forno tecnogas

Dischetti di riso e ricotta e il forno Tecnogas, un bellissimo incontro :)

Post Sponsorizzato

Non tutte le proposte di lavoro mi meravigliano e mi sorprendono. Ognuna di loro ha delle caratteristiche diverse ma in genere mi coinvolgono  in un compito che sfrutta le capacità che sono a me più consone ovvero: quella di creare, inventare , e presentare ricette con particolari caratteristiche.
Un paio di mesi fa invece mi è stato chiesto di provare ad usare una cucina , fuochi e forno, di una nota azienda Emiliana, la Tecnogas  , ideare una ricetta e testare questo prodotto.
Nel ricevere questo invito ho pensato inizialmente di non essere all’altezza…
Ma riflettendoci bene , ogni giorno accendo il forno almeno una volta, per ogni tipologia di ricette e gli esperimenti e prove in casa mia sono all’ordine del giorno quindi chi meglio di una “lavoratrice” di questo tipo avrebbe potuto fare un uso analitico di questa cucina apprezzandone i vantaggi le caratteristiche?
Tra le altre cose devo ammettere che in quanto a forni sono davvero esigente perchè ritengo che il 50% della riuscita di una ricetta dipenda dalla validità e funzionalità del forno che si usa .
Non amo quelli troppo tecnologici, mi confondono e s’impadroniscono troppo del lavoro che invece desidero poter gestire ancora io, ma adoro l’idea di robustezza sicurezza e affidabilità e guarda un po’ il claim azienda è proprio ” The Strong Design” suo punto di forza che si evince guardando i loro prodotti  ( vi giuro che non ci siamo messi d’accordo ;)).

E la mia ricetta?

Eccola qui, perfetta per chi ha problemi con il glutine, questi dischetti di riso e ricotta con verdure, perfettamente cotti e  gratinati sono stati un’esperimento riuscitissimo e anche molto versatile. In questa occasione ne ho fatte due versioni una con l’aggiunta di verdure autunnali come la zucca e i funghi, l’altra invece i dischetti di riso sono lasciati al naturale solo spolverati con formaggio e fiocchi di burro adatti davvero a tutti i palati anche a quelli dei nostri bambini.

dischi di riso e ricotta

Dischi di riso e ricotta con verdure

Dischi di riso e ricotta con verdure

20 dischetti
Facile
35 minuti

Ingredienti

  • 300 g di riso arborio lessato in acqua salata
  • 300 g di ricotta di pecora (anche mucca)
  • 1 uovo
  • 100 g di parmigiano
  • 150 g di funghi pioppini
  • 300 g di zucca a dadini
  • aglio
  • noci di burro
  • olio qb

­Procedimento

  • In una ciotola mescolate il riso cotto e raffreddato alla ricotta, unite l'uovo e i 2 / 3 del formaggio parmigiano, salate e pepate.
  • Lavate e preparate le verdure , sistematele in un foglio di carta da forno con un po' di olio e sale, chiudete e procedete con una cottura al cartoccio per circa 15 minuti a 200 gradi.
  • Nel frattempo formate i dischetti di riso: prendete due fogli di carta da forno, ungete leggermente la base, versate il riso adagiate l'altro foglio di carta da forno e stendete la massa fino a raggiungere l'altezza di circa un centimetro.
  • Con un coppa da circa 5 cm di diametro ricavate i dischetti , impastate di nuovo i ritagli ricompattando il riso e stendendolo di nuovo fino ad esaurire tutto il composto.
  • Man mano che fate i dischetti sistemateli nella teglia ben imburrata sovrapponendoli leggermente.
  • Prendete le verdure, cospargetele sopra il riso, spolverate con il parmigiano rimasto e condite con qualche fiocco di burro.
  • Ponete nel forno a 180 per 10 minuti e alzate la temperatura a 200 gradi per altri 10 minuti.
    forno tecnogas

Continuerò a cuocere nel mio forno meraviglioso, per questioni di misure ho optato per il modello elettrico da 60 questo , con griglie in ghisa davvero notevoli, che dite non è bellissimo?

particolare forno tecnogas

Vuoi condividere questa ricetta?

ricotta, riso, senza glutine, Vegetariane, verdure, zucca


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (10)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency