ha detto: “la zia è un mito!”
    bacioni, ciao

  • Brava Natti!
    Guarda, a me non restano mai avanzi di cereali, quindi penso che proverò con i muesli già pronti. Li faccio scegliere a loro…e anche fare a loro…perchè se li faccio io..me li snobbano!
    ciao
    roberta

  • natti, semplice ricetta ma ci credi che ho avuto un problema?
    in sostanza, al posto del burro ho usato l’equivalente di margarina.ok, aspetto si indurisca il tutto per fare le barrette e invece è rimasto tutto sbricioloso tale e quale. Perchè?
    buonissimo da morire comunque, però non sono barrette.

  • @ chiara – Mettere solo la margarina non va bene. Se vuoi provarle a ripetere, metti metà e metà, burro e margarina e fai caramellare un po’ di più gli zuccheri (perdono più acqua e rimangono più secchi e duri una volta raffreddati) ciao.

  • Ciao Natalia!
    Ho provato subito le barrette nella proporzione 60 gr burro-60 gr miele-60 gr zucchero…
    sono venute proprio come le volevo io! Un po’ meno burrose e un po’ più compatte! Ma credo dipenda molto anche dai cereali che usi (io ho usato i cornflakes intergrali, e i fiocchi di 5 cereali, insieme ad un po’ di muesli di quello agglomerato…)

    Grazie ancora per la ricetta favolosa!

  • Ciao, ho fatto queste barrette, sono moooolto più buone di quelle in commercio, a dire il vero ho assaggiato anche il miscuglio caldo… uhmmm… una bontà… ho un piccolo problema, non restano croccanti a lungo, leggendo i commenti mi sono detta che forse non faccio caramellare abbastanza, ho prolungato il tempo ma il risultato è lo stesso, ma tu come le conservi? Io ho avvolto ogni singola barretta in carta da forno, poi le ho messe in un contenitore nel frigorifero, ma anche a temperatura ambiente perdono croccantezza… in cosa sbaglio?
    Grazie e tanti auguri di buon Natale e buon anno

  • @gabriella -eccoti qui, avevo perso il tuo commento e mi stavo dimenticando di risponderti. Dunque questa è stata una delle mie prime ricette qui nel blog, ricordo di averla fatta più volte perchè in effetti a me non duravano più di tre o quattro giorni al massimo. ne ho avvolte alcune nella stagnola poi nella carta da forno. mi sono rimaste abbastanza croccanti, certo non come subito appena fatte ma a noi non è disturbato più di tanto questa cosa. Sai in seguito mi è capitato di leggere parecchie ricette di barrette ai cereali, e ho notato che spesso fanno fare una passata in forno al composto una volta steso, chissà, forse questo passaggio, assorbendo l’umidità in eccesso le mantiene più croccanti. se hai voglia di provare attendo una tua risposta in merito. grazie gabriella anche per il tuo commento lasciato sui miei “problemini” di mamma, sei stata mpolto gentile, mi ha fatto molto piacere leggere le tue parole di incoraggiamento, sai è molto difficile essere mamma, per tutte le tappe della crescita dei nostri figli, dobbiamo imparare man mano, sulla nostra pelle facendo esperienza giorno per giorno, non ce l’ha mica insegnato nessuno questo mestiere!!! ti auguro delle felici e serene feste, e ti ringrazio ancora tanto!!! un abbraccio

  • hai ragione, essere mamma è un mestiere moooolto difficile e nessuno può insegnarcelo perchè abbiamo di fronte i nostri cuccioli che non sono come le piante, come gli oggetti da decorare, sono esseri viventi con le loro emozioni, le loro paure, certezze, insicurezze, che assorbono ogni cosa che incontrano e hanno bisogno di tempo per metabolizzarla, che hanno bisogno di essere guidati se incontrano chi vuole portarli fuori dal loro cammino…! E’ la vita… magari potessero insegnarcela! E’ vero, bisogna imparare sulla nostra pelle e ogni volta è come fosse la prima, una cosa che và bene per una persona non và bene ugualmente per un’altra. Anche i figli non sono certo tutti uguali, non ci si può confrontare con loro nella stessa maniera, ma il linguaggio del cuore, anche quando sembra vacilli, di solito è quello che unisce, alla fine vince! Io ci credo e lo spero davvero, anche i miei figli a volte sembra si allontanino un poco da me e dagli altri fratelli (ho due femmine e un maschio), ogni volta tutto è rientrato senza danni, spero che sia per tutti e per sempre così.
    Ti abbraccio e ti auguro un anno sereno, pieno di amore e di tutto ciò che desideri.

  • grande Natalia,cosi’ si finiscono i famigerati mezzi pacchetti di cereali! Continuo a non capire perche’ ogni tanto ci ricasco a comprarli…ogni tanto ci faccio le Rose del Deserto,ma a parte quelle nient’altro finora!

  • Grazie per questa ricetta, ero disperata, a casa ho molte scatolette aperte di cereali e stasera cerco di fare un malloppetto con quello che ho sperando di riuscire a farele.

    Ciao e ancora grazie

    Daniela

  • Eccomi di nuovo qui tra voi: ecco fatte le mie barrette sono venute spettacolose. Io ho usato la ricetta originale quella con 90 g di burro e sono perfette.
    Unica differenza che avendo in casa scatole di avanzi di cereali con dentro pezzi di cioccolata le mie barrette sono venute marroncine. Naturalmente non ho messo cioccolata ne sopra ne sotto perchè c’è già quella sciolta dentro.

    Se le volete vedere ho postato la foto sul mio blog: http://www.lacucinadidaniela.blogspot.com, perchè non so come postarvi qui la foto

  • Avatar

    Silvia from the UK

    Questa ricetta ricorda molto da vicino quella del “flapjack” una barretta inglese di lunga tradizione che si preparava in casa usando per lo piu’ l’avena (da loro anche usata per il porridge della colazione). Si conserva per parecchio tempo nel contenitore ermetico. Di solito si usa il “treacle” (anziche’ il miele) che e’ sostanzialmente una melassa di zucchero non raffinato venduta in vasetti di latta al supermercato. Inoltre solitamente lo si ripassa al forno. Quando lo faccio con il miele di solito mi viene meno compatta, forse perche’ il miele a differenza dello zucchero tende a spezzare le catene di glucosio. Insomma, riportavo queste informazioni per dire che caramellare di piu’ lo zucchero e ripassare al forno probabilmente sono il “trucco” per mantenere compattezza e croccantezza. Il consiglio finale e’ incidere la superficie della “barrettona” appena esce dal forno, in modo che si spezzi piu’ facilmente in barrette quando si e’ raffreddata.

    • @Silvia – grazie mille farò tesoro dei tuoi preziosi consigli, anzi visto che è da un po’ di tempo che non le preparo seguirò le tue indicazioni. in effetti non conosco il treacle, chissà se da nautura si o in qualche negozio che vende prodotti stranieri lo riesco a trovare mi hai molto incuriosito! ti farò sapere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency