• Home
  • Dolci e Torte
  • “BLOGGER’S GOT TALENT: Quando un non-talento è un talento..”

“BLOGGER’S GOT TALENT: Quando un non-talento è un talento..”

Scritto da Natalia il .
Pubblicato in Dolci e Torte.

“Questo post partecipa all’evento “Blogger’s got Talent” ideato da Federica Mamma Moglie Donna, Micaela Le M Cronache, Serena IdeaMamma, Valentina di Mamy Chips & Craft e Natalia di Tempodicottura.
Per questo, ospito il post scritto da Costanza Mondini  del blog http://www.babyatthecity.com
Buona lettura!”

Avere un talento significa saper fare qualcosa molto bene.
Avere un talento significa eccellere più di chiunque altro in un determinato campo.
Avere un talento significa avere una dote che ci avvolge come un’aura e ci fa risplendere.
Avere un talento significa avere culo oppure aver sudato sette camicie per ottenerlo.
Avere un talento significa essere noti perché si è particolarmente bravi in qualcosa.
Avere un talento, però, può anche significare che non si è molto bravi a fare una sola cosa, ma si è abbastanza bravi a farne tantissime, tutte insieme. Anche questo è un talento.
L’equilibrista è dotato di talento in quanto sa camminare su un filo, spesso come un grissino, sospeso in aria, mentre tiene in mano una pensantissima asta che dovrebbe fargli da bilanciere. Non tutti sanno farlo e proprio per questo motivo lui ha un talento.
Ecco io, invece, sono la copia sfigata e metaforica di un’equilibrista: non credo di essere particolarmente brava in qualcosa ma so di essere brava a fare tante cose insieme. Una a caso? Il trito e ritrito tema dell’essere “mamma-moglie-donna”: esserlo in terra straniera, dove i pochi riferimenti che ho sono gli amici in carriera o gli eterni Peter Pan, mentre cerco affannosamente di riprendere le redini della mia vita ante Armageddon (a.k.a. nascita di mia figlia) e rimetto in sesto una pseudo carriera home made e home based, significa essere equilibrista perché devo saper incastrare ogni momento della giornata con puntualità svizzera, e ovviamente devo aver programmato in anticipo le ventisette sventure che si abbatteranno su di me proprio il giorno in cui tutto DEVE filare liscio. Io ho il non-talento di sapermi arrangiare sempre e comunque. E devo dire che mi viene piuttosto bene.
Riunione di lavoro alle 10 e alle 9.20 la baby-sitter mi chiama per dare forfait: ho il piano B.
Ore 19 “amore stasera é un problema se vengono due amici a cena?” – “certo che no, che bello, stasera tutta vita!!”. Però poi scopri che gli amici sono sette e che quel “due” era così, tanto per dire che sarebbe venuto qualcuno. La cena diventa un buffet, annaffiato di patatine, pop-corn e altre schifezze poco sane ma che fanno volume e soprattutto ti evitano una figura pietosa perché avevi preparato solo per quattro.
Il mio non-talento sta nell’inventarmi un lavoro quasi da zero visto che sono laureata dal 2005 ma ancora oggi salto da un contratto all’altro e non sono ancora riuscita ad ottenere uno straccio di tempo indeterminato. Quindi vai con la giostra dei mille lavori per sopravvivere e salvare un po’ di dignità davanti allo specchio.
Un piccolo, microscopico talentino che speravo di avere l’ho buttato tutto nel blog che, inaspettatamente, mi regala grandi soddisfazioni, soprattutto perché era partito come un diario di bordo per non impazzire e invece oggi è un mini salotto tra volti noti, meno noti e sconosciuti.
Il mio non-talento lo vedo ogni giorno guardando mia figlia che mi sorride con quei suoi occhioni tondi mentre io, con un occhio scrivo una mail di lavoro, con l’altro controllo che lei non si sfracelli contro qualche spigolo, il tutto telefonando per sollecitare un documento e controllando che il suo pranzo non si carbonizzi.
Il mio non-talento sarà probabilmente il non-talento di tante altre donne, ma a fine giornata so di essere stata un’equilibrista eccellente e questo mi basta per svenire a letto soddisfatta.

http://www.babyatthecity.com per Blogger’s Got Talent

“Per continuare a seguire la caccia al post e a tutti i talenti delle partecipanti, il prossimo blog da visitare è http://www.lemcronache.blogspot.it/”

Vuoi condividere questa ricetta?

sponsored post


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (23)

  • Ma che bella iniziativa!!! Sono andata alla ricerca del tuo post e l’ho trovato…durante la caccia ho letto tante opinioni…punti di vista diversi ed interessanti su questo tema!!!
    Bye e Baci!!!

  • Grazie a tutti!!!!!

    Il piano B per la babysitter che dà forfait alle 9,20 è avere la babysitter di riserva, già preallertata la sera prima e dopo averle promesso un compenso da capogiro in modo da essere certa che lei non pacchi nemmeno con 52 di febbre 🙂

  • sarebbe stato più interessante leggere di una di quelle supermamme tipo Natalia che si destreggiano con tre o quattro figli e lavoro/casa/marito, anziché di un blog che mi sembra di una banalità totale. Poi come si fa a dire “una figlia nuova di pacca”…non è mica una borsa, santo cielo, è tua figlia!!! devi crescere un bel po’ ancora!

  • Ripeto di nuovo grazie a tutti!!! 🙂

    @Marina: grazie anche del tuo punto di vista. Per il momento ho solo una figlia ma magari un giorno ne avrò anche io tre o quattro o anche di più. Per quanto riguarda i contenuti del blog, comprendo che non tutti possano sentirsi affini al mio modo di vivere, scrivere e descrivere. Quanto alla “figlia nuova di pacca” mai sentito parlare di umorismo?!
    Ognuno ha il proprio punto di vista ma c’è modo e modo di esprimere un parere…a mio avviso!

  • Decisamente un talento. Le mamme hanno una predisposizione genetica alla sopravvivenza!
    Quello che ammiro, in molte di voi anche se lo dico qui, è l’aver saputo trasformare un hobby o una passione in lavoro e/o riorganizzare il proprio lavoro in una impresa autonoma da casa. sto cercando di capire come si fa… buon lavoro a tutte!! yu

  • credo che lo spirito di questo Bloggers got talent…..fosse anche quello di dimostrare che avere talento significhi a volte essere persone normali…che si districano tra lavoro, famiglia, impegni e problemi quotidiani….
    non credo sia necessario avere per forza tre o quattro figli per dimostrare questo…..a volte ne basta anche solo 1 😉
    ciò che invece sarebbe necessario per migliorare la nostra società è una bella dose di buona educazione, ma evidentemente marina ci ha dimostrato che la buona educazione non si compra al mercato come la verdura…..
    scusate ma ci voleva!!!
    sarà che il racconto di Costanza è quello che mi è piaciuto di più tra tutti quelli che ho rincorso di blog in blog, sarà che ognuno di noi ha dei limiti e riconoscerli è un punto di partenza per superarli ma….c’è modo e modo di dire le cose…..
    baci a voi tutte MARA

  • partecipare a questo “gioco” mi ha dato l’occasione di conoscere tante ragazze giovani con le idee chiare, che sanno cavarsela tra le difficoltà del mondo “di oggi” che è in continuo cambiamento e per certi aspetti anche in negativo. se penso alle mie figlie che man mano cresceranno dovranno affrontare difficoltà nuove, riconosco che per me, mamma che ha finito da tempo il rodaggio, forse è stato più facile perchè potevo avere ancora tanti punti di riferimento : un lavoro, la famiglia, i suoi valori, etc…mentre per voi mamme di oggi le difficoltà sono talmente tante che siete in continuazione messe a dura prova:Costanza ad esempio è lontana dalla sua famiglia e vive in un paese che non è il suo, ah, come la capisco, seppure in Italia anche io mi sono allontanata dal mio nido, e so che non è facile. Anche a me è piaciuto moltissimo il suo racconto perchè ha fotografato una realtà che purtroppo è presente , e dalla quale bisogna riuscire a tirar fuori il meglio che ci può dare, e avere il “non tanto” dell’equilibrista è davvero indispensabile!! Ho per te Costanza una grande ammirazione, hai trovato la tua strada, quella che al momento ti serve per raggiungere un equilibrio, una serenità per goderti la tua vita, il resto , sei giovane, verrà pian piano ma se porterai con te questo talento penso che riuscirai a fare un bellissimo percorso nella tua vita!

    un abbraccio e un saluto a tutte, cerchiamo di aprire gli occhi e di sostenerci sempre almeno tra di noi, perchè abbiamo tante cose belle da dare e da dire e l’ascolto profondo è sempre un arricchimento e un dono che vale la pena di non buttare !

Rispondi a cla Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency