• Home
  • Dolci e Torte
  • Torta alla crema con macedonia di frutta, non la solita torta di frutta!
Torta in padella con macedonia di frutta

Torta alla crema con macedonia di frutta, non la solita torta di frutta!

Scritto da Natalia il .
Pubblicato in Dolci e Torte.

Avete mai cotto la base della vostra torta di frutta in padella?
Avete mai provato con una ricetta di una frolla senza burro ma con olio extravergine di oliva?
Avete mai fatto la crema senza pesare gli ingredienti ma usando il cucchiaio?
Nemmeno io tutte queste  cose insieme, prima di aver fatto  questo esperimento!

Necessità virtù, oppure anche semplice curiosità, questi sono spesso gli elementi che ci spingono a fare esperimenti, un momento, che spingono le persone “malate di cucina” come me a fare esperimenti, probabilmente mia sorella Manuela non avrebbe questi pensieri , lei ama fare ginnastica e stare all’aria aperta , fin da piccola non stava mai ferma, verticali, ruote , giravolte corse, era abilissima in tutto questo mentre io…riflettevo sul cibo già da allora!!

Ieri ho voluto provare a fare la cottura di una “frolla” in padella, in rete ci si sta sbizzarrendo con questo tipo di cotture in previsione delle temperature calde ( ad oggi ancora sotto controllo) ho preparato una frolla leggera per la mia famiglia sostituendo il burro all’olio.
Primo esperimento , riuscito, la base si cuoce bene, io ho utilizzato un testo romagnolo, quelle padelle basse con coperchio , praticissime anche per altre cotture ( ci cuocio piadine, pizze, carne pesce etc..), ho cotto prima da una parte poi con attenzione ho girato la base dall’altra a fiamma bassa, in tutto ho impiegato 20 minuti circa ma anche 15 minuti sarebbero bastati.
Poi ho pensato di fare la crema come la facevano le nonne senza pesare gli ingredienti, la mia non usava mai la bilancia, bicchieri, cucchiai cucchiaini erano le sue misure, io  ho usato i cucchiai da minestra e anche qui il risultato è stato molto soddisfacente.

Da ultimo ho preparato un mix di frutta facendo a pezzi quello che di frutta avevo in casa, non mi piacciono le torte disegnate, troppo perfette, ora sono nel periodo un po’ “naif” della serie “come viene viene” anche se per ottenere quel risultato calibro ugualmente i colori e la posizione della frutta, sono del segno della Vergine io e certe cose devono essere come le voglio io!

Penso di lasciarvi in questo modo una bella idea per questa estate, il risultato nel suo insieme è molto apprezzabile, poca fatica e stress poca spesa per una torta degna di essere offerta a tutti la base è bella croccante e non si ammoscia come fanno in genere le basi di frutta, la crema è sostenuta e se la volete più morbida basterà dosare meno farina sui cucchiai.
Io la rifarò sicuramente qui si sono leccati i baffi!

Torta in padella con macedonia di frutta

Torta alla crema con macedonia di frutta

1 Tortiera
Media
20 minuti
20 minuti

Ingredienti

Per la base della torta dal diametro di 24cm:

  • 180 g di farina
  • 20 g di fecola di patate
  • 1 uovo intero
  • 50 ml di olio extravergine di oliva leggero
  • 100 g di zucchero
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di latte se occorre

Per la crema:

  • 1/2 lt di latte (o due bicchieri d'acqua pieni)
  • 8 cucchiai rasi di zucchero
  • 3 cucchiai rasi di farina
  • 1 cucchiaio raso di amido di mais
  • 4 tuorli d'uovo
  • buccia di limone se volete
  • buccia di limone se piace

Frutta a piacere, io ho usato:

  • una vaschetta di mirtilli (una ventina di ciliegie, tre piccole albicocche e due fettine di ananas)

­Procedimento

Per la base:

  • In una ciotola rompete l’uovo intero, fate cadere a filo l’olio e usate contemporaneamente una frusta a mano per emulsionarlo bene, come si fa per la maionese.
  • In un altra ciotola mescolate le farine con il lievito, aggiungete lo zucchero e unite alla crema di uova e olio.
  • Mescolate prima con un cucchiaio poi a mano fino a formare una palla , se occorre, dipende dalla dimensione delle uova, aggiungete un cucchiaio di latte per impastare meglio.
  • Mettete in frigorifero.

Fate la crema: oggi vi faccio eseguire il metodo che ha diffuso Luca Montersino.

  • Scaldate il latte in un tegame con la buccia di limone se la gradite e portarlo a bollore.
  • Nel frattempo montate le uova con lo zucchero, ottenete un composto spumoso, unite le farine.
  • Versate questo composto nel tegame con il latte in ebollizione, attendete che la massa delle uova e farina venga conglobata al latte vedrete la schiuma del latte salire partendo dai lati fino a raggiungere il centro, non toccate nulla fino a questo momento, solo quando non vedrete più la parte cremosa delle uova potrete mescolare energicamente con la frusta.
  • Spegnete e la vostra crema sarà pronta.
    A questo punto se lo volete, per rendere la crema più lucida potete aggiungere una noce di burro.
  • Stendete il composto su un piatto e coprite facendo raffreddare in frigorifero.

Ora procedete con la cottura della base:

  • Scaldate la padella tenendo la fiamma molto bassa. Stendete la pasta dello stesso diametro della vostra padella direttamente sulla carta da forno, adagiate l’impasto sulla piastra calda, bucherellate con una forchetta e coprite.
  • Attendete 10 minuti circa, potete controllare nel frattempo che la fiamma non sia troppo calda e bruci la base della torta aprendo velocemente il coperchio e sollevando un po’.
  • Trascorso questo tempo girate e fate cuocere anche dall’altra parte.
    base torta cotta in padella
  • Togliete dal fuoco e fate raffreddare.
  • Sistemate la base sul piatto da portata, prendete la crema, lavoratela con la frusta in modo da renderla di nuovo elastica e cremosa, inseritela in una tasca da pasticcere e stendetela sulla base.
  • Prendete la vostra frutta, tagliatela come desiderate e decorate la torta. Se la volete un po’ lucida spolveratela di zucchero a velo o spennellate con un po’ di gelatina di albicocche.
    torta in padella con macedonia di frutta

Note

base torta cotta in padella
Vuoi condividere questa ricetta?

crema, frutta, Ricette veloci, torta, torta in padella


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Commenti (20)

  • Forse è più facile a dirsi che a farsi…ma mi sembra di non esserne capace..specie per girare la frolla, temo di romperla tutta!!! Ma quindi, come vedo dalle foto, la carta forno rimane anche in cottura, non solo per stendere la pasta…poi non si brucia col calore diretto della fiamma?! Difatti io il testo l’ho sempre usato per le piadine e la carne!!! 🙂 Da curiosa quale sono credo che prima o poi proverò e se fallirò pazienza, ritenterò un’altra volta!
    Buon fine settimana!
    Bye e Baci!

    • @Patrizia- si si il foglio rimane anche in cottura, io lo lascio sia per facilitare lo “scaravoltamento”, sia per evitare che la frolla assorba eventuali odori , dal momento che io li sopra ci cuocio di tutto carne e pesce…non si brucia vai tranquilla!!

  • Ciao Natalia,bellissima l’idea della frolla senza forno, specie per queste crostate estive. In casa mia la crema si é sempre fatta senza bilancia: tante uova quanti bicchieri di latte, altrettanti cucchiai di farina e il doppio di zucchero .
    Ma per cuocere andrà bene un tegame con fondo bello spesso? O meglio padella antiaderente?
    Ti leggo sempre. Continua cosí che con la tua umanità ci piaci tanto. Domenica proverà lasagne al pomodoro e ricotta.
    Un salutone.

    • @Laura71 – ciao laura scusami se ti rispondo solo ora. allora io penso che possa andar bene una padella antiaderente ma con il fondo un po’ spesso. se mantieni il foglio di carta da forno sotto va bene anche una base con il fondo d’acciaio purché spesso. grazie di tutto

  • Frolla con olio: sempre
    Pasticcera a occhio: la normalità
    La frolla in padella: questa la devo proprio provare

    Di necessità virtù ;-D
    Il burro è offlimit per me ed usare la margarina non mi va, e visto che da noi l’olio EVO è una meraviglia, mi sono votata alla frolla tutta vegetale ^_^

    La crema pasticcera? Stessa cosa: ingredienti rigorosamente a occhio e preparata con farina di riso e latte di soia…uno spettacolo
    Voglio provare a cuocere la base in padella, perchè in effetti mi sembra che la m,ia padella sia uguale alla tua in foto…quindi motivo in più per provare.

    Mi piace l’idea della frutta in ordine sparso, secondo me non è “art naiff” ma un “rompere gli schemi”, tanto siamo in estate.

    Un abbraccio
    Stef

  • Chiedo scusa, ho fatto un errore enorme, la mia frolla non è tutta vegetale…dimenticavo le uova…quelle le metto.
    Mi scusino i vegetariani/vegani ecc

  • Stupenda idea soprattutto d’estate quando il forno diventa HOT…. ma la frolla in padella risulta comunque friabile? Senza il testo si ottiene un risultato decente usando padella antiaderente??

    • @Deb – ciao, allora la frolla rimane anche e più croccante , io direi che puoi provare con una padella antiaderente purché abbia una base con uno spessore pesante, per spandere il calore meglio possibile ed evitare che la pasta si bruci

  • Ciao! Una domandina io sono di Palermo e noi facciamo sempre le nostre creme anche il famoso gelo di mellone con l’amido di frumento per esempio per mezzo litro di latte mettiamo tre tuorli circa 40 45 gr. Di amiido di frumento zucchero circa 4 cucchiai scorza di limone. Secondo i palermitani le nostre creme usando l’amido di frumento sono più leggere. Forse non si usa nel nord Italia per mancata reperibilità? Mai fatta una frolla con olio proverò! Grazie e complimenti per le tue ricette

    • @Patrizia-le vostre creme sono fantastiche!!!certo che sono più leggere, nelle nostre famiglie si usa molto anche la farina, la crema viene più compatta ma in effetti è più presente nelle cucine delle famiglie. fai pure la tua crema questa è solo un’idea
      grazie a te!

Rispondi a deb Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency