I cartocci di pesce con spaghetti di verdure per piccoli (e grandi) intenditori

Scritto da Natalia il .

Basta veramente poco per rendere particolare un piatto, sembra più difficile di quanto si pensi, invece è solo questione di un buon allenamento mentale.

Lo sanno bene quelle mamme che ogni giorno devono combattere contro le inappetenze e il mancato desiderio di assaggiare certi cibi di alcuni bambini. Non sempre si ha voglia di provare a cambiare veste ai piatti che proponiamo di solito, per mancanza di stimoli giusti, di tempo, di fantasia.


Invece fa bene non solo ai nostri bambini ma anche a noi stesse, cambiare ogni tanto il modo di cucinare, di portare in tavola e di presentare il cibo, ci aiuta a rompere quella monotonia in cucina che ci porta ad eseguire in modo meccanico tutti i giorni gli stessi gesti fino a rendere “deprimente” questo compito invece così importante. Questo cartoccino di pesce con gli spaghetti di verdure è senz’altro un esempio di come portare in tavola un piatto che può sorprendere, movimentare, rendere allegro il pasto dei nostri famigliari e facilitare il nostro compito in cucina. Io, tra l’altro, ho cotto questi pacchettini nel forno a microonde, quindi ho ridotto i tempi di cottura ed ho eliminato gli “sgradevoli” odori in casa. In soli quindici minuti ho preparato, assemblato, incartato, cotto le verdure e presentato il piatto, realizzando un pasto gustoso, che può essere proposto con tantissime varianti. Ci volete provare anche voi?

Cartocci di pesce con spaghetti di verdure

Facile
30 minuti
5 minuti

Ingredienti

  • un piccolo filetto di pesce a bambino (volete sapere la verità? Io ho usato un cuore di merluzzo surgelato!!!)
  • 5-6 gamberi sgusciati e privati del filo nero intestinale
  • 1 lime (o limone se non potete procurarvelo)
  • 1 cucchiaio di crema di latte a cartoccio (e qui le varianti: una noce di burro, il latte di cocco, sugo o pomodorini freschi etc..)
  • sale
  • erbe aromatiche (anche secche)
  • una zucchina e una carota per due persone
  • 1 piccola cipollina fresca
  • sale
  • olio extravergine di oliva

­Procedimento

  • Preparate subito la crema del condimento: aggiungete alla panna il succo del lime,un po’ di scorza grattugiata, le erbe aromatiche e mettete 30′ media potenza nel microonde a scaldare.
  • Prendete un foglio di carta da forno, sistemate il filetto di pesce (scongelato) sotto ad una fettina di lime tagliata sottile, aggiungete i gamberi, filtrate la salsa alla panna (così elimineremo tutte “le cose verdi) e distribuitela sopra al pesce.
  • Chiudete il pacchettino ricavando una caramella stringendo i lati con un pezzo di spago da cucina.
  • Ecco qua i vostri cartoccetti sono pronti per essere cotti usando o il forno a microonde (4/5 min a massima potenza per due pezzi) o il forno convenzionale (10 min a 180° più 5 di riposo).
  • Per gli spaghetti di verdure se avete una mandolina vi faciliterete il compito, così una volta tagliate a bastoncini sottili la carota e la zucchina le fate saltare in una padella con un po’ di cipollina fresca e un cucchiaio di olio per pochi minuti, devono rimanere croccanti e basterà veramente poco.

Note

Presentate il cartoccio con accanto le verdure, io ho portato in tavola anche le bacchettine di legno e le mie figlie si sono divertite a mangiare piccoli bocconi alla maniera “orientale”, ci siamo divertiti ed abbiamo movimentato il nostro pasto e la nostra cucina.
Vuoi condividere questa ricetta?

bambini, Pesce, ragazzi, spaghetti, verdure


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (13)

  • hai ragione sai? spesso non si ha voglia di mettersi a pensare (ahimè) e hai altresì ragione che farebbe bene sia a noi mamme che allo stomaco dei nostri figli…
    questi cartocci sono davvero fenomenali ed un’idea geniale!
    ma, volevo chiederti, hai cotto nel micro con la carta forno?
    finora tutta quella che ho comprato non era adatta al micro!
    tu quale usi? se posso permettermi.

  • io ho sempre usato la carta da forno per la cottura a microonde, perchè, NON SI PUO’!!! Ohmama, bisogna sempre leggere le scritte in piccolo e mai dare nulla per scontato, come nei contratti in banca! aiuto!!!

    comunque sia, il piatto è veramente forte, colorato, saporito e divertente! Perchè non mi adotti, voglio essere la tua quinta figlia! Voglio le bacchette, il piatto rosa, il cartoccino fumante e soprattutto la crema di latte, quella che dà quel saporino dolce che piace tanto a noi bambini e che certe mamme TROPPO SALUTISTE ( chi ha orecchie per intendere, intenda!) non smollano MAAAAIIIII

    candidato europeo per il tortellino alla panna, portavoce del partito dei bambini repressi a tavola, tirati su a minestrone e bistecca!

  • @betty – io uso la carta da forno del lidl, Aromata,dove è specificato che è adatta al forno microonde, sono forti questi tedeschi, sono stati i primi a mettere in commercio la pellicola trasparente senza pvc, ne facevo certe scorte! questa carta ha un sacco di qualità, non ultima quella di essere un prodotto biodegradabile e di dimensioni superiori alle altre. betty tu puoi permetterti questo ed altro! un bacio ciao!
    @mannu -se hai usato quella della lidl vai tranquilla! viva le mamme golose ma tu non fare la vittima…chiaro!!!!

  • La carta da forno nel micro… devo andare a controllare! Io non ho un Lidl vicino… è la prima volta che lo sento per questo uso!
    Gli spaghetti di verdure non so se stuzzicheranno Gaia, ma di sicuro stuzzicano me! 🙂
    Ahahha, lei mangia volentieri il “verde”, ma non ha MAI toccato l’arancione delle carote… chissà se con questa nuova versione riesci a fargliele mangiare?
    Ti farò sapere!
    Questo piatto è proprio gustoso!
    Grazie Natalia! Le tue idee ci danno sempre tanti stimoli nuovi!

  • mannu ti adotto io se non ti prende tua sorella!!!!!. e nel piatto…tante schifezze buone tutte montanare!!! Ciao natti e un saluto a tutta la tua fam. il blog è sempre più carino. A scuola abbiamo fatto un ricettario per bambini. Te lo spedisco a roma se ti fa piacere così puoi prendere qualche spunto

  • brava natalia!
    il forno micronde è uno strumento sicuro, ormai indispensabile
    per ogni famiglia
    ha il pregio di accorciare i tempi di cottura e ben si presta agli attuali ritmi di vita
    la tua ricetta la trovo molto invitante, ci proverò presto

  • Il cartoccio è molto divertente, ma ancor di più gli spaghetti di verdure: con il pesce non riesco a variare molto, ma la tua idea è un’interessante proposta da sperimentare 😀

  • nat ho letto adesso il tuo commento.
    per imparare come ho fatto io a smanettare sulle foto il consiglio è…chiedere!
    io ho un account flickr che funziona abbastanza bene e tramite il quale mi sono iscritta ad alcuni gruppi fotografici.
    mi trovi sotto il nome di iodagrande.
    comidademama e staximo hanno pubblicato dei link interessantissimi sulla fotografia e se vai nella mia sidebar c’è il link al forum dei canoniani e ad un sito collegato a flickr che si chiama http://www.bighugelab.com lì puoi fare i mosaici come ho fatto io.
    per gli spaghetti di verdure non siamo ancora pronti.
    :)))

  • @barbara – ti stai riposando? tutto bene? dai prova a fare gli spaghetti a gaia, sai io a volte ci aggiungo anche quelli di riso (i noodles per intenderci) così mescolo tutto e faccio mangiare gli spaghetti tricolori. la pasta di riso ha una cosistenza che alle mie figli piace, sono scivolosi ma è divertente mangiarli. ora che ci penso la posto una ricetta con gli spaghetti cinesi, anche questa è un’alternativa! a presto e buon we
    @valeria . grazie ma potrebbe anche essere il contrario no? baci baci . per la mannu bisogna mettersi in fila, non credo che renzo la molli così facilmente!!!
    @carolina – grazie, mi piacciono le tue puntualizzazioni! continua cos’ che arricchiamo sempre di più questo bloh di informazioni!
    @lenny – questa ricetta nella sua semplicità è particolarmente gustosa. il rientro inaspettato di mio marito quando ho preparato il piatto per le bambine me lo ha confermato: litigava con le piccole per impadronirsi di qualche boccone!!!!
    @enza – grazie. non ho più scuse!!!!!
    @salsadisapa – anche tu non scherzi! buon we e a presto
    @mamy – bentornata, spero che vada tutto bene! mi fa piacere risentirti, e che ti piaccia la ricetta. un bacio !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency