Bocconi di mela fritti: sono una delinquente!!!

Ma come mi vengono certe idee? A casa da sola per un fuoriprogramma di mio marito che ha portato per tutto il giorno le bimbe dalla nonna, io che faccio? Penso a fare le mele fritte…. a venti giorni circa dal Natale e con chili e chili da togliermi addosso!!!!
Pazzesco davvero, però….che piacere 🙂   vi giuro che non tornerei indietro, no, e poi no !

Le avevo fatte da ragazza, ma non ricordo tanta soddisfazione, ora non so se è stato il piacere di fare una cosa “proibita” (dalla mia coscienza naturalmente) o perchè ho centrato la ricetta, poco dolce ne stucchevole, rielaborata non perchè ne avessi il desiderio (una volta tanto trovarsi bella e pronta una ricetta farebbe comodo eh?) ma perchè dalle dosi iniziali non se ne sarebbe “cavato” nulla, ho potuto ottenere in quel momento davvero il massimo dalla vita, basta accontentarsi no?

Tenetela presente anche voi quando volete coccolare o coccolarvi, inondare la vostra casa di profumi buoni e anche perchè no, stupire un po’ !
Buona settimana a tutti!

Ps. ho inserito nel mio blog alcuni spazi pubblicitari, spero non ne abbiate a male, ormai la sua gestione ha raggiunto per me costi che devo far rientrare , la mia linea editoriale rimane sempre quella, tranquille che non cambio nulla, faccio quello che posso e quando posso rispettando i tempi della mia famiglia e del mio “lavoro”. Tra l’altro questi spazi sono immediati, ben visibili e voi potete trarre le vostre conseguenze a anche a volte informazioni interessanti, sono sicura che chi mi legge , mi conosce , e capirà 🙂

Bocconcini di mela fritta

Facile

Ingredienti

  • 2 mele
  • 1/2 limone
  • 1 tuorlo
  • 80 g di farina
  • 60 g di amido di mais
  • 2 cucchiaini di lievito per torte
  • acqua qb
  • Zucchero a velo
  • olio di arachidi per friggere

­Procedimento

  • Preparate la pastella mescolando il tuorlo d'uovo con le due farine e il lievito.
  • Per diluire il composto unite pian piano l'acqua, ve ne occorrerà circa un bicchiere scarso ma aggiungetela un po' alla volta ricordando che più la pastella è densa più le mele ne saranno ricoperte mentre più è fluida più l'involucro sarà sottile e leggero (io preferisco questa versione).
  • Lasciate riposare un po', nel mentre sbucciate e tagliate le mele in sei spicchi che dividerete a metà, bagnateli con il succo di limone.
  • Versate in un piccolo pentolino tanto olio, dovrete metterne in abbondanza perchè questa sarà una frittura in olio profondo.
  • Appena questo raggiunge al temperatura tuffate un po' alla volta le mele nella pastella e mettete a cuocere, sempre pochi pezzi per volta.
  • Sarà veloce, non appena la pastella prenderà colore potete togliere dal fuoco. Continuate fino alla fine.
  • Al momento di servire cospargete abbondantemente di zucchero a velo oppure se volete fare come ho fatto io alcuni bocconcini li ho passati nel caramello.
  • per il caramello ho fatto sciogliere 100 g di zucchero con un cucchiaio di acqua e non appena ha preso colore ho spento e immerso uno alla volta i bocconi di mela aiutandomi con una pinza da cucina.
  • Per raffreddarli subito li ho passati, appena tolti dal caramello, in un recipiente pieno di acqua fredda, il caramello si è subito indurito ed ha formato una crosticina deliziosa intorno alla mela.

Note

L'unico difetto è che dovete mangiarli caramellati subito perché poi lo zucchero tende a sciogliersi, mentre quelli con la pastella rimangono perfetti anche dopo alcune ore. Vi ho detto tutto chi vuole farsi del male adesso???
Vuoi condividere questa ricetta?

fritti, frutta, mela, merenda


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (13)

  • Avevo un compagno delle elementari che ci invitava a casa sua per festeggiare il carnevale. Sua mamma, di Forlì, ci preparava le frittelle di mele. Me le ricordo ancora adesso!!!! Poi, purtroppo, in terza elementare si sono trasferiti e … addio frittelle. Non le ho più mangiate. Potrei fare uno strappo alla regola del mangiare sano e ripercorrere l’amarcord non credi? Un bacione e a presto!

  • Condivido la scelta di inserire la pubblicità, è giusto, è normale, è umano! E’ umano anche che io adesso abbia una voglia pazzesca di frittelle di mela, ma non posso.. mi uccidi se provo a farle al forno? Dici che la pastella sia abbastanza consistente da non spatasciarsi?

  • eh no… per stasera avevo già in mente di coccolarci con le mele “salva crisi”!! (si vede che ho delle mele da finire?!?)
    e ora, quale mela scelgo? me-le mangio tutte e due, mi sa!
    per il discorso della pubblicità, avevo immaginato che si trattasse di costi da far rientrare, ma non danno fastidio e possono anche risultare utili a noi, lettrici accanite, di TDC!!

  • @Carla – esattamente, l’unico neo è che ci si sente meno in colpa perchè si tratta di mele però…uno tira l’altro…

    @Robby – ma cosa ti faccio fare????

    @lucyinvacanzadaunavita- in effetti si faceva anche dalle mie parti, ricordo che anche io avevo un’amica la cui mamma le preparava a rondelle però per merenda.. guarda questa pastella è buonissima viene leggera e poi non essendoci zucchero è perfetta, ci si potrebbe anche aggiungere della cannella per profumarla un po’ … che dici? ciao e salutami la tua bella famiglia

    @Alessia – dunque la consistenza della pastella la decidi tu quando versi l’acqua, se fai bocconi piccoli come i miei secondo me rimane attaccata meglio e potresti provare, se lo fai fammi sapere 🙂 fritti ormai lo sai quanto son buoni, ,davvero e soprattutto veloci, poi rimane un involucro leggero per niente invadente che fa risaltare ancora di più la mela. come dicevo a lucia io ci vedrei bene anche l’aggiunta di cannella…

    @letiziando – ah, che carina! splendida splendente è un complimento bellissimo…mi dispiace che tu ti debba sacrificare ;)))

    @cla – grazie, purtroppo i guadagni sono ancora lontani per uno che ha un blog come il mio, ma sono contenta se riesco a gestire le spese e non gravare su nessuno, poi comunque dal blog mi arrivano così tante soddisfazioni : nuove amicizia, picchi di stima che non guastano mai, conferme,la possibilità di usare la mia creatività, per non parlare che proprio da tempodicottura sono arrivati quelli della prova del cuoco e il contatto con l’editore insomma…. non posso chiedere altro!!! grazie ero sicura che l’avreste capito!!!!

  • In effetti anche mia mamma le fa a rondelle!! Devo essere sincera, mi piace cucinare ma col fritto non mi sono cimentata molto, sarà che non mi ispira particolarmente ( anche se certi cibi sono proprio buoni ), se posso scelgo l’opzione al forno, forse è la volta buona per provare e decretare se sono meglio le frittelle di mamma oppure questa variante!! 🙂
    Quanto alla pubblicità…a me non disturba affatto!!! Anche tempo fa se ne parlava e si diceva che in alcuni siti distraeva dalle ricette! Secondo me, invece, se non interessa, basta semplicemente ignorarla e concentrarsi sul contenuto del sito!!
    Buon Inizio di Settimana anche a te!
    Bye e Baci!

  • O mio Dio, sei riuscita a farmi venire una di quelle voglie che per togliermela mi toccherà farli…decisamente con il caramello, questa versione non l’ho mai sperimentata..
    God Save Natalia!!!

  • beh, si può fare…si può fare! Quando qui preparo il passato di verdura, cerco sempre qualcosa di sfizioso x chiudere la cena, x invogliare i bimbi a finire il piatto. Next time proverò queste mele fritte! Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency