Buone e gustose le fettine impanate di Paola.

cotoletta-siciliana

Vacanze uguale anche a nuove amicizie, nuove amicizie uguale anche a nuove ricette, dite che forse sono un opportunista? Ma no, dai, solo un inguaribile chiacchierona!

Le mie figlie grandi quando escono con me si vergognano
– mamma, ma tu parli proprio con tutti! –

E’ tutto normale, la storia si ripete, anch’io mi vergognavo tantissimo delle chiacchiere dei miei genitori, soprattutto di quelle di mio padre, che da bravo commerciante di piastrelle con le parole ci sapeva fare!!! Anzi facevo di più, lo tiravo per i pantaloni e a volte gli davo anche qualche pizzicotto, dunque non mi devo assolutamente meravigliare!


Le mie figlie piccole invece sono contente perché per loro se io conosco i genitori significa che possono stare con i figli e giocare con questi nuovi amichetti, così tramite Laura ed Elisa, piano piano, imparo a conoscere tutte le nuove entrate della spiaggia o della piscina. Sto diventando praticamente la “temibile” P.R. di San Nicola, eh si, sono in mezzo a genitori dei grandi e genitori dei piccoli, vado di qua e vado di la, tra inviti di feste di compleanno e falò serali dei diciasettenni capite che razza di vacanze sto conducendo?

Comunque Paola è una deliziosa giovane signora siciliana che ha comprato casa vicino a noi, con tre buonissime e bellissime bambine dai 3 anni in giù, e chi meglio di lei poteva darmi una ricetta veloce e appetitosa per i nostri piccoli?
Spiegata la sera fatta a pranzo del giorno dopo.

Non ci sono le dosi degli ingredienti si fa un po’ ad occhio, l’idea è quella di ungere leggermente la fettina di carne o di pesce(io ho usato il pollo) e poi passarla nel pan grattato o mollica di pane raffermo insaporita da origano e un po’ di aglio se piace, poi cuocerle come si preferisce in padella con un filo di olio o nel forno caldo per pochi minuti. Visto che c’ero ho voluto rendere completo il piatto aggiungendo le verdure, patate, zucchine e carote tagliate a bastoncini, lessate per alcuni minuti, scolate e passate anche loro nell’olio e pangrattato.

Devo dire che il pranzetto è piaciuto molto alle mie bambine ed anche a Silvia appena rientrata, l’ho servito in ciotoline, con un piattino fiorito colorato un bel bicchiere di succo di pesca fatto in casa con la cannuccia rosa e abbiamo mangiato con le mani in modo informale sedute sulle poltrone bianche all’ombra sotto la tenda in giardino. Ho coccolato loro ma anche me, niente tavola da sparecchiare e posate da lavare, siamo o no in vacanza?

Vuoi condividere questa ricetta?

Carne, pollo


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (10)

  • Belli questi scorci vacanzieri che ci vai tratteggiando post, dopo post.
    Sono felice per Silvia e per te che gioisci di questa vitalità nuova e di questa energia vera che ha conquistato e che sono certa saprà metabolizzare.
    Interessanti gli spaghetti ” magici” senza fuoco: dove hai acquistato gli spaghetti cinesi?
    Conoscevo le cotolette impanate che sono state il cavallo di battaglia di mia sorella con i suoi bambini, nella crociata anti-frittura (finalmente ora sono ben accette), ma sono una grande novità le verdure impanate che proverò presto.
    Un bacio
    lenny :))

  • Che quadretto meraviglioso! Il polletto, il succo di pesca, l’ombra…aahh, che vita!!

    ps. domani famigliona si sposta in Sardegna e lascia a casa tutto, portatile, nintendo ds, ipod e iphone! Solo costume, ciabatte e fiumi di crema protettiva. Anche qualche libro.
    Dunquedunque, mi tempodicotturerò a fine mese quando torno. Per ora grazie di tutto, ho decisamente cambiato marcia in cucina ;)))

  • Mannu…davvero lascierai a casa il portatile??
    be..se così fosse sentiremo molto la mancanza dei tuoi simpatici commenti!!
    avremo modo di consolarci con questo piatto gustoso e saporito di carne e verdure impanate
    ciao… tanti auguri e baci

  • … mannu, buone vacanze-vacanze solo sole e lettura… ma con tutti quegli adolescenti pensi davvero di rilassarti? Ci si vede sul blog a fine mese!

    Natalia, anche mio marito dice che parlo proprio con tutti 🙂 e la piccola Anna segue le mie orme 🙂 , mentre Chiara è un po’ più riservata e selettiva, come quell’orso del Comandante! Così tocca a me e alla piccola di casa fornire nuove amicizie… in quanto a nuove ricette, per ora sono io che divulgo le tue. Ogni occasione è buona, al mercato, mentre comperavo i pomodori verdi un’altra mamma mi ha chiesto “scusa ma che cosa ci fai con quelli?” ed io ho spiegato velocemente la ricetta ed ho pubblicizzato il sito 😉
    La carne così me la faceva la mia mamma, alla quale la panatura classica, con tanto di uovo, non è mai piaciuta, ma è un secolo che non la mangio… mi sa che è arrivata l’ora di mettermi all’opera. Cuocerla al forno poi mi sembra l’ideale!

    Ho comperato la macchina del pane, mio marito era scettico “non sarà buono, sarà una schifezza, io voglio quello del fornaio” 🙁 invece oggi a pranzo è stato un successo “non è male”… sì,sì, però della pagnotta da 750gr ne son rimaste solo 3 fette 😉 ed era quello semplice, senza olio… domani sera glielo faccio con l’olio e lo conquisto definitivamente… mi sa che ce l’ho fatta grazia alla breccia creata dai tuoi piatti, nel muro della sua noiosa normalità. O forse si è solo arreso all’inevitabile 🙂

  • fra due minuti partiamo, l’ultimo appello: grazie a tutte di tutto, sostegno, compagnia, ironia, simpatia, comunella, buoni consigli e tanta buona tavola. Grazie alla blogger e alle sue lettrici, due settimane lontana da voi mi sembrerà un secolo…se trovo un internet-point cedo…E MI RICOLLEGO!
    magari ci incontriamo sul traghetto! Io indosso una maglia grigia e un paio di pantaloni neri fascianti!!
    vi voglio bene, ciaoooo

  • Carina anche l’idea delle fettine impanate!!! Grazie a Paola per l’idea e grazie a te, che come sempre sai arricchire i piatti anche più semplici!!!
    P.S. avete mangiato sul divano bianco! AAARRRGGGGHHHHHH! Che coraggio! 🙂
    Domani per noi l’ultimo giorno di mare e di scorpacciate di pesce servito comodamente al ristorante!!! 🙁
    Ci si risente dalla ridente cittadina di Nepi! Un abbraccio!

  • @lenny – gli spaghetti li ho acquistati al todis, è un discount molto fornito, ma ho visto questo genere di pasta anche al mio super conad nell’angolo dei prodotti stranieri. sono ormai abbastanza comuni. mi sono piaciuti subito, veramente sapevo che Adrià, il bravissimo cuoco spagnolo ne aveva proposto una versione sbriciolata aderita a gamberoni sgusciati,infilati in spiedini e fritti un attimo in olio profondo. li ho fatti una sera alla scuola di cucina e sono piaciuti tantissimo, meravigliosi, bocconcini croccanti, saporiti e belli da vedere. poi da cosa (o meglio da ricetta) nasce cosa!!!!
    @mannu – dilla tutta, dillo che ti porti anche stavolta la Chiara con te!! la quarta figlia nelle tue vacanze. grazie a te per il tuo sostegno cara sorellina mia!!!
    @monica – anche io ho ceduto all’acquisto della macchina del pane e non me ne sono affatto pentita, compro le farine della lidl con la farina di segale e sforno pani in continuazione. non qui però, qui fanno una pizza bianca che è la fine del mondo e…cediamo spesso alla tentazione!!! monica per quanto riguarda il comandante hai avuto senz’altro delle armi migliori per conquistarlo delle mie ricette, sei veramente una donna e mamma in gamba, però per continuare a coccolarlo riuscire a prenderlo per la gola è una bella soddisfazione! Oh, ma il comandante leggerà le nostre chiacchere? Ehm, salve signor comandante, come va ? tutto bene? scherziamo noi eh!!!
    @mannu – la blogger ti dice, collegati se puoi e facci un salutino, ci manchi gia! Chi mi tiene alte le statistiche altrimenti?
    @barbara – no barbara tranquilla, le poltrone bianche sono plastica Ikea, tutto sotto controllo!!!!
    buona serata allora e a risentirci a presto!!!

  • Cara Natalia, allora attendo ricette (autunnali) per poter ampliare la gamma di pani da sfornare!!! Purtroppo per raggiungere il Lidl devo uscire dall’isola e mi ci vuole più di un ora, ma ogni tanto vado a rifornirmi.
    Ora preparo qualcosa di trasportabile e raggiungo il Comandante che è gia sulla spiaggia con le figlie. ;(
    Buona domenica!

  • Natalia, ho notato che spesso i tuoi post richiamano dei romantici fiori. Forse trovi l’inspirazione dai tuoi bellissimi fiorellini che “sgambettano “per casa? Comunque sia continua così perchè questo
    piatto è così invitante e irresistibile che non si pò fare a meno di prepararlo al più presto. Ciao a presto

  • @monica – non sono poi così brava a fare il pane, io faccio solo uso di quelle farine, ma magari qualche idea mi verrà fuori! buona domenica e buona settimana anche a te!
    @marilena -beh i fiori con quei bei colori sono divertenti, anche le mie figlie a volte lo sono… ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency