pane girasole

Il pane girasole

Si ricomincia, per quanto mi riguarda oggi mi aspettano i fornelli degli studi televisivi della Dear (meno male che sono vicini a casa mia, piccola considerazione personale che però ci sta tutta).

Una nuova stagione si apre con una nuova ricetta, nuovo look (fatemi sapere mi raccomando) e nuovi collaboratori.
Vi ho mai raccontato come sono andata a finire in questa trasmissione?

Piccola premessa:
la passione di cucinare l’ho sempre avuta, ho iniziato a farlo prima per i famigliari, poi per gli amici (chi legge ed è stato nella cerchia dei fortunati lo potrà testimoniare) ho frequentato per quanto mi è stato possibile corsi di cucina (30 anni fa mica ce ne erano tanti in giro come adesso), ho preparato catering privati, allestito feste di ogni tipo e cene private fino a quando ho aperto una scuola di cucina con l’arrivo della terza figlia e che ho lasciato con l’arrivo della 4, praticamente dopo pochi anni.

Decido allora di aprire un blog, questo, di dedicarlo alle mamme e ai bambini, e subito dopo poco tempo vengo contattata dalla redazione del La Prova del Cuoco: cercano una mamma che cucini in studio con alcuni bambini. Sulla carta ho le caratteristiche giuste, almeno le figlie, il resto lo verificano subito: provino dopo provino (pensate l’ironia della sorte: proprio nella mia ex scuola di cucina), finisco catapultata in questo mondo, maestra di cucina, cuoca di ricette degli anni ottanta, di nuovo maestra di cucina che prepara ricette non per stupire ospiti qualsiasi ma quelli più importanti, i nostri cari, e quest’anno il giro ritorna da dove ho cominciato, di nuovo con i bambini.

Eccomi di nuovo qui a sostenere queste prove che da parte mia sono affrontate con molta serietà ed impegno, mi piace fare le cose bene, non riuscirei a svolgerle diversamente, consapevole della fortuna che mi è capitata ma anche del valore che posso dare con il mio contributo.
Ho voluto iniziare proponendo questa meravigliosa ricetta vista per la prima volta da Antonella la fata cuoca del web.
Io vi lascio la mia ricetta, non so se in puntata sarà tutto chiaro ma se vi perdete qualche passaggio seguite il passo passo di Antonella e sarà un gioco da ragazzi preparare questo girasole per le vostre tavole! E mi raccomando fatevi aiutare dai vostri bambini!

pane girasole

Il pane girasole

3 Pezzi
Media
20 minuti
40 minuti

Ingredienti

Per la pasta:

  • 700 g di farina 0
  • 200/250 ml di latte
  • 120 g. di olio oliva
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 cucchiaini sale
  • 25 g di lievito di birra

Per decorare:

  • 3-4 cucchiai di semi di zucca
  • 3-4 cucchiai di semi di papavero
  • Curcuma

Per farcire (alcune idee per le monoporzioni):

  • Olio di oliva (per spennellare ciascun strato di pasta)
  • Parmigiano con mortadella
  • Prosciutto cotto
  • Noci

Per il pane grande invece:

  • olio di oliva (per spennellare gli strati di pasta abbinato )
  • Pecorino
  • Pepe

­Procedimento

  • Versate la farina in ciotola. In mezza dose di latte sciogliete lo zucchero e il lievito di birra. Rompete le uova in un recipiente, mescolatele all'olio e al sale e versate nella farina aggiungendo il latte con il lievito. Iniziate a lavorare fino ad ottenere un impasto liscio e morbido unendo all'occorrenza il latte tenuto da parte.
  • Lasciate lievitare fino a raddoppio. Sgonfiate la pasta sistematela sul piano di lavoro dividetela a metà e da una di queste ricavate un terzo per avere così in tutto 3 pezzi uno grande uno medio e uno più piccolo
  • Ottenete dal pezzo grande 5 palline che si devono stendere in 5 sfoglie circolari.
  • Procedete ad impilare i dischi direttamente sulla teglia da forno spennellandoli di olio e inserendo la farcitura scelta (es pecorino e pepe nero).
  • Con un coltello ben affilato incidete partendo dal centro ricavando 8 spicchi senza staccarli dalla base e sollevate le punte verso l'esterno per creare i petali del fiore.
  • Dividete anche il pezzo medio in 5 palline e procedete come il precedente posizionandolo all'interno del foro creato con l'apertura dei petali, incidete la pasta e sollevatene le punte.
  • Al termine posizionate la pallina rimasta per ottenere il centro del fiore pennellate quest'ultima di olio e decorate con i semi di papavero o di zucca.
  • Se desiderate colorare di giallo i petali del girasole cospargeteli di curcuma prima di cuocere.
  • Lasciate riposare l'impasto altri 20 minuti circa e cuocere a 180 gradi per circa 30/40 minuti.
Vuoi condividere questa ricetta?

addobbi, centrotavola, pane


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (19)

  • bentornata all’opera sotto i riflettori!
    questa ricetta, già solo a vederla, è stupenda (anche l’occhio vuole la sua parte!)…. chissà poi come sarà buona.
    un paio di domande: secondo te si può fare anche nella macchina del pane? il forno come deve essere (statico o ventilato)?
    grazie, ciao

  • @giunela – quando senti il profumino non ci pensi più al sacrilegio ahaha!

    @handmadecreativity – certo che la puoi impastare con la macchina del pane, poi per cuocerla sarebbe meglio il forno statico ma il mio cuoce pianissimo e quindi ormai uso da tempo la modalità ventilato. questo impasto è ricco di grasso e la cottura anche in questo modo non ne risente poi tanto! ognuno fa quello che può ma come vedi il risultato viene bene ugualmente, importante è non oltrepassare la cottura per non seccarlo davvero troppo!

  • Ho letto il tuo commento come sei approdata i Tv alla Prova del cuoco,sarà fortuna,ma penso anche bravura sia nella fantasia dei piatti semplici ma buonissimi,provato già vari e anche ripetuti,
    rubo la ricetta da qui Natalia,se mi permetti,mi dispiace non posso seguirti nella puntata,ma ti guarderò sul sito della Rai,grazie Teresa

  • Ciao Natty! Finalmente sono riuscita a segurti alla Prova del Cuoco!! L’ho fatto insieme a Valerio e Flavia ed ero orgogliosa di dire loro che noi avevamo già avuto l’anteprima della tua ricetta!
    Ti auguro un buon inizio per tutti i tuoi progetti a venire, familiari e professionali!
    Con Flavietta ci cimentiamo a pasticciare insieme, vorrei avere più tempo per farlo però!
    Un abbraccio e a presto! Ale

  • Bhe ma ti pare che mi sia accorta solo oggi che la trasmissione e’ gia’ iniziata da una settimana? Vuol dire che ero impegnata a prestare attenzione ai miei bimbetti ancora in vacanza :)))!!! Questo pane meraviglioso lo avevo adocchiato da Antonella, che ho “conosciuto” proprio grazie a te! Buon lavoro x la nuova stagione. Baci Luisa

  • Non ho potuto veder la trasmissione in diretta, ma ho visto sul sito della Rai!!!
    Wow!! Che cambio di look…definitivo e per pettinarti i capelli in modo diverso?! Comunque sia stai benissimo!!!
    Il pane….che dire…è meraviglioso!!! I tuoi lievitati particolari li ho sempre rifatti…toccherà anche a questo…mi piace troppo!!!!
    Buon inizio settimana!
    Bye e Baci!

  • nn ho visto la puntata, purtroppo sono in ufficio a ql’ora ma qs pane è bellissimo..
    ho un pò paura a provarci, credo che nn riuscirò nell’impresa, ma è talmente bello che ho voglissima almeno di tentare… e chissà che buono!!!
    In bocca al lupo per la ripresa in trasmissione.. fatti valere che vali tanto!
    Un bacio grande
    pat

  • Nuova fantastica ricetta e nuovo fantastico look! Bravissima Natalia, sai sempre rinnovarti e stupirci! E’ stato un piacere rivederti alla prova del cuoco, che guordo registrata ogni sera con i miei bimbi…la preferiscono ai cartoni!

  • Allora BENTORNATA!!!!
    Sono felice di trovarti “carica”, attivissima e piena di nuovi progetti.
    La tua è stata una gavetta, ma alla fine sei riuscita ad arrivare dove, forse e dico forse, neppure immaginavi.
    Ti meriti questo ed altro Natalia, e noi siamo qui, ognuna nel nostro piccolo angoletto di web, ad incoraggiarti e ringraziarti di tutte le idee che ci proponi.
    Ora dopo questa doverosa premessa ti devo fare i comlimenti, anche ad Antonella, per questo bellissimo girasole, bello e certamento buono. Lo vedo bene anche come centrotavola, o nella versione monoporzione, come segnaposto.
    Sei sempre un passo avanti!!!
    Continua così Nat ^_^

  • E’ un po’ articolata come preparazione…ma che soddisfazione alla fine!!!! 🙂
    Le ricette più “complicate” sono quelle che danno più gratificazioni!!!
    Bye e Baci!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency