Bianchi, belli e …fragili come la neve!!!

Ero partita con altri propositi , questi fiocchi di neve dovevano essere confezionati in una scatola trasparente con una bella carta velina argentata e preparati per essere regalati ad una amica che adora le meringhe!

Quando ho iniziato a posizionare i primi nella scatola il primo “crik”, accidenti però come sono delicati pazienza , ho pensato ne ho altri, questo…lo mangio io gnam…, e poi un altro gnam,ancora gnam e gnam basta!!! Si rompevano tutti.

Però come erano belli!!! E come stavano bene sulla tovaglia preparata per fare le foto. Idea! Sono talmente belli che li rifarò per la tavola delle feste , ho deciso di sistemarli qua e la nel mio grande tavolo proprio come se ci fosse caduta della neve, insieme a qualche confetto argentato per riprendere i colori del mio Natale. Saranno eleganti e doneranno una leggerezza particolare, un decoro che alla fine della serata (e per i più golosi anche durante ;)) potrà essere “sciolto” in bocca con gran piacere. Da un disastro se volete anche prevedibile poiché si tratta di fiocchi di neve di meringa, una soluzione veramente particolare, quella che cercavo!

Fiocchi di neve per la tavola

1 Teglia
Facile
2 ore

Ingredienti

  • 80 g di albume d'uovo
  • 160 g di zucchero

­Procedimento

  • Montate le chiare con metà dose di zucchero, dovete ottenere una schiuma densa lucida e sostenuta.
  • A questa aggiungete il restante zucchero amalgamandolo semplicemente con la frusta a mano, con un movimento delicato mi raccomando.
  • Versate il composto in una sacca da pasticcere e disegnate con la meringa i fiocchi di neve.
  • Mettete in forno ad asciugare ad una temperatura che non superi i 60 gradi se non volete fare fiocchi di “caffè”... per almeno un paio di ore.
  • Sistemate i fiocchi delicatamente in una scatola di latta e non muoveteli più fino a quando dovrete utilizzarli.
Vuoi condividere questa ricetta?

biscotti, centrotavola, decorazioni, Feste, meringa, Natale


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (20)

  • Fantasticiii!!! A me la meringa piace tanto, ma non sono in grado di prepararla, queste cotture a bassa temperatura e per lungo tempo non mi riescono!!! Magari riproverò con questi stupendi fiocchi di neve!! 🙂
    Buon Fine Settimana!!
    Bye e Baci!

  • bellissima idea, Natalia! io ho scoperto che per avere le meringhe croccanti anche all’interno le lascio raffreddare in forno, tenendo lo sportello leggermente aperto per fare uscire l’umidità…. mi piacciono da morire!!!! ciaoooo

  • Ciao Natalia, sono proprio uno spettacolo !!!
    Però….. è sempre bello mangiare la “neve”: da ragazzino lo facevo sempre (sarà per questo che adoro le granite? :-D)
    Ciaoo

  • @Silvietta – si in effetti ormai ci siamo…il tempo vola!

    @Patrizia. le meringhe sono facilissime basta non aver fretta: bisogna montarle bene bene e lasciarle asciugare nel forno, bada bene che ho detto asciugare non cuocere così non ti puoi sbagliare!!! baci

    @tiziana – grazie 🙂

    @letiziando – ma grazie a te delle tue belle parole io ti auguro ormai buon inizio settimana 🙂

    @Milen@- davvero e poi quando le metti in bocca si lasciano sciogliere dolcemente…

    @Lucyinvacanzadaunavita – prova per prova fai la tua allora!!! mhmm bravo il maritino eh?

    @Monia- grazie e buona settimana anche a te!

    @carlottalk – attenta che sono delicatissime!!!

    @letiziando – grazie ma in questo periodo ho pochissimo tempo anche per stare al pc come vedi dalle mie risposte sempre in ritardo e guardare tra i miei archivi è un delirio, sono disordinatissima e perdo ore e ore a cercare…temo di non farcela vediamo…

    @JACOPO – anche io adoro le granite…in sicilia ne abbiamo fatto delle scorpacciate che meraviglia!

    @simo- zucchero normale così diventano più croccanti!!

    @quasimamma – prova prova e fammi sapere!

    @Stef- allora ci siamo! grazie stef baci

  • Allora… è la seconda volta che faccio le meringhe. La prima: sono venute marroncine, ok, forno troppo alto. Ora sono le 20.45, sono in forno dalle 18.30 a 60°, come da tue indicazioni, e sono ancora molto molli. E poi: perchè cavolo quando monto gli albumi, non restano belli duri? E, di conseguenza, quando metto il composto nella sacca è piuttosto liquido e le meringhe si spandono? Cioè, non hanno la forma di meringhe, sono dei dischetti schiacciati. Uffa! E normalmente, quando monto gli albumi per altre cose, restano molto più compatti. Perchè qui no??? Beh, oggi non è giornata. Ho fatto anche la cotognata, e anche quella non mi convince. E io che mi reputo brava in cucina….

  • @simo- no, no simo dai ma cosa mi dici…allora analizziamo un po’ il tuo procedimento: hai usato solo e rigorosamente bianchi d’uovo (senza un po’ di tuorlo dentro?), se è si passiamo all’altra domanda, erano a temperatura ambiente? ( a me si montano anche freddi ma per chi comincia o ha poca dimestichezza la temperatura delle uova aiuta)
    Una volta che hai messo gli albumi con metà dose dello zucchero devi azionare la frusta elettrica ed andare avanti fino a quando non diventeranno belli duri, se scaravolti la ciotola non scivolano giù capito! hai fatto così? non ti devi fermare prima ok? dopo di che quando aggiungi l’altra metà dello zucchero lo fai a mano con la frusta amalgamandolo solamente con il solito movimento che va dall’alto al basso e ti fermi. il composto è sempre duro, non scivola dalla ciotola ok? dopo di che lo metti nella sacca o usi il cucchiaio per fare le montagnette e stanno su, non cadono perchè sono dure. la cottura al forno completerà tutto. devi aver sbagliato un procedimento all’inizio, forse non hai montato a sufficienza ecco qua l’unica cosa che mi viene da dirti è quella di riprovare, mica la vorrai dare vinta a due stupide meringhe??? baci

  • Alla fine HO VINTO IO!!!!!!!!!!!!!! Meringhe perfette, con una forma bellissima e un grazioso ricciolino in alto! E poi buonissime!!!! Sbagliavo la temperatura degli albumi, che usavo appena tolti dal firgorifero. Lasciati a temperatura ambiente, è cambiato tutto! Ho variato, però, la temperatura del forno. Le ho cotte a 100° per un’ora circa. Bianche, lucide, croccanti fuori e morbide dentro… una delizia!! GRAZIE DI CUORE per il supporto morale e, naturalmente, per le indicazioni che mi hai dato! A presto, Simo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency