Pollo con crosticina golosa, c’è sempre da imparare…da tutti!

Non si finisce mai di imparare , sembra scontato ma credetemi non lo è per tutti.
Nella mia vita mi sono sempre posta con questo atteggiamento , penso di non aver mai detto “sono arrivata,” “so tutto” “sono il massimo” (nemmeno a scuola, eh, eh credevate che fossi una secchiona?) per me la strada continua sempre e non finisce mai. Angosciata, terrorizzata, insicura? No, assolutamente, al contrario incuriosita, stimolata, appagata al raggiungimento di ogni traguardo che mi piace proprio pensare sia temporaneo, e che davanti ce ne sia un altro ancora più difficile da raggiungere. Masochista? No amante della vita!
E voi, studiate sempre?

Ok va bene, ma cosa c’entra la crosticina golosa? Avete presente Gaia de Laurentis? Ecco l’ho imparata da lei e dalle poche cose che lei stessa ha confessato di saper fare  partecipando come ospite ad una trasmissione di cucina.

Da allora è passato parecchio tempo, tre o quattro anni, ma non perchè non avevo fiducia della bontà della ricetta, ma semplicemente perchè non me lo ricordavo più. In questi giorni sto tentando di mettere in ordine appunti sparsi e: voilà, il pollo impanato alla senape di Gaia, o meglio della sua tata!

Io ho volto farne una versione un po’ più ricca, ho farcito un petto di pollo con zucchine, speck e fontina, arrotolato a mo di arrosto, fermato con stuzzicadenti e spalmato usando non solo senape (pensavo che risultasse troppo forte per le bambine) ma aggiungendo anche la maionese.

Appetitoso e decisamente un gusto da provare, perfetto per bambini “gourmand” (si leccheranno le dita) ma anche per ragazzi o amici a cena. Meraviglioso perchè si può preparare e scaldare poco prima di servire o anche mangiare a temperatura ambiente.

Pollo con crosticina golosa

4 Persone
Facile
30 minuti

Ingredienti

  • 2 petti di pollo interi (aperti a libro e appiattiti con il batticarne)
  • 1 zucchina fresca
  • 4 fette di speck
  • 50-80 g di formaggio fontina
  • 2 cucchiai di maionese e di senape (abbondanti )
  • pane grattugiato (per l'impanatura)
  • Un filo d'olio ( per la cottura)

­Procedimento

  • Farcite i due petti di pollo con gli ingredienti, salate leggermente l'interno della carne, arrotolate ben stretto fermando con uno stuzzicadente (anche due eh!).
  • Ed ora passiamo ad impanare.
  • Mescolate le due salse prediligendo il vostro gusto, spalmate abbondantemente sul rotolo che tufferete poi nel pane grattato ricoprendo bene e in modo ricco la carne.
  • Sistematele in una pirofila leggermente unta e fate cuocere per circa 30 minuti a forno ben caldo, 180/200° girandoli almeno una volta.

Note

Un contorno di patatine novelle ricoperte di pane alle erbe ha completato questo piatto 🙂
Vuoi condividere questa ricetta?

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (19)

  • Oddio che meraviglia! Mi è rivenuta fame. Cercavo proprio una ricetta come questa..stasera voglio fare una cena speciale! No, non per un’occasione particolare, ma per partecipare al concorso Santa Cristina. Se ti interessa, si vince un iPad2… io provo. Grazie per la ricetta! Ciao!

  • Mamma mia Natalia!!!! Ho l’acquolina a mille!!! Sarà l’orario, sarà che ho fame…ma i miei occhi stanno vedendo qualcosa di sublime…sento il profumino!!!!
    Brava!!
    Laura

  • Davvero goloso, e come resistergli?! Me lo appunterò sicuramente e una volta sperimentato lo segnerò senza indugio nel mio quaderno!!! 🙂
    Bye e Baci!

  • Proprio ieri sera ho fatto i petti di pollo farciti con speck e formaggio, se avessi saputo anche di questa crosticina…. da provare assolutamente la prossima volta! Ciao

  • @loredana – grazie del suggerimento!

    @maetta – praticamente si mangia con gli occhi!

    @cleareilpomodororosso – si che sbadata, non ho nemmeno specificato ora lo vado a scrivere, di taglia abastoncini esi mette a crudo, rimarrà croccantina al punto giusto 🙂

    @letiziando – yoga! che bello, prima o poi…

    @Lalletta – grazie cara, si noi a casa lo cuciniamo spesso mio marito caldeggia il consumo di carni bianche, così l’umdità delle carni viene conservata al suo interno aiutata anche dalle verdure e dal formaggio…ottimo

    @mammachegiochi- bravissima davvero!

    @Patrizia – ti fidi? allora appuntatelo 🙂

    @elena- avrai di sicuro lìoccasione per farlo, anche come semplice cotoletta, Gaia lo proponeva così!

  • Carissima Natalia, oggi sarà l’ultimo pranzo che così carinamente mi hai offerto. Purtroppo da domani ti perderò come mia cuoca e vicina di casa ma spero di non perderti come amica. ( Che leccatina eh?????) Un bacio e ci vediamo a pranzo
    Baci a tutte

  • nattynnatty, ancora natty!
    Questa ricetta è fantastica…….è un vero piatto della festa, uno di quelli che ti fa fare una figurona pur essendo veloce!
    ottima l’ idea della crosticina! un grazie alla tata di gaia!
    un bacio!

  • Ho una zia che è l’unica persona che conosco che ritengo attendibile almeno quanto Natalia sulle questioni gastronomiche. Anche lei fa questo pollo (ma anche la fesa di tacchino) alla senape, con o senza ripieno. Un accorgimento che mi ha suggerito è quello di non spalmare soltanto la senape, ma di “massaggiarla” un bel po’ sulla carne, in modo che penetri bene all’interno. Solo dopo questo massaggio di bellezza, lei lo passa in un po’ di pangrattato.
    Ecco… ora qualcuno dirà, ma come ti permetti di dar consigli a Natalia??? Be’, ma mica sono miei, sono di zia!

  • @mariagrazie – dai su , tanto lo so che ci vedremo forse più di prima…almeno per il momento da quando te ne sei andata è accaduto così 🙂

    ninalù- grazie , sono sicura che ai tuoi ragazzi piacerà! anche a quello incidentato!!! baci

    @Chiara73- le zucchine rimangono croccanti ma nell’insieme non si sentono la crosticina la fa da padrona!

    @Silvia gc-Accipicchia ho scoperto solo da poco che il tacchino a livello nutrizionale è ancora meglio del pollo tua zia la sa proprio lunga! certo che un bel massaggio di bellezza così, da come lo hai descritto, non andrebbe fatto solo alla carne di tacchino..magari non con la senape ma.che meraviglia! a parte queste distrazioni, i consigli DI ZIA sono sempre ben accetti!

  • Ciao Natalia!!
    Buon inizio di settimana!!! Sai cosa ho pensato? Che per cena farò i fiori di merluzzo…ehm…ahimè quelli congelati (shhhhhh…non dirlo a nessuno!!!!)….penso di farli al forno con la panatura che hai proposto qui….sempre che nel mio frigo ci sia la maionese….vedrò….secondo te va bene anche la crema allo yogurt? Secondo me si… Bacioni!

  • Ciao Natalia!!!!! Ho provato i filetti merluzzo di una nota marca con la salsa di yogurt e pangrattato!!!!! LA FINE DEL MONDO!!!!! Grazie per la ricetta!!!!!
    Bacini

  • @lalletta – grazie per la buona notizia! ottimo consiglio per variare la ricetta, tenendo presente che in questo modo sei andata ad insaporire un pesce che non ha molto gusto!

  • Natalia hai perfettamente capito!! Io amo il pesce azzurro, ma a volte può capitare di non averne in casa e di doversi accontentare di un pesce alquanto “insapore”!! Praticamente, la salsa yogurt è molto molto aromatizzata e buona, si sposa perfettamente con quel tipo di pesce e così anche i bambini possono mangiarlo (certe volte arricciano il naso…) perchè fai diventare i filetti di pesce come “i mitici bastoncini”!!!! Ps… per quanto riguarda le patate….altra variazione… Le mie patatae erano state precedentemente bollite e tenute in frigo perchè non consumate! Le ho tagliate a dadoni, ho messo su gli aromi ed il pangrattato!!! Così pesce e patate hanno avuto uguale tempo di cottura!!!

    Ciauuuu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valuta la ricetta




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani

Sito fatto con gusto da Nagency