Gnocchi di patate primavera

vai subito agli ingredienti

Fare gli gnocchi di patate è semplicissimo, basta seguire alcune regole e qualche trucchetto meglio ancora se tramandato dalle nostre nonne che di sicuro la sapevano lunga e in quanto a praticità e a risultati sono e saranno sempre una garanzia.

Io preparo i miei gnocchi seguendo i consigli ancora della mia nonna, ricordo i suoi gesti perché li ho fotografati nella mente e ricorrono tutte le volte che mi metto al lavoro, come ricorrono le sue frasi e le sue raccomandazioni.

  • Prima di tutto la scelta delle patate: non vi sbaglierete mai se userete le patate vecchie, perché sono più asciutte e di conseguenza più farinose, ottime anche le patate rosse per la stessa ragione o quelle raccomandate dal vostro coltivatore di fiducia.
  • Per quanto riguarda la loro  cottura: ora ci si può avvalere anche del microonde, ma la nonna le metteva a cuocere partendo da acqua fredda salata (il sale irrigidisce la buccia che diventa più resistente evitando rotture che farebbero penetrare l’acqua all’interno del tubero rendendolo troppo umido) e mi raccomando cercate di non sovrapporle in modo che ricevano tutte lo stesso calore, la cottura sarà così omogenea.
  • Si schiacciano da calde: anzi bollenti mi raccomando.
  • Fatele poi intiepidire su un piano: anche qui ci sono tante tecniche, c’è chi dice di lavorarle subito con la farina, c’è chi dice di farle raffreddare, la mia nonna aveva un termine che ricordo con affetto diceva -bisogna far “svaporare” le patate – ovvero farle asciugare e intiepidire prima di lavorarle, e io faccio così.
    Da tiepide assorbiranno meno farina e gli gnocchi saranno più soffici.
  • Uovo si uovo no? Dilemma! Facciamo chiarezza: se conoscete le vostre patate potete preparare l’impasto senza uova, il risultato sarà quello di avere uno gnocco morbido che si scioglie in bocca ma al contempo più delicato.
    Se avete bisogno di maggior sicurezza perché magari dovete conservare gli gnocchi e utilizzarli in un secondo tempo (quindi di conseguenza dovrete riscaldarli) allora vi consiglio di aggiungere l’uovo, li renderà più compatti ma non avrete nessun problema se li “maltratterete un po’”.
  • Una cosa è certa sempre cercate di aggiungere meno farina possibile: io di solito per chilo di patate ne procuro 250g, la metto in una ciotola e me ne servo man mano, sia da aggiungere nell’impasto che per lo spolvero dei miei gnocchi, e se avanza ancora meglio.
    Potete sostituire parte della farina con un po’ di fecola di patate darete più sapore e leggerezza all’impasto.
  • La mia nonna non usava salare, e ora ho capito perché: il sale è igroscopico e tirerebbe fuori tutta l’acqua e di conseguenza richiamerebbe altra farina!
  • Ci siamo ora dobbiamo parlare della cottura: gli gnocchi si cuociono un po’ alla volta, in molta acqua salata, man mano che vengono a galla li preleviamo con un ragno e li possiamo mettere direttamente nel piatto di portata o meglio ancora in una ciotola si condiscono man mano a strati, uno di gnocchi uno di sugo, non vanno spadellati mi raccomando.

Lo so sono stata lunga ma se avete letto fino a qui capirete che un piatto così semplice e buono merita la nostra attenzione, così il nostro lavoro verrà premiato e la nostra soddisfazione sarà tanta!
Per i condimenti la scelta è vasta, oggi io ve li propongo con una salsa primavera perché utilizzo le prime verdure di stagione, tenetela in considerazione perché merita davvero.

Gli gnocchi

5
Media
1 ora
10 minuti

Ingredienti

  • 1 kg di patate farinose (vecchie o rosse)
  • 250 g di farina (anche 150g di farina e 100g di fecola di patate)
  • 1 uovo facoltativo

Per la salsa

  • 4/5 zucchine fresche
  • 100 g di pancetta dolce
  • 3 cipollotti
  • Una tazza di piselli surgelati
  • 50 g di formaggi parmigiano
  • Scaglie di formaggio pecorino
  • Sale
  • Pepe
  • Olio extravergine di oliva qb.

­Procedimento

  • Mettete a cuocere le patate partendo da acqua fredda salata.
  • Nel frattempo preparate a salsa, rosolate la pancetta tritata con un po’ di olio, aggiungete i piselli, salate dopo 5/8 minuti unite le zucchine tagliate a fettine sottili, fatele insaporire e da ultimo aggiungete la cipolla fresca che dovrà solo appassire, salate e aggiustate con il pepe, spegnete e tenete da parte.
  • Sbucciate le patate una volta pronte e schiacciatele subito utilizzando lo schiacciapatate (no frullatori o passa verdure)
  • Lasciatele intiepidire, iniziate ad aggiungere parte della farina, l’uovo e impastate velocemente.
  • Formate un panetto, schiacciatelo leggermente e ricavate tante porzioni. Formate dei filoncini, tagliate a tocchetti e rigate gli gnocchi con l’aiuto di una forchetta o di un riga gnocchi con l’aiuto del pollice.
  • Infarinateli bene e cuoceteli subito in acqua abbondante salata un po’ alla volta togliendo la farina in eccesso con l’aiuto di un setaccio.
  • Aggiungete alla salsa un bicchiere di acqua, scaldate, spegnete e unite il formaggio in modo che si formi una cremina.
  • Scolate gli gnocchi e poneteli man mano in una ciotola, conditeli a strati con la salsa, tenete un paio di cucchiaiate da parte.
  • Trasferite gli gnocchi nel piatto da portata e ultimate con la salsa tenuta da parte e le scaglie di pecorino.
Vuoi condividere questa ricetta?

Comments (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valuta la ricetta




logo footer Tempo di cottura di Natalia Cattelani

Sito fatto con gusto da Nagency