Bocconcini di riso alla pizzaiola

Bocconcini di riso alla pizzaiola

Questa calda estate ha modificato decisamente le mie abitudini.
Dopo la mia bellissima vacanza in Sicilia, mi sta capitando di trascorrere le giornate seduta o sdraiata sul divano, priva di energie, senza nessuna voglia di fare qualcosa, in un posto (qui al mare vicino a Roma) che ormai non riconosco più dove persone e cose stanno cambiando e lo stanno facendo decisamente fuori dalle mie “corde”.

Quand’è così si fatica ad adattarsi, forse l’età, forse la poca voglia di stare con gente troppo diversa da me che non ha  rispetto per le  cose comuni,  che ha perso il buon senso nel rapporto con gli  altri, cerco di approfittare solo della compagnia dei pochi che rimangono con i valori simili ai miei perché non ho nemmeno più la voglia di fingere .

Così sto desiderando di ritornare ai ritmi di sempre, pieni caotici ma vivi perchè dove c’è movimento e attività c’è una grande energia e tanta vita!

Tra le cose che mi rimangono e per le quali provo ancora una grande soddisfazione sono gli stimoli per creare e mettere insieme nuove ricette per le prossime occasioni di lavoro.
Ormai lo sapete che le anteprime le dedico quasi sempre ai miei lettori così vi consiglio vivamente di provare questi bocconcini di riso alla pizzaiola che dedico ad una mamma con un bimbo speciale, entrambi celiaci che ho conosciuto in nave nel mio viaggio di ritorno, Patrizia ed Alessandro, mentre io tornavo felice e soddisfatta dalle mie vacanze siciliane loro andavano ad affrontare una dura prova di coraggio, che poi ho saputo hanno vinto ed è stata credetemi una delle più belle notizie ricevute in questo mese.

Sono deliziosi caldi appena fatti e per quel loro sapore mediterraneo sono speciali anche freddi e anche mangiati il giorno dopo , sono raccomandati da tutta la mia famiglia e ormai ci conoscete, facciamo sul serio noi!!

 

Bocconcini di riso alla pizzaiola

Bocconcini di riso alla pizaiola

15 Pezzi
Facile

Ingredienti

  • 200 g di riso mix (baldo jasmin zizzania io l'ho acquistato da naturasi)
  • 15 pomodorini ciliegino piccoli
  • 60 g di provola (buono anche il provolone)
  • origano
  • 1 uovo
  • 3 cucchiai di formaggio grana e pecorino
  • farina di mais tostato
  • spinacini freschi per accompagnare

­Procedimento

  • Cuocete il riso lessandolo in acqua bollente e salata seguendo le indicazioni della confezione
  • Fate raffreddare
  • Tagliate i pomodorini a metà, svuotateli dai semi accoppiateli di nuovo inserendo all’interno delle cavità un dadino di formaggio
  • Mescolate al riso il formaggi grattugiati e l’uovo, salate, pepate e insaporite con l’origano
  • Prelevate piccole quantità di riso, schiacciate tra le mani, inserite il pomodorino farcito e formate una pallina ben stretta.
  • Passate nel mais tostato e friggere in olio di semi di arachidi abbondante
Vuoi condividere questa ricetta?

fritti, riso, senza glutine, Vegetariane


Natalia

Natalia

Mi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Comments (5)

  • Ciao Natalia,
    Mi dispiace sentirti cosí demoralizzata…. ma cmq credo che tu non abbia perso ol tuo sorriso di sempre.
    Io sono ancoea in Italia x le vacanze, ma presto rientro a Ginevra x’ il 24 agosto tutto ricomincia!!!
    Spero di avere presto notizie sui tuoi prossimi progetti…. Io sono sempre alla ricerca di cosa fare del mio futuro professionale….
    Ti vedremo anche quest’anno alla prova del cuoco?
    Un caro abbraccio e buona continuazione.

    Caterina

  • Natalia, proverò a farli, devono essere buoni per forza:
    In quanto al tuo sfogo non ti angustiare, io abito in una villetta circondata da altre, credimi potrei morire e nessuno se ne accorgerebbe, ormai viviamo in un mondo fatto di indifferenza, c’è soltanto un “buon giorno o buona sera” e basta.
    Buona giornata!
    Graziella.

  • @caterina – il sorriso rimane sempre un abbraccio e grazie 😉

    @graziella- infatti ma oltre alla indifferenza mi urta un sacco non aver cura e rispetto per il bene comune . In casa propria si costruiscono mausolei mentre fuori dal cancello si buttano i sacchi Dell’ immondizia! Peccato per i nostri figli :(( grazie per il tuo sostegno un bacio e a presto

  • Il caldo si fa ancora sentire ma ho un po’ più voglia di ritornare a cucinare e questi bocconcini mi ispirano parecchio!! 🙂
    Quando dici raffreddare il riso intendi passarlo sotto l’acqua per fermare la cottura o aspettare che intiepidisca da solo?!
    Ormai lo sai che io sono quella fastidiosa che ti riempie di domande stupide!!! 🙂
    Quanto al resto, il tuo essere intelligente credo che ti porti a valutare bene quali “battaglie” intraprendere e quelle per le quali non vale la pena sprecare le tue energie!
    Bye e Baci!

  • Ciao Nat,
    queste palline di riso, scusa, bocconcini di riso mi sfiziano un sacco!!!
    Dovrò fare qualche modifica per i miei problemucci, ma credo che verranno comunque deliziosi…

    Capisco il tuo stato d’animo: io vivo a pochi passi dal mare e purtroppo la maleducazione e prepotenza delle persone in vacanza mi fa arrabbiare sempre di più, soprattutto la non curanza degli ambienti naturali mi fa uscire di senno.
    Ieri mattina, per la prima volta, sono andata a spiaggia con il mio piccolino che si lamentava che non fossimo andati ancora insieme al mare.
    Allora prima dell’ufficio, alle 6.55, siamo arrivati pieni di entusiasmo in una spiaggetta libera carina e…la sabbia per buona parte era corpeta di rifiuti (bottiglie, lattine, carte e cartacce).
    Ecco che è l’esploso in me un odio profondo per questi farabutti (non persone) che normalemente a casa loro non si permetterebbero mai di fare una cosa del genere, ma in vacanza a loro avviso tutto è permesso.
    Ditemi perchè? Io non riesco proprio a darmi pace….
    Ecco perchè ti capisco cara Natalia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani
Sito fatto con gusto da Nagency