Per Pasquetta? Bruschette di Mais!

Ecco queste ce le vedrei davvero bene ad un picnic di Pasquetta, magari in un posto bellissimo come Sassoferrato, che mi rimarrà per sempre nel cuore come tutte le persone che ho conosciuto: prima fra tutti Gloria e la sua bellissima famiglia, la sorella, il marito (fantastico incantatore di bambini), Valentina, Michela, le maestre i bambini, le mamme….Insomma una comunità bellissima che ha interagito con me in piena sintonia.

Che dire poi di quei paesaggi meravigliosi di questa regione così accogliente? Il b&b dove abbiamo alloggiato in centro nella parte del Castello, proprio di fronte alla Biblioteca, inserito in un vicolo che rappresenta in pieno le caratteristiche di quei posti, ci ha subito immerso in un’atmosfera così suggestiva, quasi magica.Non sono sponsorizzata da nessuno ma: andate a visitare quelle zone ne rimarrete incantati come ne siamo rimasti noi, le grotte di Frasassi poi hanno dato il “colpo di grazia” e concluso un weekend davvero pieno di emozioni. Felicissima e piena di entusiasmo ho concluso la mia giornata a Sassoferrato facendo anche del sano e benedetto shopping al negozio, ne ho approfittato subito per acquistare alcune eco-shopper alle quali facevo la corte da un sacco di tempo, le ho già destinate a persone a me molto care (non svelo i nomi per non rovinare la sorpresa) ma la lista è lunga e penso che dovrò rimpinguare l’acquisto 🙂 bellissime vero e molto pratiche!

Se volete sapere com’è andata la giornata del Laboratorio in Biblioteca andate da Gloria qui, io meglio di così non avrei potuto scrivere, anzi la ringrazio ancora!

Oh che bello cominciare il lunedì in questo modo, con un energia pazzesca e una ricetta che ve la raccomando. Preparate queste focaccine anche il giorno prima, fondamentale però è poterle scaldare, magari con le braci per far prendere quel saporino di “griglia” che quando si è all’aperto ci piace tanto sentire dico all’aperto però… In questo modo possiamo proporre ai nostri bambini e ai nostri amici qualcosa di diverso dalla solita bruschetta ed offrirla anche a chi ha problemi di intolleranza al glutine. Mi ricordano tanto la mia infanzia, quando la nonna mi friggeva la polenta anche se queste non sono per niente fritte ma soltanto cotte alla piastra appena unta. Accompagnate a verdure, o ai classici pomodorini completano davvero un pasto all’aperto in casa, comunque mettono allegria e danno tanta soddisfazione, provare per credere!

 

Le focaccine di mais

12 focaccine
Facile

Ingredienti

  • 300 g di farina di polenta fine (fioretto)
  • 150/180 g di mozzarella
  • 300 ml di latte (abbondante)
  • sale
  • pepe
  • olio

­Procedimento

  • Facilissimo: sbriciolate la mozzarella, anche nel robot, unitela in una ciotola con la farina di mais, il sale e il pepe, aggiungete il latte fino ad ottenere un impasto morbido ma compatto.
  • Scaldate una piastra o padella antiaderente ungetela leggermente.
  • Poi prelevate l’impasto con un cucchiaio e schiacciatelo per appiattire con il dorso di una forchetta allo spessore di circa mezzo centimetro o poco più (non deve essere liquido mi raccomando).
  • Cuocete da entrambi i lati e continuate fino ad esaurimento (non vostro eh?).

Note

Mangiate calde sono fantastiche, ma anche riscaldate vanno benissimo se le fate il giorno prima. Accompagnate a verdure alla grigia o fresche ma anche a salumi, salsiccia bistecche insomma provate e fatemi sapere!
 

 

Vuoi condividere questa ricetta?

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (21)

  • Devono essere buonissime nella loro semplicità! Adoriamo la polenta in famiglia e questo è un modo divertente per cambiare. Complimenti Natalia!

  • Allora lunedì le prepariamo per il pic nic di Pasquetta!

    Grazie ancora a te, Natalia, per il meraviglioso fine settimana e per aver descritto in modo così speciale anche le nostre zone… non capita mica tutti i giorni, eh!

    A presto!
    Gloria

  • Io sono di Firenze ma vivo vicino a quei posti,a pochi km da Jesi,da quando mi sono sposata 12 anni fa con un marchigiano…hai ragione,questa terra è magica,meravigliosa e io la amo ormai quanto la mia d’origine.

  • Grazie grazie grazie….per le tue parole in questo post e per averci fatto passare un bellissimo e stimolante pomeriggio in tua compagnia!!! 🙂

  • Sei il mio angelooooooooooo!!! mi mancava un antipasto per Pasqua… avevo scelto il tuo fiore con l’uovo nel pomo, ma ahimè ho un folto gruppetto di persone a dieta e se mi mangiano anche l’uovo e ci fanno la puccia poi disertano sul resto…
    Questa invece potrebbe essere la giusta soluzione, golosa per via della mozzarella, e quindi adattissima ai bimbi e leggera per via delle verdure con cui servirla… se poi aggiungi che ai bimbi piacciono da morire i pomodori… ecco fatto!
    Grazieeee ora il menù è finalmente completo!
    Bacio e al solito grazie di cuore!
    Pat

  • @Monica:) – ti fidi vero? sono fantastiche!!!

    @Marta – bene allora questa ricetta fa proprio per voi grazie

    @Letiziando – a te la fantasia non manca!

    @Lucia : magici davvero! Jesi terra di vini fantastici, e questo è un’apprezzamento da sommelier!

    @mammachegicohi – e anche velocissime!

    @Donatella – è vero! quanti spunti che arrivano quando si condividono delle idee! ciao Donatella un abbraccio!

    @valentina – una bellissima giornata grazie anche a voi!

    @eli – esatto!

    @Mannu – ah, ah, ah ero troppo stanca per capire!!!

    @Patrizia – ciao e bentornata! ce lo fai un resoconto ? tutto bene!

    grazie sei troppo gentile! una Pasqua in grande stile allora 😉

    @Handmadecreativity – avevo visto qualcosa di simile in una rivista di qualche anno fa, ma la ricetta era più pesante, prevedeva fontina e cipolla cotta…pesantina ma l’idea era buona e come se lo era!

  • Buongiorno Natalia, ieri sera ho preparato le tue buschette, OTTIME. Non avevo mai messo la mozzarella.Veramente buone. Noi qui in Abruzzo con la farina di mais prepariamo
    la “pizza di granturco” semplicemente impastata con acqua bollente, un pò di sale e un goccino d’olio e, la mangiamo
    con verdure miste ( di campagna) o cime di rapa ripassate in
    padella con peperoncino e aglio, sarde e peperoni secchi fritti.
    Una bontà. Complimenti per il tuo blog. Buona giornata Anna

  • @Anna : che bella ricetta, ma la cuocete come ho fatto io? un piatto rustico dai sapori buoni e genuini che a me ricordano tanto l’infanzia, grazie anna per aver condiviso con noi questa bella preparzione! un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valuta la ricetta




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani

Sito fatto con gusto da Nagency