Frappe filanti

Giovedì grasso, allora parliamo di feste di carnevale! A scuola, in casa, per strada, ciascuno di noi viene coinvolto da questa atmosfera gioiosa, soprattutto se si hanno bambini piccoli o ragazzi.

Ecco che allora le “solite” mamme si devono attivare nell’organizzare i preparativi: cercare costumini per mascherare i propri pargoletti, organizzare piccole feste, cucinare qualcosa di allegro.
Io rientro (per non risparmiarmi di niente!) nelle tre categorie elencate qui sopra: ho cucito il vestito per le due piccole pesti, invitato otto amichetti a casa e preparato la merenda per questa bella combricola.
Per stupire i piccoli invitati ho preparato anche le frappe, con una piccola sorpresa però!


La ricetta di base l’ho presa dal libro di ricette dell’Artusi,ormai non l’abbandono più, perchè tra quelle che ho provato, ritengo che sia la migliore per la sua leggerezza:queste frappe si sciolgono in bocca e una tira l’altra. Ho voluto però cambiare un po’ il look, le ho rese più moderne, più attuali, più allegre: ho aggiunto i coloranti alimentari,ho poi ricavato delle strisce sottili e lunghe e così non ho più le solite frappe ma…”le frappe filanti”!.

Frappe filanti

Facile
30 minuti

Ingredienti

  • 240 gr di farina
  • 20 gr di burro
  • 20 gr di zucchero
  • 2 uova
  • 15 gr di grappa
  • un pizzico di sale
  • zucchero a velo
  • coloranti alimentari
  • cacao amaro in polvere
  • olio di semi di arachidi per friggere

­Procedimento

  • Unite tutti gli ingredienti e ottenete un impasto compatto ed elastico lavorandolo un po’.
  • Lasciate riposare circa 30 minuti.
  • Dividetelo in più parti, aggiungete per ognuna una o due gocce di colorante (per le frappe marroni ho diluito un cucchiaio di cacao con poca acqua e aggiunto all’impasto lavorandolo bene).
  • Tirate le porzioni di pasta colorata, anche con la macchina elettrica, cercando di ottenere delle fettucce lunghe e abbastanza sottili.
  • Intanto preparate un pentolino pieno di olio, quando avrà raggiunto la giusta temperatura, tuffate le vostre “frappe filanti” una o al massimo due per volta.
  • Basteranno pochi secondi per parte, rigiratele e scolatele dall’olio.
  • Una volta fredde cospargetele di zucchero a velo e, mi raccomando, servitele non lanciatele!!!
Vuoi condividere questa ricetta?

bambini, Carnevale, Feste


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (30)

  • Che bella idea! Noi x quest’anno bypassiamo i festeggiamenti (otite+tonsillite in corso)… almeno quelli in compagnia, ma x coccolarla un pò ho la casa piena di coriandoli e stelle filanti… queste frappe colorate x’ sono un’idea da segnarsi nel taccuino x le feste dei bimbi… Un baciooo
    Anna

  • Sei davvero sorprendente: le frappe filanti e colorate sono molto originali e, a giudicare dalla ricetta anche ottime.
    I tuoi figli sono fortunati, perchè crescono circondati da tanti stimoli che con sollecitudine riesci a creare intorno loro.
    Ciao

  • @jenin -sono contenta, ciao e buon giovedì grasso.
    @chiarona – va benissimo!
    @camilla – vada per il marsala allora!
    @betti – grazie, ciao!
    @golosona – evviva l’allegria!
    @modenese – mi pare giusto!
    @gegio – no ma…si potrebbe provvedere…
    @alex -eh si! sono anche belli no?
    @fede – soprattutto quando si hanno dei bambini intorno!
    @mamie – grazie 🙂
    @anna -coloriamoci tutti!!!!
    @lenny -ci riusciamo a divertire, a volte basta così poco. é solo il tempo l’ingrediente più prezioso e difficile da trovare….dobbiamo diventare dei “ricercatori del tempo” (degli Indiana Jones) da regalare poi ai nostri figli!
    @consolata – si hai ragione, preannunciano la voglia della primavera!

  • Sai che faccio? martedì ho la festa di carnevale a scuola con i miei ragazzi…passo la ricetta ad una nonna e le do il compito di farne per tutti!!!!ottima idea cara cugina…era ora di vedere qualche cosa di colorato in questa nebbia emiliana

  • IO AMO I COLORI. NON SONO PATITA DEL NERO E DELLO SCURO E QUESTE FRAPPE OLTRE CHE SQUISITE SONO UN TRIONFO PER I MIEI OCCHI CHE PREANNUNCIANO “LA PRIMAVERA”
    MITICA NATTY.
    FIORELLA

  • ciao Natty,la cosa che mi sconvolge di piu’ e’ l’entusiasmo che ci metti nel preparare le cose per un target di bimbi ancora..piccoli.. io ho esaurito tutta la pazienza con i miei. Dici che mi rifaro’ da nonna???? un bacio,anna maria

  • Sono allergica ai coloranti alimentari chimici, nel senso che non mi piace tanto usarli perchè ho paura che non facciano bene . Domanda : esistono in commercio coloranti naturali , se si dove trovarli? Altra domandona : posso usare i coloranti dei tuoi toghissimi panini ( fragole, the, spinaci, ecc ) per colorare anche la pasta di zucchero o per questa non sono efficaci ? Buona giornata e grazie Cri T.

  • che stupende!! NAt sei davvero unica, complimenti x la fantasia!! Volevo chiederti se l’impasto è tipo frolla (con la fontana ecc.) oppure se prima si lavorano i liquidi con l’aggiunta finale delle polveri.. Grazie, un abbraccio colorato!

  • @cri.t – per quanto riguarda i coloranti in effetti hai ragione, anche io ne uso pochissimi e solo in occasioni particolari. per quanto riguarda quelli naturali ci sono ma non in commercio, ovvero costano tantissimo e vengono forniti solo in certi circuiti di alta pasticceria (se conosci qualcuno puoi chiedere)puoi altrimenti fare la torta allegra dividendo l’impasto e colorarlo una parte con il cacao amaro, una parte la lasci gialla(naturale) una parte la colori con la clorofilla che hai estratto così http://www.prezzemoloefinocchio.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3660 e una parte aggiungendo del frullato di mirtilli. io eviterei le fragole perchè in cottura diventano marroni e perdono la loro brillantezza. no per quanto riguarda la pasta di zucchero non ho mai provato , però potresti usare i coloranti ottenuti come sopra e sostituirli alla dose di acqua richiesta nella ricetta. non saranno colori cangianti ma potrebbero essere belli ugualmente, se ci provi me lo fai sapere? ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency