• Home
  • Secondi
  • Arrosto di lenticchie, quando si deve andare oltre la ricetta!

Arrosto di lenticchie, quando si deve andare oltre la ricetta!

Scritto da Natalia il .
Pubblicato in Secondi.

Questa la devo provare, sembra buona, facile, un’ottima alternativa alla carne e poco costosa!
Dopo averla eseguita: “Ops, ma cos’è, noooo, non posso presentarla così, poi ammesso che a qualcuno piaccia ugualmente (come alla sottoscritta ad esempio) non posso fotografarla, con la mia scarsa abilità sembrerebbe c…a?”

Ecco quello che mi è capitato stamattina alle prese con una ricetta che mi ispirava molto, il dottore di casa mi sprona sempre a sostituire il più possibile la carne e che cosa c’è di meglio di un arrosto …di lenticchie?
Certo direte voi che avrei anche potuto intuire il risultato del “prodotto”, ma cosa volete, anche io vado sempre di corsa e questa volta ho peccato un po’ di ingenuità! Col senno di poi era ovvio! Lenticchie più uovo più pane uguale “scatolone”. Si così l’ha chiamato Silvia dopo averne assaggiato un pezzo dalle fette che stavo preparando.
Che una mia ricetta avesse il sapore di “scatolone” non me lo aveva mai detto nessuno e la cosa devo dire non mi è piaciuta affatto!
Decisa a rimediare subito preparo una salsina di pomodoro, provola tra una fetta e l’altra, una bella gratinatina in forno et voilà almeno questa è una scatola vestita!

A parte gli scherzi per me era già buona prima però devo dire la verità: è una ricetta per palati allenati, se i vostri figli mangiano legumi abitualmente allora potrebbero apprezzare come ha fatto Elisa che ne ha mangiate ben due fette, ma con il “sughetto e tanto formaggio filante”. Io, e lo dico subito, per questa ricetta non voglio avere responsabilità di “mariti sulle spalle”, avete capito (chi ha orecchie per intendere intenda). Ho pensato che il resto “dell’arrosto” lo taglierò a dadini e lo servirò insieme ad una bella insalata croccante, sono sicura che ci starà bene e la renderà più preziosa e nutriente.

Arrosto di lenticchie

Media
50 minuti

Ingredienti

  • 200 g di lenticchie secche (cotte sono circa il doppio di peso)
  • 1 cipolla piccola o mezza
  • 1 carota
  • 2 cucchiai di olio extravergine
  • 60 g di pane grattato (integrale è meglio)
  • 2 uova
  • 120 g di mandorle ben tritate
  • 500 g di salsa di pomodoro
  • 1 spicchio di aglio
  • Formaggio qb

­Procedimento

  • Cuocete le lenticchie in acqua fredda.
  • Preparate il trito di cipolla e carota e rosolatelo in due cucchiai di olio, insaporite le lenticchie ben sgocciolate e fate andare alcuni minuti.
  • Trasferite il composto in un robot da cucina e frullate bene, aggiungete le mandorle, il pane, le uova, aggiustate di sale.
  • Stendete un foglio di carta da forno, ungete leggermente e versate il composto cercando di ottenere un cilindro aiutandovi con la carta, chiudete bene, rivestite se volete con la carta di alluminio per fissare e chiudere il “pacchetto”.
  • Mettete a cuocere in forno a 180gradi per circa 40/50minuti.
  • Intanto preparate la salsa al pomodoro facendola insaporire con uno spicchio di aglio ed un cucchiaio di olio.
  • Una volta cotto l'arrosto potete servirlo così, ma risulta un po' asciutto, oppure tagliate a fette e disponetelo alternando con il formaggio e il sugo di pomodoro. Mettete a gratinare in forno e servite!

ricetta liberamente tratta da un libretto stampato dalla casa editrice Artioli per beneficenza con il titolo: La cucina delle nostre mamme.

Vuoi condividere questa ricetta?

legumi, lenticchie, senza glutine, Vegetariane


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (24)

  • Decisamente insolita, quindi da provare!!
    Inoltre ai miei bambini piaccione le lenticchie..
    Ma quante idee ci sforni sempre cara Natalia!
    Stef

  • Purtroppo io non sono molto allenata, quindi forse questa volta passerò!! Anche se dalla foto sembra molto invitante!!! La terrò comunque in considerazione per una volta che vorrò mangiare in maniera diversa le lenticchie!!
    Bye e Baci!!

  • ahahahaha!
    Premesso che adoro i legumi e le lenticchie in particolare proverò il tuo arrosto, nature e con salsina e ti dirò!
    ;D
    Mariti sulle saplle non ne avrai per quel che mi riguarda: Luii legumi, purtroppo, non li mangia!!!!

  • Ormai Roberto (e le figlie) ha il palato talmente allenato che quando gli ho fatto la lasagna di verza e lenticchie (bianca) mi ha chiesto “Me la rifai anche rossa?” Se lo sente sua mamma sviene!!! Questa la facciamo sicuramente, che anche le polpette vanno sempre a ruba!!!

  • Io e le lenticchie non abbiamo un gran feeling. Come tutti gli anni a Natale mi arrivano i soliti sacchettini di lenticchie secche portafortuna che io a fatica smaltisco gettandone una manciata o due alla volta nel minestrone. In piu’ i miei figli si rifiutano di mangiare ogni tipo di legume (anche se inconsapevolmente lo fanno eccome…) per cui questa potrebbe essere una valida alternativa per far sparire dalla dispensa le ultime superstiti prima della nuova invasione natalizia…

  • Le tue polpette di lenticchie sono un must qui da noi (e d è una delle ricette su cui è capitolato anche il Comandante!), quindi ti seguirò senza dubbio anche con il polpettone… arrosto… scatolone! Silvia è micidiale 😉

  • Fato oggi, domani lo finisco, cioè, lo condisco e passo al grill. Comunque ne ho assaggiato un pezzetto, hai ragione, è buono anche così!

  • sei sempre troppo forte!!!
    premesso che a me piaciono le lenticchie da matti!!!! quindi per forza dovrò fare!!!
    poi ripropongo subito sul blog! squisita!! e ne sono convinta farà successo!! come dice tu anche come opzione per quelli che non mangiano carne!!
    poi devo dire che la tua terminologia “palato allenato” è ottimo! posso prestarti ogni tanto?? 🙂

  • I.o ho provato a farla e buona un modo diverso per presentare i legumi.Questa ricetta ho consigliato a mia cugina ,i figli asaggiandala per loro e stata ottima

  • @francesca – grazie 😉
    @Stef – scusate ma questi commenti mi erano sfuggiti – con il pomodoro e la mozzarella diventa proprio molto gustosa!
    @patrizia – 🙂
    @Raffy – ok!
    @Caterina Motta – troppo buona 🙂
    @LamiciaCleo – quando posso mi pace fare anche in tv ricette per i vegetariani, in effetti anche noi a casa mangiamo pochissima carne!
    @letiziando – vorrei anche passare più spesso nel tuo bellissimo blog, te lìho detto vero che mi piacciono molto le tue ricette ?
    @Cle – non sa cosa si perde 😉
    @carlottalittlekitchen – allora hai la strada libera!!!
    @Gloria – ormai l’ho conquistato ahahah
    @Robby – dai robby prova appena ti sarà possibile e fammi sapere
    @Monica 🙂 – esatto e tu l’hai conosciuta !!!
    @Silvia gc – ahaha no no per carità non voglio essere la causa, Piero tranquillo questa Silvia non te la fa 🙂
    @samantha – abbiamo gli stessi gusti !
    @Valentina – ok
    @cucicucicoo- fammi sapere
    @Marci Senise – La Foodsitter- io lo dico sempre che tutta una questione di allenamento 🙂
    @Rosy – sono molto contenta!!

  • Salve,io vorrei tanto provare questa ricetta,ma nella nostra famiglia le lenticchie non le abbiamo proprio mai consumate,vorrei sapere se vanno messe a bagno,come tutti i legumi secchi, se si, per quante ore? al supermercato ne ho viste anche di color rosso/arancio come vanno usate? Grazie mille se mi vorrete aiutare un’abbraccio

    • @Cri – ciao, per la loro cottura non necessitano di essere messe a bagno, lavale bene e mondale perché ora capita sempre più raramente ma potresti trovare parti dure fastidiose come piccoli sassolini o altro, una volta si faceva sempre ora sono più sicure ma a me è rimasta questa abitudine. le lenticchie rosse sono una qualità meno usata, per la prima volta e per questa ricetta prendi le classiche magari di castelluccio che sono rinomate o anche quelle che trovi al tuo supermercato. cuocile partendo da acqua salata come si fa con tutti i legumi e sala solo alla fine della cottura per non ispessire la buccia. le lenticchie a seconda delle tipologie impiegano dai 10 minuti ai 40 circa, di solito il tempo di cottura viene anche riportato sulla confezione. buon lavoro

  • In casa mia non manca mai questo arrosto è veramente ottimo,però non capisco come mai quando lo affetto si rompe sempre sia che lo tagli caldo che freddo. Ricetta azzeccatissima, complimenti Natalia .

    • @Angiola- si è un po’ delicato, anche a me si rompe alcune volte, io ho notato che dipende dalle lenticchie che uso di volta in volta. nel caso puoi provare ad aggiungere un uovo oppure tagliare le fette un po’ più grosse! a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency