• Home
  • Pane e Pizza
  • Focaccine allo yogurt, perfette per una merenda e molto nutrienti!

Focaccine allo yogurt, perfette per una merenda e molto nutrienti!

Scritto da Natalia il .
Pubblicato in Pane e Pizza.

Ho voluto far notare alle mie bimbe come il cibo si trasforma. Chissà quante volte l’avevano visto durante le loro escursioni e collaborazioni in cucina ma non avevano chiesto spiegazioni. Talvolta invece è bello guidarle e farle soffermare a riflettere sui fenomeni semplici e scontati per noi adulti, ma così straordinari e magici per i nostri bambini.
Così con questa ricetta di pizzette bianche soffici, golose e a loro tanto care (le mangerebbero sempre) ho fatto vedere cosa accade quando i cibi si mescolano, si fanno riposare e si cuociono.

Ho fatto anche assaggiare gli ingredienti durante le varie fasi della preparazione, la farina, che presa così è sgradevole, lo yogurt bianco parecchio acido, il lievito, che solo a sentir  l’odore le ha fatte  allontanare. Una volta messi insieme i protagonisti della ricetta li abbiamo fatti “dormire”. Si, l’impasto dopo essere stato maltrattato va lasciato in pace, così le bimbe hanno l’occasione di fare un giochino nella loro stanza. Poi trascorso il tempo, un urlo e via, di corsa in cucina per continuare l’esperimento. E’ il momento per il nostro impasto di rimettersi in gioco , lui si farà lavorare di nuovo, schiacciare e appiattire, condire con l’olio e finalmente messo a cuocere. Quei dischi di pasta acida, bianca e fredda dopo la cottura si trasformano, in dischi di pasta d’oro, fragrante e saporita, da non riuscire a resistere e da mangiare anche caldi, bollenti.
Se volete, preparatene di più, si conservano benissimo  in freezer  e  potrete dare queste focacce ai vostri bambini per merenda a scuola, le assaporeranno con gusto e mangeranno qualcosa di buono e sano fatto dalla loro mamma. Con pochissimi grassi (solo quelli dell’olio aggiunto in superficie prima di andare in cottura) queste focaccine hanno qualche proteina in più grazie allo yogurt inoltre sono adatte anche per le persone allergiche alle uova e si prestano ad essere arricchite con gli ingredienti che più ci piacciono.

Focaccine bianche allo yogurt

10 Pezzi
Facile
20 minuti
15 minuti

Ingredienti

  • 250 g di farina
  • 1 vasetto di yogurt bianco (125 g)
  • 10 g di sale (un cucchiaino da te raso)
  • 2 cucchiaini di lievito di birra secco (o un terzo di cubetto fresco)
  • 100 ml di acqua tiepida (circa )
  • 1 cucchiaino di zucchero

­Procedimento

  • Sciogliete il lievito con l'acqua e lo zucchero.
  • Unite i liquidi alla farina e  al vasetto di yogurt, aggiungete il sale ed impastate bene.
  • Lasciate riposare fino al raddoppio del volume (circa un oretta) suddividete l'impasto in 9/10 palline, schiacciate con le mani, disponetele sulla teglia del forno leggermente unta , conditele con olio extravergine, sale e se volete aggiungete dei semini di sesamo.
  • Lasciate riposare 15/20 min e cuocete nel forno caldo a 200° per circa 15 min.
Vuoi condividere questa ricetta?

focacce, merenda, Ricette veloci, tortine


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (28)

  • ti è venuto prima il titolo o la foto? Devo ammettere che “fredda polvere bianca” mi ha provocato un leggero sussulto… sarà mica un post su come ovviare la dogana per i trafficanti di droga? No, no, mia sorella non è così, non ha mai fatto neanche un tiro di sigaretta, conosce i vini (è sommelier) ma li stappa solo per gli altri, le droghe solo quelle della dispensa (è una pragmatica dal cuore tenero) , e allora? Il post è innocente come l’acqua che insieme a tutto il resto, lieviti e fermenti, finirà presto anche nella mia bocca, passando prima dal naso, perchè anche il profumo vuole dire, eccome!

  • questo racconto sembra una poesia!!!! l’ho letto avidamente, e quando sono arrivata al fondo, ero dispiaciuta perchè già finito!
    in effetti a volte per i bimbi gesti semplici e scontati, possono diventare una magia……basta saperglieli presentare!
    la ricetta è molto invitante, la foto bellissima!!! credo proprio che le proverò!
    ma senti un po’ Natalia, pensi che si potranno fare delle focaccine tipo quelle, ma dolci?
    un abbraccio MARA

  • sono in pieno delirio da latticello e penso che sostituirò così lo yogurth.
    è un gioco che abbiamo fatto più volte e ormai le bambine sanno a memoria e ripetono “in cucina ci vuole pazienza” per poi aggiungere “e noi non ne abbiamo!”.
    anche noi impastiamo tanto, solo che poi i 165 cm x 165 cm dell’angolo cottura creano qualche problema di coabitazione e la mamma finisce anch’essa per perdere la pazienza.
    un giorno avrò una cucina vera 🙂

  • Ciao Natalia, complimenti per il blog e grazie per la tua visita!
    Anche con la mia pupa gli impasti sono uno spettacolo che sia pizza (che adora, morbida, morbida con impasto di manitoba e patate) o cake dolce. E’ una magia, non c’è che dire:-)
    a presto
    Miralda, Alice e il cucchiaino

  • Che bel sito brava, lo trovo molto ben fatto e rilassante, mi mette di buon umore credo che sia anche adatto per un eterno Peter pan come me….ci vediamo in trasmissione sabato baci per te e per i tuoi cuccioli.

  • Come al solto le tue ricette non sono solo invitanti ma anche istruttive!!! La provero’ di certo soprattutto per Elena che ama stria e gnocco anche se comprati al forno sono un po’ troppo ricchi di grassi.

  • ciao fantastica, ho una domanda per te, anzi due…..queste focaccine si conservano per un po? perche’ pensavo di farle per darle ai miei bimbi da portare all’asilo, e poi perchè non fai qualche ricettina carina per le merende da portare a scuola per i bimbi, sarebbe cosi’ comodo tipo prepararle la domenica e per qualche giorno avere la cosciienza pulita invece di mettere prodotti confezionati nei loro zainetti…ovviamente servirebbero cose semplici da portare ma anche da mangiare(una fetta di ciambellone si sbriciola tutta e loro non gradiscono…)grazie mille e spero che colga lo spunto per un nuovo post fantastico come solo tu sai fare!ti seguo sempre baci silvia

  • Innanzitutto complimenti per la foto poetica…
    e per la ricettina,semplice ma (essendo una tua creazione) comunque innovativa:non conoscevo questo tipo di impasto con lo yogurt…la proverò già domani(in frigo ho soltanto yogurt alla frutta)e magari farò divertire Giugiù,che sta meglio ma è tanto annoiata da questa vacanza “forzata” da scuola.

    P.S.
    Tua sorella è uno spasso,mi fa veramente morire dal ridere…A dire la verità leggendo il titolo della ricetta,ho avuto lo stesso pensiero “malizioso”…sorry!!!;-))))

  • le ho appena sfornate! favolose! mia figlia le ha divorate..e pure io..ih ih
    questa ricetta ormai è scritta nel mio taccuino….così non la perdo…mi piacciono le ricette veloci…grazie mille!

  • bravissima complimenti!
    piacciono a tutti in famiglia
    i bambini amano manipolare la pasta
    vengono coinvolti creando un momento magico di collaborazione
    che bello

  • Cara Natalia,
    eccomi qui di nuovo, volevo scusarmi per la “latitanza” dal tuo Blog … ma dal primo di ottobre ho ricominciato a lavorare, solo part-time, quindi alle 14.45 sono a casa, ma non ho avuto tempo di postare neanche un commento (sarà che ho bisogno di ancora un po’ di rodaggio per ottimizzare l’organizzazione dei tempi!). Però va detto, a mia discolpa, che: scrivere non ho scritto… ma cucinare ho cucinato, eccome!
    1. Ottimi i pasticcini di carne, anche se i miei avevano la “crema” tutta di un solo colore 🙂
    2. Le frittatine con i fiocchi d’avena hanno conquistato tutti, Comandante compreso… però ha chiesto di non mettere l’avena sopra ma solo dentro. Devo ammettere che neanche a me è piaciuta molto e neppure a Chiara, quindi la prossima volta andrà tutta nell’impasto!
    3. Il tortino da mangiare a morsi l’ho fatto in versione torta unica e … se lo son mangiato a morsi!!!
    4. Gli gnocchi di semolino li ho fatti spesso, ma questa versione è stata davvero una bella scoperta, la salsiccia poi… slurp 😛
    5. Queste focaccine? Che dire: le ho fatte già tre volte!!! Il Comandante ha detto “Buone, ma hanno un difetto: sono poche!”
    E poi…. Fiori di zucca a go, go gli ultimi oggi e mi sa che con queste gelate non ne vedremo più 🙁
    La torta di riso l’ho fatta ben due volte (una su richiesta della suocera) e ho fatto bella figura per due volte 🙂 la cuocio direttamente nella tortiera in alluminio usa e getta, così è già pronta per trasportarla dai parenti 🙂
    Inoltre ha finalmente trovato, in un mercato, il fornetto Versilia, quindi mi son cimentata in un ciambellone altissimo, ma ci voglio cuocere dentro anche la tua torta allegra e quella delle principesse con la ricotta. Poi ti farò sapere.
    Ora avrei anche una domanda: secondo te, si possono cuocere anche le foglie di salvia con il metodo dei fiori di zucca? E posso usare la birra al posto dell’acqua?
    Ora basta, ho scritto davvero un romanzo 🙁
    Un abbraccio e grazie di tutto!

  • @lalla – non perdere tempo!!! ciao tutto bene?

    @mannu – ops, non avevo pensato al doppio senso delle parole. quasi quasi ha ragione mio marito quando dice che il significato delle parole è molto importante. alt, fermi tutti, nas, carabinieri polizia, qui siamo solo mamme e giochiamo solo con la farina!!!!

    @maetta – grazie, secondo me si, metti meno sale, metti più zucchero e poi, ci vedrei molto bene sopra un po’ di ghiaccia …bianca sempre per restare in tema!!! sai che ti dico, mi hai fatto venire la voglia di provarle a fare così, ti farò sapere (o me lo farai sapere tu, che dici?)

    @natalia – eh, si, oh a proposito la prossima settimana lo facciamo questo meeting? sentiamoci dai!!

    @enza – pensa che anch’io, sebbene abbia ristrutturato casa da poco, non sono riuscita a ricavare una cucina grande. è un angolo colorato con un tavolo alto a mezzaluna rosa, con 4 sgabelli dove stanno sedute le mie due aiutanti in cucina. però sai che ti dico, che quando devo pulire faccio in un attimo!!!!

    @barbara – ecco io gli impasti crudi non riesco proprio ad avvicinarli alla bocca, ho anche difficoltà quando devo assaggiarne per forza il sapore (della serie ma ci ho messo lo zucchero, ma assaggiamo!) . non piace neppure alle mie bimbe mangiarli crudi e meno male, talvolta a forza di giocarci quegli impasti diventano neri e aiutoo, vade retro…..

    @miralda – eh, si, non conosco bimbo che resista a queste masse appiccicose!! pensa che la mia nonna quando andavamo in campagna e faceva brutto tempo, ci metteva sedute vicino al cammino e ci dava un po’ di farina e acqua per farci divertire, che ricordi bellissimi…. e che bella e buona che era la mia nonna!!!

    @andrea – ma grazie della tua visita e delle belle parole!! anch’io non vedo l’ora di conoscerti, speriamo sia un giorno tranquillo!!! sarò la prima a chiederti l’autografo!!

    @robby – questa allora è la ricetta giusta per voi, poco tempo ottimo risultato!!

    @sly – si, si conservano in freezer benissimo, io le preparo anche per questo. guarda guarda che bella sfida che mi lancia questa giovane mamma…lo sai che a me le sfide piacciono molto…quindi…si, senz’altro lo farò questo post, m’interessa molto e vedrò di tirare fuori qualche idea furbetta per una sana merenda, ci avantaggeremo un po’ con l’uso del congelatore perchè i nostri preparati a differenza di quelli comperi non hanno addittivi e conservanti quindi se vogliamo averne un po’ di scorta dovremo anche surgelarne. però…si lo farò!!

    @Chiara – davvero, a manuela non scappa mai niente, che ridere, io non ci avevo pensato, sono davvero candida come la neve…ah, no, ci risiamo!!!!

    @annarita – grazie a te!!

    @Elga – non lo so, se ti dicessi che ho avuto l’ispirazione da un pane indiano e dal vasetto di yogurt bianco che sarebbe scaduto di li a qualche giorno??? comunque sono soffici e croccanti al punto giusto, molto leggere, per niente pesanti, se ci pensi non ci sono grassi nell’impasto!

    @marina – grazie. e mentre loro manipolano noi ci possiamo leggere tranquille un articolo di giornale o un libro di ricette!!!

    @chiarona – come farei senza di te!! mi tiri sempre su il morale !! graaazie

    @monica:) – ohhh, eccotti qua!! pensa che coincidenza, proprio oggi mi stavo chiedendo durante la quotidiana telefonata con la mannu, che fine avessi fatto. sinceramente cominciavamo ad essere un po’ preoccupate, eh, si , anche la mannu era in pena per te! cosa avrà monica, dove sarà, non si fa sentire da tanto, speriamo che stiano tutti bene! si, ormai siamo unite da un legame magico, da un alchimia di sapori, di ingredienti, di storie, di affetti, insomma, ci vogliamo bene!!!
    invece da come scrivi va tutto a meraviglia, vedrai che prenderai presto e bene i ritmi del lavoro, che bello, si ricomincia ad uscire di casa, a vestirsi, pettinarsi insomma a cercare di darsi un po’ di tono (è così anche per te?)
    la slvia come i fiori? ma, io non la gradisco molto. ha un sapore così deciso, però penso che tu ci possa provare, mentre vai tranquillamente con la birra, lo vuoi proprio brillo il comandante, per riprendere quel discorsino dell’aumento in famiglia?! sono contenta di risentirti, buone cose per tutto!!

  • ho tirato giù la ricetta, la farò nei prossimi giorni, mi stavo talmente entusiasmando che sto meditando di svegliarmi prima la mattina per farle e darle a Alejandrito belle calde appena si sveglia…. mi piace tanto il tuo blog, ma un giorno ne farai un libro di queste idee ?

  • fatastiche!!! e fantastica anche tu che con la tua voglia di vivere e sperimetnare ,mi hai fatto (!!!) cucinare a me e alle mie meravigliose nane.
    Ci siamo divertite e impasticciate e per ora le abbiamo mangiate solo io e la mia dolce metà…. sono stata brava erano superbe nella loro meravigliosa “trasformazione” in cibo degli dei!!! da non credere vedremo oggi quando usciranno da scuola se saranno d’accordo con me le mie critiche “collaboratrici” .Ancora grazie !!!e buona giornata …

  • ciao Natti … sono i pausa caffè… ieri sera ho provato a fare le focaccine…. come mai la pasta non mi ha lievitato? .. alla fine le ho cotte ugualmente… mi spieceva buttare tutto.. insomma anche la cottura non è andata bene … dentro erano crude ..immagino per lo stesso motivo.
    Ti premetto che io non sono molto pratica in cucina e a volte anche con il cake alla mortadella l’impasto non mi lievita bene.
    attendo una tua risposta chef.
    baci
    Sandra

  • @estrellazul – ma com’è che mi sono dimenticata di risponderti? il commento scende giù, io non lo vedo più e allora faccio una figuraccia, scusami. sono molto profumate, e calde sono buonissime. sono contenta che ti piaccia il mio blog e per quanto riguarda il libro avrei già una proposto da fare. se c’è un editore in linea…..eccomi qua!

    @adriana – ma che bello, come sono contenta!!! speriamo che vada tuttto bene allora , anzi tu lo sai già perchè guarda quando ti rispondo, faccio proprio anche con te una figuraccia!

    @sandra – ah, mi dispiace, ma forse potrebbe essere una questione di lievito , forse hai aggiunto l’acqua troppo calda, o forse era semplicemente lui un lievito pigrone! riprova dai non ti abbattere, stai attenta alle correnti d’aria perchè i lieviti sono molto sensibili agli sbalzi di temperatura!! è vero, non è uno scherzo. salutami tutti e aspetto la ricetta che hai descritto alla mannu!!! bacioni

  • Ciao sono Anna! Complimenti x il sito… è molto accattivante… da ora in poi lo consulterò sempre xchè mi piace come è fatto! Ho provato a fare le focaccine e hanno superato con successo una prova ardua: i miei bimbi (che mi danno sempre grandi problemi quando si tratta di mangiare!!) hanno apprezzato e non poco!! Quindi complimenti anche x questo! Ho fatto però una modifica: non avendo lo yogurt, ci ho messo del formaggio spalmabile (tipo Philadelphia Light). Una domanda però: l’impasto risultava molto molle e appiccicoso tanto che ho dovuto metterlo sulla teglia del forno a cucchiaiate e spalmarlo un pochino; ciò dipende dal formaggio che ho messo o l’impasto deve essere così comunque?
    GRAZIE CIAO CIAO ANNA

  • @anna Maria – accidenti alla memoria, dunque dunque, io non mi ricordo di aver avuto questa difficoltà con l’impasto… mi sembra di ricordare che fosse consistente come quello della pizza…mi metti in crisi, quasi quasi le rifaccio e poi ti dico, tanto erano sparite subito. dai stasera le riprovo poi ti saprò dire. se non faccio così io le ricette le faccio per il blog poi non le ripeto più eh, eh pensa che a casa mia muoiono dalla voglia di mangiare la pasta in bianco!!! grazie anna sei stata molto carina:) a presto allora per il responso finale….

  • Ciao, qualche giorno fa ho letto sul blog di mammagiramondo del suo pic nic con le tue focaccine e visto che oggi anche noi abbiamo avuto la possibilità di fare un bel pic nic (in ritardo ma va bene lo stesso) ho fatto anche io le tue focaccine e cercando ho trovato anche il tuo tortino di toast, e sono stati entrambi mooolto apprezzati e come al solito mi meraviglio perchè in genere non sono un granchè in cucina ma le tue ricette mi riescono davvero, sono facili e squisite!
    Grazie mille!!!!!

  • Ciao Natalia,
    ho avuto lo stesso problema di Anna Maria, con la differenza che io ho seguito scrupolosamente la tua ricetta raddoppiando esattamente le dosi ed impastando con il Bimby…Siccome è venuto un impasto colloso ho iniziato ad aggiungere farina fino a quando non ho raggiunto la consistenza pizza. Il risultato è stato buono anche se le focacce erano un pò “tirone”. Ne ho portate metà alla festa della ginnastica di Leo ( vedevo gente che le odorava, le pizzicava, le avvolgeva nel tovagliolo, non le avranno mica buttate via, eh ??? ) e con l’ altra metà , siccome dopo poche ore erano diventate durette, io e mio marito ci siamo dilettati nella preparazione di una ” bruschettata ” estemporanea con tutto quello che ci ispirava. D’altra parte da noi non si butta niente !!! Cosa io avere sbagliato ? Forse avrei dovuto impastare a mano ed aggiungere meno acqua ? Mah ! Quando ti capita ragguagliami, please ! Un abbraccio e … torni all’ovile per Natale ? Ciao Cri da Casinalbo

  • @Laura – ciao scusami se solo oggi vedo questo commento , potrai mai perdonarmi??? intanto ti auguro buone feste e ti ringrazio di cuore

    @Cri . non so proprio cosa possa essere capoitato, io le ho rifatte anche per il mensile di A tavola uscito a settembre e non ho vuto questo problema…dammi un po’ di tempo che rivedo anche i passaggi poi magari ti farò sapere. certo che torno all’ovile, ne ho decisamente bisogno. un bacio cri meno male che sei riuscita a ricilare, bravissima a te e al marito!

  • ciao Natti, ho riprovato a fare queste focaccine… il sapore è molto buono ma ahimè mi vengono sempre un pò gommose
    forse dipende dal tipo di farina o dalla cottura ventilato o statico? io le ho cucinate con forno a 200°ventilato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency